Pubblicato il 23/09/21 - aggiornato il  | Nessun commento :

Come abilitare il Parental Control nei computer Windows

Nella maggior parte dei televisori, e dei servizi che offrono contenuti in streaming, c'è il cosiddetto Parental Control che serve per impedire ai minori di guardare programmi non adatti alla loro età. Solitamente si tratta di un gruppo di quattro cifre da digitare per accedere ai programmi protetti. Nei servizi che offrono contenuti visivi c'è anche la possibilità di creare account separati per i vari componenti della famiglia, non solo per differenziarne i gusti, ma soprattutto per porre delle limitazioni di visualizzazione quando chi guarda lo streaming è un minore.

Anche su Windows esiste un sistema di protezione di bambini e ragazzi che è simile al Parental Control anche se la sua attivazione ricorda maggiormente il sistema usato su servizi quali Netflix e Prime Video, che consentono la creazione di profili separati per i singoli familiari. La protezione dei minori che utilizzano il computer può essere integrata con l'installazione di opportune applicazioni distribuite dalla stessa Microsoft per Android e iPhone.

Si inizia cliccando sul pulsante Start per poi aprire le Impostazioni di Windows. Alternativamente si può digitare la scorciatoia da tastiera Windows + I per aprire direttamente la finestra delle Impostazioni.



Pubblicato il 22/09/21 - aggiornato il  | Nessun commento :

Sei funzionalità di Chrome che non tutti conoscono

Il browser Google Chrome è da anni il più usato al mondo anche se è più recente rispetto ad altri, Edge escluso. Discende dal progetto Chromium come d'altra parte la maggior parte delle nuove versioni dei browser, eccetto Firefox. Oltre alla funzionalità primaria della navigazione, possiede anche altri strumenti che forse non tutti conoscono. In questo post ne mostrerò qualcuno unito a un paio di trucchi per migliorarne l'esperienza d'uso.

Ricordo che Chrome può essere installato dalla sua Homepage e che supporta la sincronizzazione dei Preferiti con gli altri dispositivi in cui ci siamo loggati con lo stesso account, comprese le app per il mobile.

Solitamente su Chrome si sceglie Google come motore di ricerca e in questo articolo lo darò per scontato. Per effettuare delle ricerche su Google però non occorre aprire la sua Homepage e digitare la parola chiave nell'apposito campo per poi andare su Cerca con Google piuttosto che su Mi sento fortunato.



Pubblicato il 21/09/21 - aggiornato il  | Nessun commento :

Aggiornata l'app per verificare la compatibilità del PC con Windows 11

La Microsoft ha annunciato che il nuovo sistema operativo Windows 11 sarà rilasciato a partire dal 5 Ottobre 2021. Questo non vuol dire che tutti gli utenti lo riceveranno quel giorno. Significa che i primi PC compatibili riceveranno notifica della possibilità di installare Windows 11 in quella data ma il processo di aggiornamento da Windows 10 a Windows 11 durerà diverse settimane se non mesi o addirittura anni.

Dopo l'annuncio del nuovo sistema operativo della Microsoft in molti si sono chiesti se l'hardware del proprio computer fosse compatibile con il nuovo OS. I requisiti necessari per installare Windows 11 in realtà non sono particolarmente esigenti. Sono tutti elencati nella pagina dedicata all'introduzione di Windows 11.

  1. Processore - Almeno 1 gigahertz (GHz) con 2 o più core a 64 bit compatibile o System on a Chip (SoC);
  2. Memoria - RAM da 4 GB;
  3. Archiviazione di sistema - Dispositivo di archiviazione da almeno 64 GB;
  4. Firmware del sistema - Compatibile con UEFI e con Avvio protetto;
  5. TPM - Trusted Platform Module (TPM) versione 2.0;
  6. Scheda video - Compatibile con DirectX 12 o versione successiva con driver WDDM 2.0;
  7. Schermo - Ad alta definizione (720p) con una diagonale > di 9 pollici e 8 bit per canale di colore;
  8. Connessione internet - Necessaria con un account Microsoft per la configurazione di Windows 11.

Il TPM è un microchip implementato come modulo aggiuntivo nella scheda madre del computer. Serve per la sicurezza del PC, per archiviare e limitare l'uso di chiavi di crittografia, per l'autenticazione dei dispositivi con la chiave RSA e per garantire l'integrità della piattaforma, tramite l'analisi delle misure di sicurezza.



Pubblicato il 20/09/21 - aggiornato il  | Nessun commento :

Aggiungere l'effetto Matrix nei video e nei titoli con DaVinci Resolve

Il film Matrix è uno dei più celebri degli ultimi 25 anni, ha ricevuto quattro Oscar e ha avuto due sequel formando quindi una trilogia. Quando si pensa a questo film vengono in mente i suoi effetti speciali basati su quello che viene chiamato bullet time, che consente di vedere in ogni momento la scena al rallentatore, e sul time-slice che mostra una serie di scatti che lo spettatore vede come fotogrammi bidimensionali di una scena tridimensionale.

Un altro effetto speciale che è rimasto impresso negli spettatori è certamente quello dei codici verdi che cadono formando una sorta di pioggia di ideogrammi. In questo post mostrerò, con l'aiuto anche di un video tutorial, come inserire tale pioggia di codici verdi di ideogrammi sovrimpressi nei video, a formare testi con o senza sfondo e a essere fusi con filmati fino a realizzare dei video particolarmente originali nello stesso stile di Matrix.

Questa personalizzazione avrà bisogno del video editor DaVinci Resolve che ha una particolare funzionalità dedicata proprio agli effetti dei codici verdi di Matrix. In un articolo precedente abbiamo visto come con lo stesso programma gratuito si potevano realizzare dei titoli con lo stesso stile di Guerre Stellari.



Pubblicato il 18/09/21 - aggiornato il  | Nessun commento :

Attivare la Lettura Immersiva su Word, Outlook e OneNote

I maggiori browser web hanno introdotto da tempo la Modalità di Lettura che permette al navigatore di concentrarsi sui contenuti della pagina web nascondendo annunci, colonne, widget, header e footer.

Tale funzionalità è attivabile su Chrome, Edge, Firefox e Opera tramite un click su un pulsante. La modalità di lettura risulta molto utile anche a chi voglia stampare delle pagine web in modo da tralasciare tutto il superfluo.

Anche nei lettori degli ebook e nelle applicazioni che ci permettono di aprirli ci sono delle funzioni per visualizzare solo il testo delle pagine e null'altro. In questo post mostrerò come pure in alcune applicazioni di Office sia possibile attivare lo Strumento della Lettura Immersiva, utile specie se il documento da leggere è molto lungo.



Pubblicato il 17/09/21 - aggiornato il  | Nessun commento :

Come mostrare un video nello schermo in movimento di altro filmato

Shotcut è uno dei video editor non professionali più utilizzati per la sua facilità d'uso unita a una notevole quantità di funzioni. Si tratta di un programma gratuito e multipiattaforma installabile su Windows, Mac e Linux.

Chi ancora non lo avesse nel computer può aprire la Home di Shotcut e andare su Click to Download. Dopo aver chiuso la pubblicità nella pagina successiva, un utente Microsoft andrà su Windows Installer in uno dei due siti mirror FossHub e GitHub del tutto equivalenti. Verrà scaricato automaticamente un file in formato .exe.

Se questo non succedesse, si clicca sul link Windows Installer a 64-bit o a 32-bit in funzione del nostro hardware. Si fa un doppio click sul file .exe e si seguono le finestre di dialogo del wizard di installazione.



Pubblicato il 16/09/21 - aggiornato il  | Nessun commento :

Personalizzare la Barra di accesso rapido nelle applicazioni di Office

I programmi della suite Microsoft Office hanno più o meno tutti lo stesso tipo di layout con nella parte alta la cosiddetta Barra Multifunzione, suddivisa in schede con al loro interno quasi tutti i comandi necessari per editare documenti (Word), per creare fogli di calcolo (Excel), per editare presentazioni (Powerpoint), per gestire gli appunti (OneNote), per creare pubblicazioni (Publisher), per gestire la posta (Outlook) o per creare database (Access).

Sopra la Barra Multifunzione, e posizionata sulla sinistra, è però presente un'altra toolbar più piccola, con pochissimi pulsanti di default che però si possono aumentare e personalizzare per velocizzare il nostro lavoro. Viene chiamata Barra di Accesso Rapido e ci consente di aprire con un solo click i comandi che vi vengono aggiunti.

Se un pulsante viene aggiunto nella Barra di Accesso Rapido non occorrerà quindi cercarlo nella scheda di competenza, che qualche volta magari la dimentichiamo, perché lo avremo sempre ben visibile in alto a sinistra.



Pubblicato il 15/09/21 - aggiornato il  | Nessun commento :

Editare i video dallo smartphone con Google Foto per Android e iPhone

La maggior parte dei video che non siano professionali viene registrata con la fotocamera degli smartphone, tenuti in verticale (portrait) o orizzontale (landscape). Per migliorarli, ripulirli e arricchirli solitamente vengono inviati in un computer per poi essere editati con programmi come Shotcut, DaVinci Resolve o il costoso Adobe Premiere.

Naturalmente è possibile modificarli anche direttamente nel telefono con apposite applicazioni. In questo sito ho spesso recensito le funzionalità di Video2me, una ottima applicazione presente sul Google Play Store per editare i filmati che ha una versione gratuita con annunci e una con un piccolo pagamento una tantum.

Queste applicazioni però se sono gratuite mostrano degli annunci e hanno delle limitazioni di uso, oltre a aggiungere spesso un watermark ai video processati. In questo post vedremo come modificare i video con l'app Google Foto che è presente di default in quasi tutti i dispositivi Android e che può essere installata anche su iPhone e iPad.