Pubblicato il 24/04/18 - aggiornato il  | Nessun commento :

Come creare immagini animate di alta qualità in MNG e APNG con Gimp

Quando si parla di immagini animate ci si riferisce quasi sempre al formato GIF, che però ha la possibilità di mostrare solo 256 colori e che quindi non crea immagini di grande qualità, visto che non può riprodurre tutte le sfumature di colore.

Ci sono anche altri formati alternativi al GIF in  grado di creare immagini animate. Sono molto meno utilizzati ma creano animazioni di maggiore qualità anche se molto più pesanti. Mi riferisco ai formato .MNG e APNG, ovvero Animated PNG, che sono delle estensioni del formato PNG.

Entrambi questi formati creano immagini a 24bit con 8bit di trasparenza e quindi in grado di riprodurre oltre 16 milioni di colori, senza contare quelli che possono essere arricchiti con gli 8bit della trasparenza.

Le immagini animate sono formate da una serie di fotogrammi che si riproducono, a distanza di un intervallo di tempo presente nelle informazioni del file. Le animazioni possono essere create convertendo dei video o con programmi di grafica come Photoshop e Gimp.



Pubblicato il 23/04/18 - aggiornato il  | Nessun commento :

Come convertire video in GIF e viceversa con Android

Le immagini animate sono formate da una serie di fotogrammi e dalla informazione sull'intervallo di tempo in cui ciascun fotogramma deve rimanere visibile durante la riproduzione. Sono a conoscenza di tre tipologie di formati per le immagini animate: APNG, MNG e GIF.

I file APNG, acronimo di Animated Portable Network Graphics, sono una estensione dei file PNG e permettono di realizzare animazioni  supportando immagini a 24 bit con trasparenza a 8 bit, non disponibili per le GIF. I file MNG li abbiamo già incontrati nelle istruzioni per creare PDF multi pagina di foto con Gimp.

Il formato MNG, acronimo di Multiple-image Network Graphics, è quindi anch'esso correlato al formato PNG ed è un suo sviluppo per aggiungere immagini animate. Il formato però più utilizzato in assoluto per le immagini animate è tuttora il GIF, che ha meno qualità rispetto ai due formati derivanti dal PNG, ma che è usato universalmente e supportato dalla gran parte del social network come Facebook, Twitter, Google+, Instagram, Snapchat, Telegram e WhatsApp.




Widget per Blogger delle Etichette Popolari in una pagina statica

Nei siti della piattaforma Blogger, gli articoli possono essere organizzati per data di pubblicazione e per etichette. Non esistono le categorie come accade in Wordpress per creare una gerarchia tra categorie madri e categorie figlie. Questo tipo di archiviazione, dà luogo a dei widget ufficiali di Blogger denominati rispettivamente Archivio Blog e Etichette.

Le Etichette in Blogger vengono chiamate Label e non Tag come avviene su Wordpress. Il gadget delle Etichette ha come ID #Label1, se ne è stato inserito uno soltanto. Invece se ne installiamo un altro, avrà ID #Label2.

A ogni post possono essere aggiunte un numero di etichette molto elevato, mi pare addirittura 20. Consiglio però di limitarci a un numero che vada da 1 a 3 etichette per articolo. Non tutte le etichette hanno la stessa importanza. Ci sono etichette inserite in molti post e altre che invece sono in un numero limitato di articoli.

In questo post vedremo come creare una pagina statica che mostri gli ultimi articoli delle Etichette più popolari con il link per aprire la pagina della etichetta, in un blog gratuito, ha come indirizzo generico




Pubblicato il 22/04/18 - aggiornato il  | Nessun commento :

Come creare file PDF con Windows 10 senza software aggiuntivi

Il successo del formato PDF per i documenti risiede nel fatto che questi tipi di file vengono aperti da tutti i dispositivi mantenendo lo stesso layout. Vale a dire l'aspetto del documento sarà lo stesso se aperto da Windows, da MacOS, da Linux, da dispositivi mobili con sistema operativo Android o con sistema operativo iOS.

La ragione di questa invarianza dell'aspetto, sta proprio nello stesso sistema utilizzato per realizzare questi documenti. I software che creano PDF possono essere particolarmente costosi come quelli ufficiali della Adobe, azienda che ha creato il formato PDF, oppure gratuiti rilasciati da altri sviluppatori. Ci sono anche molti tool online per creare PDF. Esistono anche applicazioni per creare PDF con Android.

Fino a qualche tempo fa gli utenti di Windows, per creare dei PDF, dovevano installare dei software in grado di farlo, oppure utilizzare gli strumenti messi a disposizione dalla Suite Office della Microsoft o da quella gratuita LibreOffice. Questi programmi non facevano altro che installare quella che viene chiamata una stampante virtuale, in grado di stampare il documento o l'immagine, non in modo fisico ma di mostrarlo alla stregua di un documento scannerizzato.




Pubblicato il 21/04/18 - aggiornato il  | Nessun commento :

Come creare file PDF multi-pagina di foto usando Gimp

Qualche tempo fa abbiamo visto come creare dei file PDF con delle foto utilizzando Photoshop. Che la cosa fosse possibile era evidente visto che il formato PDF è stato creato dalla Adobe, che è l'azienda che rilascia anche Photoshop. Il metodo usato su Photoshop è piuttosto semplice visto che si va su File > Automatizza > Presentazione PDF… per poi aggiungere le immagini da unire in un solo PDF nella finestra di configurazione che verrà aperta dal programma.

Chi non avesse Photoshop nel computer e volesse creare gratis un PDF unendo più immagini come potrebbe fare?

Naturalmente lo si può fare con LibreOffice. Si importano le immagini nel documento, ciascuna delle quali che prenda tutto il layout della pagina, per poi salvarlo in formato PDF.

Si tratta però di una operazione che può essere lunga e che potrebbe portare a dei risultati non ottimali. In questo articolo vedremo come creare un PDF con più immagini usando un programma gratuito di grafica e un tool online. Mostrerò due modi di procedere di cui il primo è da preferire per il risultato di migliore qualità.




Pubblicato il 20/04/18 - aggiornato il  | Nessun commento :

Come estrarre pagine da un PDF con Windows 10 o con 5 tool online

Avete nel computer un documento PDF di cui vi servono solo alcune pagine? Questa operazione di estrazione è semplicissima da effettuare con Adobe Acrobat Pro delle versioni anche più vecchie. Tale programma però è molto costoso e non è presente in tutti i computer.

Vediamo come risolvere usando degli escamotage o degli strumenti online che, per quello che riguarda i PDF, sono veramente numerosissimi. Come prima opzione vi consiglio una applicazione che credo esista di default in tutti i computer Windows 10 aggiornati e che si chiama Microsoft Print To PDF.

Se non fosse presente nel vostro PC, aprite la pagina del Microsoft Store con l'app MicrosoftPrintToPDF, per installarla andando su Scarica l'app. Questa applicazione creerà una stampante virtuale da usare per creare PDF da documenti Word, Excel e Powerpoint ma anche per estrarre pagine da un documento PDF.




8 app per misurare la frequenza cardiaca con Android e iPhone

I cellulari di ultima generazione possono dare un grande impulso alla prevenzione medica, perché sono in grado di monitorare alcuni parametri vitali senza andare dal medico. Alcune di queste misurazioni hanno per il momento bisogno di un hardware esterno, come per esempio, il kit per la misurazione della pressione sanguigna.

Ci sono però dei controlli che possono essere fatti direttamente dallo smartphone senza l'aggiunta di un componente esterno. Un parametro vitale fondamentale è quello della frequenza cardiaca, dato importante per gli sportivi durante gli allenamenti, ma anche per chi soffre di disturbi come aritmia, palpitazioni, tachicardia, diabete o che ha avuto pregressi di ictus o infarto cardiaco.

La frequenza cardiaca si può misurare anche manualmente, da soli e senza smartphone, mettendoci la mano sul cuore e contando i battiti nel corso di un minuto o anche solo di 15 secondi, per poi moltiplicare per quattro. Invece di mettere la mano sul cuore, si può mettere un dito sulla arteria carotide nel collo. Ovviamente ci si può far misurare la frequenza cardiaca anche da un'altra persona con la stessa tecnica.




Pubblicato il 19/04/18 - aggiornato il  | Nessun commento :

Come attivare lo SPID con Poste ID

Sono ormai più di due anni che i cittadini possono ottenere lo SPID, acronimo di Sistema Pubblico di Identità Digitale, ovvero un PIN unico per accedere a numerosi servizi della Pubblica Amministrazione con un'unica identità digitale costituita da un username e una password a scelta dell'utente.

Lo SPID potrà essere utilizzato da computer, tablet o smartphone. Tanto per fare un paio di esempi, con lo SPID si può accedere alla Carta del docente e alla 18App per avere buoni sconto fino a 500 euro destinati rispettivamente agli insegnanti e ai diciottenni.  

Lo SPID è concepito con tre livelli di sicurezza. Al primo livello si accede semplicemente con username e password. Il secondo livello sarà accessibile con la creazione di un codice temporaneo, come quello che ci viene inviato per SMS quando paghiamo con Postepay o con l'home banking. L'accesso al terzo livello ha bisogno anche di una una smart card o un token di sicurezza simile a quello utilizzato per il login su Google.

Lo SPID viene rilasciato dagli Identy Provider che hanno ottenuto la certificazione dall'AgID. Attualmente gli enti autorizzati a rilasciare lo SPID sono sette: Infocert, PosteItaliane, SielteID, Telecom Italia Trust Technologies, Spid Italia Register.it, Intesa (Gruppo Ibm), Aruba. Il rilascio dello SPID avverrà solo con la certezza della identità del richiedente che potrà essere verificata in vari modi.