Pubblicato il 28/11/21 - aggiornato il  | Nessun commento :

Attivare DNS over HTTPS in Windows 11 per criptare i dati degli indirizzi

Gli indirizzi web sono un insieme di numeri che sarebbero molto difficili da ricordare. Per questa ragione vengono tradotti in stringhe testuali. Il protocollo IPv4 traduce in indirizzi mnemonici delle quartine di numeri che vanno da 0 a 255 e che sono separati da un punto. Con tale protocollo si possono tradurre fino a un massimo di 232 indirizzi web che sono circa 4 miliardi e quindi insufficienti vista l'esplosione della telefonia mobile.

È stato quindi introdotto il protocollo IPv6 con indirizzi formati da 8 gruppi di 4 cifre esadecimali divisi da due punti. Le cifre esadecimali sono costituite dai numeri che vanno da 0 a 9 e dalle lettere che vanno da A a F.

Quando un gruppo è formato da una quartina di 4 zeri può essere indicato con uno zero soltanto, o essere tralasciato ed essere sostituito dai due punti. Il protocollo IPv6 permette di creare un numero di indirizzi pari a 2128=3.4×1038 . Si tratta quindi di un numero con 38 cifre sufficiente per molto tempo. Nei computer Windows c'è una impostazione che comunica al sistema di usare il server DNS automatico.



Pubblicato il 27/11/21 - aggiornato il  | Nessun commento :

Creare clip o video di testo animato che si ripete con DaVinci Resolve

Temo che leggendo il titolo del post non si sia capito quello che intendo mostrare, d'altra parte è difficile sintetizzare in poche parole la personalizzazione oggetto di questo articolo. Usando il video editor DaVinci Resolve, anche nella sua versione gratuita, si potrà replicare un testo in orizzontale e in verticale una infinità di volte.

Si creerà quindi un muro con sfondo personalizzato e con un testo ripetuto a cui applicare lo zoom, la rotazione e la prospettiva. Poi con l'utilizzo dei Keyframes, o Fotogrammi Chiave,  si animerà il muro cambiando in modo continuo zoom, rotazione e prospettiva, facendo muovere il muro con il testo che lo riempie completamente.

La clip del muro animato con testo ripetuto potrà poi essere salvata come clip indipendente oppure utilizzata in altri progetti posizionandola sopra ad altri video e eliminando il suo sfondo con la funzionalità del Green Screen.



Pubblicato il 26/11/21 - aggiornato il  | Nessun commento :

Attivare il Gode Mode in Windows 11 per gestire il PC da una schermata

Il God Mode di Windows è una cartella nascosta che contiene un elenco di tutte le funzionalità del sistema operativo. Si tratta di un modo alternativo per accedere alle Impostazioni e al Pannello di Controllo con tutte quelle risorse visualizzabili in un solo posto. È presente sugli OS Microsoft a partire da Windows Vista.

Il nome completo di questa funzionalità sarebbe Windows Master Control Panel ma è universalmente conosciuto come God Mode. Non è immediatamente disponibile perché nascosto e quindi da attivare.

In sostanza verrà creata una cartella con l'aspetto di quelle del Pannello di Controllo in cui accedere a 215 impostazioni, per visualizzarle e eventualmente modificarle. L'attivazione del God Mode prevede la creazione di una cartella sul desktop a cui sostituire il nome con quello di una stringa con un codice alfanumerico tra parentesi graffe, che è un CLSID, cioè un identificatore univoco globale della Microsoft della classe dell'oggetto.



Pubblicato il 25/11/21 - aggiornato il  | Nessun commento :

Condividere file e cartelle criptate con password verso altri PC Windows

La condivisione di documenti criptati con amici, compagni di lavoro, o semplici contatti online, presenta un problema non di semplice soluzione. Per crittografare un file o il contenuto di una cartella abbiamo bisogno di un software che non è detto sia disponibile anche nel PC di chi riceve i contenuti criptati per poterli decifrare.

In questo post mostrerò come si possa risolvere facilmente la questione con un computer Windows, anche di versioni più vecchie, e non solo con Windows 10 e Windows 11.  Non escludo che tale funzionalità possa essere utilizzata anche dagli utenti Linux. I computer Windows hanno infatti da tempo uno strumento accessibile dal menù contestuale che consente di scompattare i file ZIP, estraendone il loro contenuto.

Il trucco che andrò a mostrarvi consiste nel creare dei file ZIP, da altri file o da cartelle, e di crittografarli con una password a nostra scelta. Il file ZIP criptato lo potremo quindi condividere con altri utenti Windows tramite email, WhatsApp, Telegram, Facebook Messenger, chiavetta USB o qualsiasi altro sistema.



Pubblicato il 24/11/21 - aggiornato il  | Nessun commento :

Unire due o più filmati con transizioni con il video editor DaVinci Resolve

La procedura per l'unione di un numero indefinito di clip in un solo filmato è sostanzialmente lo stesso in tutti i video editor. Si posizionano le clip una di seguito all'altra nella Timeline e poi si esporta il video della loro unione.

Il passaggio da un video all'altro sarà repentino e senza la necessaria morbidezza. Per questa ragione, in quasi tutti i video editor, è presente la funzionalità delle Transizioni per passare da una clip all'altra con una infinità di modi.

Abbiamo già visto come applicare le Transizioni con Shotcut, che ne offre più di venti e con cui si possono creare anche di personalizzate. Le transizioni vengono create automaticamente sovrapponendo il secondo video al primo per una durata variabile. Di default viene aggiunta la transizione della Dissolvenza ma, andando su Proprietà, se potrà scegliere un'altra dall'elenco del menù verticale. Si può impostare anche una transizione per gli audio.



Pubblicato il 23/11/21 - aggiornato il  | Nessun commento :

Duplicare persone nei video con DaVinci Resolve

Nel momento in cui scrivo questo post la versione più recente di DaVinci Resolve è la 17.4.2. Con la precedente versione 17.4.1 è stato introdotto l'effetto 3D Keyer che ci permette di eliminare gli sfondi omogenei dai video mediante la funzionalità del Green Screen che precedentemente su DaVinci Resolve era troppo macchinosa.

Utilizzando questo effetto in questo articolo vedremo come si possa duplicare una persona inserendo le due copie in un altro sfondo a nostro piacere. Con la versione gratuita di DaVinci Resolve si può operare solo con video che siano stati realizzati con il Green Screen mentre, se si possiede la versione a pagamento, si possono eliminare gli sfondi da tutti i video con l'intelligenza artificiale e la funzionalità della Magic Mask

Nella Home di DaVinci Resolve è stato eliminato il pulsante Scarica sostituito da due pulsanti, rispettivamente per il download della versione gratuita e per l'acquisto online di quella a pagamento. Si aprirà comunque la stessa schermata con sulla sinistra i pulsanti per il programma gratis e sulla destra per la versione Studio che costa 255€.



Pubblicato il 22/11/21 - aggiornato il  | Nessun commento :

Personalizzare i suoni di sistema su Windows 10 e 11

Quando si avvia un computer Windows si sente un classico suono fin dalle versioni più vecchie del sistema operativo della Microsoft. Altri tipi di suoni vengono riprodotti automaticamente quando accadono determinati eventi, come il collegamento di una chiavetta USB o la notifica di un file pericoloso rilevato dal computer.

Questi suoni sono predefiniti ma l'utente li può personalizzare scegliendone altri dalla libreria della stessa Microsoft oppure addirittura importandoli dall'esterno. La personalizzazione di questi suoni è possibile sia su Windows 11 che su Windows 10. Su Windows 11 i suoni di sistema sono leggermente diversi a seconda se si sia scelta la Modalità Scura o Chiara per il Tema di Windows. Con la Modalità Chiara sono più limpidi mentre con quella Scura sono meno invadenti. Per controllare la modalità attivata sul nostro Windows 11 si clicca con il destro del mouse in uno spazio vuoto dello schermo per poi andare su Personalizza nel menù contestuale.

Verrà aperta la finestra delle Impostazioni in Personalizzazione. Si va su Colori e si controlla la Modalità attivata. Ci sono tre opzioni: Chiaro, Scuro e Personalizzato. Con questa terza opzione si possono scegliere diverse modalità per la Modalità Predefinita di Windows e per la Modalità Predefinita delle applicazioni.



Pubblicato il 21/11/21 - aggiornato il  | Nessun commento :

Installare WhatsApp Beta dal Microsoft Store su Windows 10 e 11

WhatsApp originariamente era stata rilasciata per dispositivi mobili ma successivamente ha aggiunto una funzionalità per aprire il proprio account anche dai browser desktop. Si apre WhatsApp Web e ci si logga aprendo l'applicazione sul nostro smartphone per poi andare sul menù quindi su Dispositivi Collegati

Nella finestra successiva si tocca sul pulsante Collega un dispositivo e si scansiona il codice QR apparso nella pagina web aperta con il browser. All'inizio WhatsApp Web funzionava solo se lo smartphone era acceso e connesso alla stessa sorgente internet del computer. Non troppo tempo fa è stata rimossa anche questa limitazione.

Seguendo la falsariga di Telegram, che solitamente fa da apripista, anche WhatsApp ha rilasciato una versione installabile su Windows dal Microsoft Store. Può essere quindi installata su Windows 10 e Windows 11.