Pubblicato il 13/03/16e aggiornato il

Come applicare la moviola ai video di Youtube e come visualizzarli in slow motion.

Come visualizzare al rallentatore un video di Youtube e come applicare la moviola a tutto un video o a solo una sua parte prima o dopo averlo caricato su Youtube.
È notizia di pochi giorni fa che la FIFA ha finalmente autorizzato la sperimentazione di quella che da sempre è definita giornalisticamente la moviola in campo. Si tratta di riprodurre il filmato delle azioni di gioco a una velocità molto più bassa del reale per prendere le decisioni arbitrali in modo più giusto.

Lo slow motion in inglese o il rallentì, francesismo derivante da ralenti, sono altre definizioni della moviola che è un modo di riprodurre i filmati al rallentatore in modo da rendere più evidenti i vari fotogrammi. Questo sistema di riproduzione può essere applicato anche ai video pubblicati nei vari Canali di Youtube.  In tal senso ci possono essere due tipi di esigenze diverse. Quella di visualizzare un video di Youtube al rallentatore che magari non appartiene a noi e quella di modificare un nostro video per mostrarne una sua parte a velocità rallentata. In questo post vedremo come fare in entrambi i casi.

COME RIPRODURRE UN VIDEO DI YOUTUBE ALLA MOVIOLA


Se siamo appassionati di calcio e volessimo controllare una particolare azione di gioco alla moviola partendo da un video trovato su Youtube allora possiamo usare l'applicazione online Youtube Slow 

video-moviola-youtube

Dopo aver aperto il video su Youtube si copia il suo indirizzo nella barra del browser, si incolla tale URL nell'apposito campo quindi si va su Slow it!

slow-motion-moviola-video

In basso si può riprodurre il filmato in Slow Motion con una velocità di un quarto o della metà. Si può anche scegliere una riproduzione più rapida con una velocità di una volta e mezzo e di due volte maggiore dell'originale. Durante la riproduzione si può passare da una velocità a un'altra e si può anche condividere il filmato così riprodotto su social quali Facebook o Twitter.

COME RALLENTARE UN NOSTRO VIDEO


Poniamo per esempio che si sia creato un video tutorial in cui sia necessario rallentarne una parte per mostrare meglio un passaggio particolarmente importante. Si può avere questa esigenza per un filmato appena caricato o per un video che si sia già pubblicato. Si va su Gestioni Video e si seleziona il video quindi si va sulla freccetta accanto a Modifica e si sceglie Miglioramenti

miglioramenti-video-youtube

Si aprirà Creator Studio in cui potremo cliccare su Slow motion scegliendo tra 2x, 4x e 8x per diminuire la velocità di riproduzione di due volte, di quattro volte e di otto volte.  Il video risultante sarà più lungo fino a 8 volte di quello originale.

slow-motion-youtube

Questo strumento di Youtube può essere applicato solo a video che alla fine del processo di rallentamento avranno una durata inferiore ai dieci minuti.

 

COME RALLENTARE SOLO UNA PARTE DI UN VIDEO


Il tool di Youtube non dà modo di rallentare solo una porzione del video ma ci permette solo di rallentarlo tutto. Questo rappresenta un problema qualora volessimo che solo una parte di esso venga rallentato. Per risolvere si può procedere in questo modo:
  1. Si taglia e si estrae la parte del video da rallentare con iWisoft Free Video Converter
  2. Si carica lo spezzone di video su Youtube mantenendolo privato 
  3. Si rallenta utilizzando il tool appena illustrato
  4. Si scarica il clip video andando sempre su Gestioni Video e selezionando Scarica MP4
  5. Si unisce la clip rallentata al video originale con un Editor Video come iWisoft Free Video Converter, Windows Movie Maker o i più professionali Camtasia o Adobe Premiere
  6. Si carica il video su Youtube e si pubblica mentre si elimina quello privato precedente.




Nessun commento :

Posta un commento

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti. Se ti ho aiutato con il post o con le risposte ai commenti condividi su Facebook o su Twitter. Grazie.