Pubblicato il 21/11/18 - aggiornato il  | Nessun commento :

Come scaricare nel cellulare Android i video e le GIF di Facebook

La navigazione su Facebook viene più spesso effettuata con il cellulare che con il computer. La consultazione del Diario di Facebook per seguire gli ultimi contenuti pubblicati dagli amici può essere tranquillamente fatta in mobilità nei ritagli di tempo, anche solo per distrarsi un attimo.

Tra i contenuti presenti nel diario sono sempre più comuni i video e le immagini animate in formato GIF. Facebook considera video e GIF sostanzialmente nello stesso modo, visto che di fatto anche le GIF sono inserite come video e solitamente non sono altro che delle conversioni di filmati in immagini. Ricordo che da tempo le immagine animate possono essere caricate su Facebook, Twitter e Instagram.

Quando si naviga da computer si possono usare molti tool per scaricare video e GIF nel nostro hardware, da cellulare non è altrettanto semplice, perché bisogna utilizzare opportune applicazioni. Da circa quattro anni Facebook permette di salvare degli elementi nel nostro profilo e recentemente ha aggiunto anche la possibilità di organizzarli in raccolte.




Blogger: come inviare la sitemap con Google Search Console

L'invio della sitemap a Google in molti casi è una azione pleonastica, perché Google riesce comunque a indicizzare i siti anche senza averne la sitemap. Però facendolo si facilita indubbiamente tale indicizzazione.

Gli utenti di Blogger, che spesso si lamentano di essere sfavoriti rispetto agli utilizzatori di Wordpress, per quanto riguarda l'invio delle sitemap, sono invece sicuramente avvantaggiati. Per inviare una sitemap a Google occorre innanzitutto informare Google che ne siamo gli amministratori.

Si deve quindi andare su Search Console, da loggati con Google (o Blogger), e cliccare sul pulsante Aggiungi una proprietà in alto a destra. I possessori di blog gratuiti su Blogger del tipo nomesito.blogspot.com ne sono però esentati, perché i loro domini vengono aggiunti a Search Console automaticamente.

Coloro che hanno un blog con dominio personalizzato debbono invece seguire tutta la procedura per dimostrare a Google che ne sono i proprietari. Per gli utenti di Blogger, tra le varie opzioni di verifica, è preferibile quella denominata Tag HTML, che prevede aggiunta di un metatag nel Tema del blog




Come organizzare in Raccolte gli Elementi Salvati su Facebook

Facebook ha recentemente introdotto una funzionalità che prevedo possa incontrare il favore degli utenti. Sono ormai più di 4 anni che si possono salvare elementi su Facebook, per poi consultarli più attentamente in un momento successivo.

Questi elementi potevano essere indifferentemente foto, video, link, aggiornamenti di stato o immagini animate. Si potevano poi ritrovare, da desktop e da mobile, andando sulla opzione Elementi salvati. Da desktop tale link si trova nella colonna di sinistra, nella sezione Esplora mentre, nella applicazione per il mobile, per trovare gli Elementi Salvati, occorre andare sul menù a forma di tre linee orizzontali che si trova in alto a destra.

Si scorrono poi verso il basso le voci del menù, fino a trovare appunto Elementi Salvati. Gli utenti che erano soliti usare molto questa funzionalità, si trovavano poi in difficoltà nel ritrovare un singolo elemento perché quest'ultimi venivano elencati in ordine cronologico a partire dal più recente. Se si cercava un elemento salvato da molto tempo, non era semplice trovarlo.




Pubblicato il 20/11/18 - aggiornato il  | Nessun commento :

Come aggiungere titoli animati a un video con DaVinci Resolve

DaVinci Resolve è un editor video professionale che però può essere scaricato e usato gratuitamente da utenti singoli. La versione a pagamento ha in più delle funzionalità multiutente e alcune funzioni aggiuntive, soprattutto per il 3D. La versione gratuita è comunque ampiamente sufficiente per le normali esigenze, non solo di normali utenti di computer, ma anche di professionisti dell'editing.

Ho già pubblicato un post su come installare e usare DaVinci Resolve, corredato anche da un video tutorial, e non sto a ripetermi. Ricordo solo che, in fase di installazione, occorre dare il consenso alla installazione di un dispositivo e, al primo utilizzo, occorre consentire l'accesso all'applicazione che viene bloccata da Windows Defender.

Nella prima schermata, si va su New Project, e si dà un nome al progetto che si sta per iniziare, per poi andare su Create. DaVinci Resolve non è multilingue, e al momento può essere usato solo in lingua inglese. Verrà aperta l'interfaccia con la possibilità di navigare tra sei schede poste in basso: Media, Edit, Fusion, Color, Fairlight e Deliver. In questo articolo vedremo come inserire in sovraimpressione dei titoli in un video e anche come aggiungervi delle semplici animazioni, utilizzando i keyframes, o fotogrammi chiave, già visti su Shotcut.




Pubblicato il 19/11/18 - aggiornato il  | Nessun commento :

Come Facebook ci traccia e come sceglie la pubblicità che ci mostra

Nella scorsa primavera scoppiò lo scandalo Cambridge Analytica con l'uso scorretto di una enorme quantità di dati prelevati da Facebook da parte dell'azienda omonima. La vicenda ebbe una vasta eco, anche perché è ormai dimostrato come le campagne elettorali dei paesi democratici vengano pesantemente condizionate da fake news, create di proposito e condivise a tappeto da account virtuali gestiti da un ristretto numero di persone.

I dati che interessano le aziende, e i politici, sono di tutti i tipi e, non sono solo quelli che volontariamente condividiamo nei nostri profili, ma sono arricchiti da informazioni sulla attività del nostro account. In sostanza Facebook è gratuito ma gli utenti pagano l'azienda rinunciando più o meno volontariamente a una robusta fetta della loro privacy.

In linea di massima alle aziende non interessano i gusti di una persona specifica, ma i comportamenti aggregati per poter offrire prodotti in linea con le loro richieste e esigenze. E quando parlo di prodotti mi riferisco anche alle offerte politiche che ormai sono poco distinguibili dai prodotti tradizionali.




Come collegare il conto bancario al conto Paypal con l'IBAN

Paypal è il sistema di pagamento online più utilizzato. Ciascun conto è individuato in modo univoco da un indirizzo email e basta appunto un indirizzo di posta elettronica e una password per crearlo.

Possedendo un conto Paypal si possono ricevere dei pagamenti online, che ci verranno accreditati nel conto e che potremo utilizzare, per effettuare acquisti oppure trasferire in carte di credito o conti di nostra proprietà. Possiamo anche inviare il denaro presente nel conto a parenti o amici.

L'utilizzo di Paypal per i pagamenti online è facilitato collegando al conto una carta di credito, anche prepagata. Con un tale collegamento possiamo trasferire i soldi del conto Paypal alla carta prepagata. Quando si acquista un bene o un servizio su internet con Paypal, si può decidere di pagare con il saldo Paypal o con il saldo della carta prepagata.

I pagamenti effettuati con carta di credito presuppongono l'inserimento dei dati della carta stessa. Usando Paypal questo non succede, perché gli estremi della carta non vengono comunicati al venditore. C'è però la limitazione che non si può ricaricare il conto Paypal con una carta prepagata, ma dobbiamo farlo con un conto bancario o comunque con un servizio finanziario che sia associato a un IBAN.




Pubblicato il 18/11/18 - aggiornato il  | Nessun commento :

Come usare il nuovo Youtube Studio

Youtube ha deciso di mandare in pensione Creator Studio e di sostituirlo progressivamente con un altro strumento. Per alcuni mesi ci sarà una convivenza tra il vecchio e il nuovo ma dopo un certo periodo, per gestire il nostro canale Youtube, saremo tutti costretti a utilizzare i nuovi tool di Youtube Studio.

Creator Studio ha un indirizzo unico per tutti gli utenti. Se infatti cliccate sul link precedente da loggati su Youtube, si aprirà il Creator Studio collegato al vostro account, per la precisione nella scheda Panoramica o Dashboard. Il nuovo Youtube Studio al momento è ancora in Beta ma funziona in modo simile.

Vi si può accedere direttamente da questo link, sempre da loggati con Youtube. Però si può entrare anche da Creator Studio, cliccando sul pulsante Versione Beta di Youtube Studio, che viene mostrato nella parte alta della colonna di sinistra, sopra a tutte le altre schede. Subito dopo il login, nella barra degli indirizzi viene aggiunto all'indirizzo comune a tutti, una stringa con channel e l'ID del Canale Youtube.




Pubblicato il 17/11/18 - aggiornato il  | Nessun commento :

Come installare nuovi pennelli su Photoshop

I pennelli, brushes in inglese, presenti nei programmi di grafica, non sono soltanto quelli classici circolari, magari di differente morbidezza. Ci sono pennelli predefiniti anche molto particolari e altri tipi di pennelli sono stati realizzati da designer che li hanno messi gratuitamente a disposizione degli utilizzatori.

I set di pennelli possono essere cercati su internet, magari con ricerche in lingua inglese, che offrono un maggior numero di risultati. Il formato tipico dei set di pennelli è quello .abr che è comune a Gimp e Photoshop. Quindi se abbiamo scaricato dei file .abr di set di pennelli, questi possono essere aggiunti indistintamente su Gimp e su Photoshop.

In un precedente articolo abbiamo visto come installare nuovi pennelli in GIMP. In quello stesso post ho elencato 20 risorse gratuite di set di pennelli che possono essere scaricati dagli utenti. Le pagine in cui scaricare i pennelli hanno sempre dei banner pubblicitari che possono trarre in inganno. Bisogna cliccare sul pulsante Download, o Scarica o Free Download che non si trova all'interno di una unità pubblicitaria.

I pennelli vengono solitamente scaricati in un file di formato ZIP. Gli utenti di Windows ci dovranno cliccare sopra con il destro del mouse, per poi andare su Estrai tutto. Si aprirà una finestra con il nome della cartella che verrà creata e che sarà lo stesso del file ZIP. Si clicca su Estrai per completare l'apertura dello ZIP.