Pubblicato il 14/10/19 - aggiornato il  | Nessun commento :

Come creare cruciverba con Gimp

I cruciverba o parole crociate sono uno dei giochi enigmistici più popolari che pare sia stati pubblicati per la prima volta in un giornale di New York a metà dell’Ottocento. In Italia all’inizio i cruciverba venivano chiamati parole incrociate, espressione che è andata in disuso sostituita da parole crociate che sono appunto un loro sinonimo.

I cruciverba sono formati da una griglia quadrata o rettangolare con caselle bianche e nere. Le caselle bianche vanno riempite in funzione delle definizioni che vengono mostrate insieme alla griglia e che si dividono in orizzontali e verticali. Tutte le caselle bianche che sono l’inizio di una parola orizzontale o verticale vengono numerate in sequenza. Le parole orizzontali vanno inserite da sinistra a destra mentre quelle verticali dall’alto in basso.

Uno schema di parole crociate è risolto quando viene riempito totalmente con le parole desunte dalle rispettive definizioni. Ovviamente ci possono essere diversi gradi di difficoltà per i cruciverba dovuti al numero di colonne e righe della griglia, alla lunghezza delle parole che corrispondono alla definizione e dalla ermeticità di queste ultime.




Pubblicato il 13/10/19 - aggiornato il  | Nessun commento :

Come personalizzare il file robots.txt su Blogger

Il file robots.txt è un file che deve risiedere nella radice di archiviazione del dominio; tanto per fare un esempio se un sito ha indirizzo esempio.com allora il file robots.txt deve avere come URL esempio.com/robots.txt. Si tratta di un file di semplice testo proposto nel lontano 1994 che velocemente è diventato uno standard per tutti i motori di ricerca.

Attraverso il file robots.txt gli amministratori del sito danno delle istruzioni ai crawler che scansionano le pagine del dominio. Si possono inserire delle istruzioni per fare in modo che i motori ignorino specifici file, directory o determinati URL. La sintassi dei file robots.txt è standard e, nel caso in cui in un sito non esistesse tale file, i motori lo scansioneranno integralmente senza eccezioni.

I motori che seguono lo standard del file robots.txt sono Ask, AOL, Baidu, DuckDuckGo, Google, Yahoo! e Yandex mentre Bing è solo parzialmente compatibile. Il file robots.txt è strutturato in modo da indicare il nome del crawler e quello delle pagine di cui è permessa o negata la scansione. I comandi sono essenzialmente tre: User-agent, Allow e Disallow. Con il primo si indica il nome del crawler, con il secondo le pagine di cui è permessa la scansione e con il terzo le pagine di cui è vietata la scansione.



Pubblicato il 12/10/19 - aggiornato il  | Nessun commento :

Bloccare i popup pubblicitari su Chrome, Firefox e Edge anche da mobile

Sono diversi anni che Google combatte una battaglia contro la pubblicità troppo invasiva visto che lo sta facendo dal 2012, penalizzando i siti che ne hanno troppa nell'algoritmo che determina i risultati di ricerca.

Lo scorso anno c'è stato un ulteriore salto di qualità con Chrome, il browser della casa, che blocca la pubblicità troppo aggressiva. Gli altri browser si sono subito adeguati, a partire dal concorrente Firefox. Questa battaglia di Google è anche interessata perché l'alternativa per gli utenti più esperti sarebbe quella di installare degli addon, quali AdBlock o AdBlock Plus che, nascondono tutta la pubblicità, senza eccezioni, apportano un danno economico a Google e ai publisher che utilizzano per monetizzare il loro sito il programma di affiliazione Adsense.

Nonostante questo, durante la navigazione si incontrano ancora siti che aprono automaticamente delle altre finestre o schede del browser, quando vi si accede, con la conseguenza di una esperienza decisamente negativa. In realtà gli stessi browser hanno implementato degli strumenti per limitare questi veri e propri abusi. In questo post vedremo come attivare i blocchi per queste tipologie pubblicitarie che sono sicuramente le più fastidiose.




Pubblicato il 11/10/19 - aggiornato il  | Nessun commento :

Come cambiare lo sfondo a un video con DaVinci Resolve

Fino a qualche decennio fa negli studi cinematografici veniva usata una particolare tecnica per mostrare gli attori in un dato ambiente, mentre invece erano in studio. Nei vecchi film, per esempio gli attori inquadrati all'interno di una automobile, in realtà venivano filmati in studio, mentre sembra che stiano percorrendo una strada.

La scena era girata con uno sfondo verde o blu, che successivamente veniva sostituito con un altro in fase di post-produzione. Anche in televisione il cosiddetto green screen o chroma key ha avuto grande applicazione, con show realizzati in studio, ma con sfondi aggiunti al posto di quello verde che faceva da background.

Anche con gli editor video si può applicare questa tecnica, non solo agli sfondi verdi ma a quelli di qualsiasi colore, l'importante è che siano abbastanza omogenei e che tale colore non sia presente anche nella scena a cui aggiungere lo sfondo. In sostanza se hai lo sfondo verde, non puoi andare in scena con una cravatta dello stesso colore, perché altrimenti al posto di quella si visualizzerà lo sfondo. Naturalmente ci sono dei sistemi per mascherare tali zone e eliminare tali problematiche che però non saranno oggetto di analisi in questo post.




Pubblicato il 10/10/19 - aggiornato il  | Nessun commento :

48 siti per browser game anche multiplayer

I browser game, o videogiochi per browser detto in italiano, sono un tipo di gioco a cui partecipare senza installare nulla ma collegandoci a un sito tramite un browser e usufruendo di una connessione internet.

In linea di massima i browser game sono divisi tra quelli a giocatore singolo e quelli multiplayer. I primi sono basati esclusivamente su tecnologie lato client mentre i secondi, consentendo di interagire con altri giocatori, fanno uso anche di componenti lato server.

L'offerta di videogiochi online è vastissima e ci sono siti che al loro interno contengono centinaia di giochi tra cui scegliere. Molti browser game sono in grado di individuare la provenienza del giocatore dal suo IP, o dalle impostazioni del browser, e di impostare la lingua del gioco in funzione di quella del giocatore.

Un vantaggio dei videogiochi per browser rispetto a quelli per PC, oltre a non dover installare nulla, sta anche nella possibilità di giocare con un computer normale, senza la necessità che soddisfi determinati requisiti minimi in fatto di RAM, di scheda grafica e di altre specifiche tecniche. In alcuni casi può essere necessario installare alcuni plugin ma questi di solito sono già presenti nella maggior parte dei computer e, quello più richiesto in passato, ovvero Adobe Flash Player, sta andando rapidamente in disuso anche per quello che riguarda i video game.




Pubblicato il 09/10/19 - aggiornato il  | Nessun commento :

Come usare OneDrive

OneDrive è un servizio della Microsoft che offre uno spazio di archiviazione nella nuvola, ovvero un cloud storage. Mi risulta essere meno usato dei più celebri Google Drive e Dropbox, nonostante abbia delle funzionalità anche superiori a quelle dei diretti concorrenti e offra uno spazio di archiviazione spesso superiore.

La prerogativa di questi servizi è quella di essere multipiattaforma con la possibilità di installazione nei computer, nei tablet e negli smartphone. Si potranno sincronizzare i file caricati in tutti i dispositivi collegati allo stesso account e quindi accedere ai nostri file da qualsiasi postazione, dall'ufficio, da casa ma anche in mobilità con il cellulare.

Avere dei file caricati sulla nuvola, non significa solo accedervi con qualunque dispositivo, ma serve anche per mettere al sicuro dati e software importanti per evitarne la perdita. Personalmente quando acquisto un software a pagamento, lo carico sempre in un servizio di cloud, perché potrei comunque reinstallarlo anche se dovessi formattare il computer, se smettesse di funzionare il PC o se mi fosse rubato.

Quando cambio il cellulare, prima di rottamarlo, scarico tutto quello che contiene di multimediale come immagini, documenti, video e audio e lo carico su un servizio di cloud, nel caso mi dovesse servire o a futura memoria. OneDrive offre 5GB di spazio gratuito a chi lo utilizza da adesso, ma i vecchi utenti possono contare su molto più spazio. Avendo un account Microsoft da molti anni mi sono stati assegnati 18GB che posso usare gratis.




Estrarre pagine da un PDF con Gimp e ritagliarle

Il PDF è uno dei formati più utilizzati per gli ebook, anche se in questi ultimi tempi si preferisce il formato EPUB, che è molto più leggero. In questo post corredato, anche da un video tutorial, vedremo come risolvere due problemi utilizzando il programma gratuito Gimp per Windows, Mac e Linux.

Gli studenti universitari, quando si devono documentare per una esame o per la tesi, non sempre sono interessati a tutto il contenuto di un ebook ma solo a qualche capitolo o magari solo a qualche pagina. Ecco quindi che subentra la prima esigenza che è quella di estrarre da un PDF solo le pagine che interessano.

Sempre nell'ambito universitario, è pratica comune scannerizzare le pagine dei libri, per eventualmente condividerle con i compagni in formato PDF se non addirittura stampandole. La scannerizzazione di libri di piccolo formato talvolta lascia parecchio spazio vuoto e questo rende i caratteri e le immagini del contenuto più piccoli.

Vedremo quindi come ritagliare i PDF con questo difetto per renderli fruibili più facilmente. Entrambe queste operazioni possono essere fatte in modo piuttosto semplice con Gimp che, pur essendo un software per la grafica e non un software specifico per i PDF, è in grado di importarli e di gestirli al meglio.




Pubblicato il 08/10/19 - aggiornato il  | Nessun commento :

Applicare lo zoom in, out e dinamico ai video con DaVinci Resolve

In fase di post produzione di un video, c'è spesso l'esigenza di attirare l'attenzione verso un dettaglio o verso un'area dello schermo. Lo si può fare attraverso lo zoom, funzionalità che è supportata dai video editor più evoluti.

In questo sito abbiamo già visto come zoomare in un video usando i Fotogrammi Chiave di Shotcut. Lo zoom si può applicare a un video anche con il programma DaVinci Resolve, gratuito e multipiattaforma al pari di Shotcut. In DaVinci Resolve anzi esiste anche una funzionalità chiamata Dynamic Zoom che facilita la zoomata all'interno di un video.

In questo post mostrerò come zoomare in una area di un video in avvicinamento e in allontanamento ovvero con quelle operazioni che vengono chiamate anche in italiano rispettivamente di Zoom In e Zoom Out. Come prima opzione vedremo come zoomare utilizzando i KeyFrames mentre, come alternativa più pratica, mostrerò come usare il Dynamic Zoom per zoomare automaticamente aiutandoci con la grafica.