Pubblicato il 04/06/18 - aggiornato il  | Nessun commento :

Come funziona Google Trends per aumentare le visite del nostro sito

Come usare Google Trends per migliorare la SERP dei post su Google, cercare le parole chiave migliori e ottenere più traffico
Google Trends è un servizio storico di Google che fino a qualche anno fa era affiancato da Google Trends for Websites e da Google Insights for Search. Adesso i collegamenti a questi tre servizi vengono rediretti al solo Google Trends che ha finito per comprenderli tutti.

Recentemente Google Trends ha avuto un importante restyling e ha implementato nuove funzionalità. Si può usare anche essere loggati con Google e, appena aperta la pagina, viene geolocalizzato il browser per mostrare i dati più pertinenti alla zona geografica dell'utente. Se si accede con una scheda in Incognito, la localizzazione sarà quella degli Stati Uniti.  Se la geolocalizzazione fosse sbagliata o se ci interessasse avere i dati relativi alle ricerche in un altro paese, ecco che si può andare in alto a destra e scegliere il paese dal menù verticale che si apre cliccando sulla freccetta che punta verso il basso.

In definitiva Google Trends serve appunto per scoprire quali ricerche vengono fatte in tutto il mondo, inserendo un data parola chiave. Oltre a questo ci sono una sezione in cui leggere le notizie aggiuntive, i dati delle tendenze di ricerca giornaliera, i dati di un anno di ricerche e il materiale informativo su News Lab  e Trends.

Facciamo l'esempio di scegliere l'Italia come paese di riferimento. Al momento nelle ricerca di tendenza ci sono Alvaro Soler, Warriors - Cavaliers, Luciana Littizzetto, Sudtirol Viterbese, Alice Rohrwacher, ecc con un numero di ricerche che parte da 10.000. Cliccando su Altre Ricerche di tendenza si scoprono quelle che sono state le ricerche che hanno fatto registrare il maggior volume anche nel giorno precedente (3-6-2018): Alessandra Appiano, Cittadella Bari, Iliad, Venezia Perugia, ecc.





Si tratta evidentemente di informazioni che sono di grande interesse per chi pubblica sul web. Conoscere quello che stanno cercando le persone è fondamentale per rispondere con una offerta di contenuti a una domanda precisa. Particolarmente interessante è anche la sezione Un anno di ricerche, con cui si possono scoprire i volumi di ricerche delle parole chiave negli anni che vanno dal 2001 al 2017. Lo scorso hanno troviamo ai primi posti tra le parole chiave: Nadia Toffa, Hotel Rigopiano, Italia - Svezia, Sanremo, Terremoto.

Ci sono classifiche anche per i volumi di ricerca di Personaggi, Eventi, Come fare..., Perché...., Cosa significa..., Mete Vacanze, Ricette, Biglietti.  In Come fare vince Le olive in salamoia, in Perché al primo posto c'è La Catalogna vuole l'indipendenza, in Cosa significa prevale Ipocondriaco, per le Mete Vacanze la Sicilia, per le Ricette il Migliaccio napoletano, e, infine, per i Biglietti prevalgono i motori su due ruote di Eicma su Vasco Rossi.

COME USARE GOOGLE TRENDS PER OTTIMIZZARE I CONTENUTI


È evidente che i siti web debbono parlare degli argomenti in cui si sono specializzati e non seguire le tendenze ma, con Google Trends, si possono scegliere le parole chiave con più volumi rispetto a quelle meno cercate, quando ci siano dei sinonimi equipollenti. Forse è opportuno fare un esempio pratico.






Scegliamo l'Italia come paese in cui trovare i Trends di ricerca e digitiamo la parola telefonino nel campo di ricerca. Nel primo campo viene mostrato il grafico dell'andamento del volume di ricerche nel corso del tempo.

ricerche-google-trends


Più in basso possono essere consultati anche i dati disaggregati per regione con la Sicilia al primo posto seguita da Campania e Calabria. Se nel  nostro sito pubblichiamo post sulla telefonia mobile, ci potrebbero porre il quesito se sia più cercato il termine telefonino, la parola cellulare o l'espressione anglofila smartphone.

Si clicca su +Confronta e si digitano gli altri due termini andando successivamente su Invio.

confronto-google-trends

Verranno mostrati dei grafici, con diversi colori, con i volumi di ricerca per le tre parole chiave immesse nel corso dell'ultimo anno. Al posto di Ultimi 12 mesi possiamo scegliere un altro lasso di tempo così come un paese diverso dall'Italia. Un interesse particolare lo merita anche la sezione Tutte le categorie. Si può raffinare la ricerca per esempio limitandoci a settori particolari  quali Acquisti, Giochi, Notizie, Sport, ecc...





I dati riguardano la ricerca su Google ma si possono trovare i volumi delle date parole chiave anche Google Immagini, Google News, Google Shopping e Youtube. Più in basso rimane anche la possibilità di consultare i dati per le singole regioni. Direi però che la sezione più importante per un webmaster sia quella delle Query associate a ciascun termine immesso nelle ricerche di Google Trends.

query-associate-google-trends

La query di ricerca più associata a cellulare è cellulare spento seguita da una romantica guardo troppo il cellulare ma io guardo te. Per quello che riguarda smartphone, al primo posto troviamo smartphone 2018 seguita da giochi per smartphone. Quelle mostrate di default sono quelle In aumento, possiamo però passare a Più cercate.

query-più-cercate

che mostrano i dati proporzionali in relazione alla parola chiave più cercata a cui viene assegnato il valore di 100. Per cellulare ai primi posti si trovano le query associate giochi cellulare e cover. Per smartphone abbiamo invece ai primi due posti smartphone 2017 e miglior smartphone. In basso si possono consultare tutte le 25 query di ricerca correlate al termine digitato. Cliccando sul menù a forma di tre puntini, che si visualizza passando sopra a un elemento con il cursore, si può andare su Esplora per avere più info, su +Aggiungi al confronto per confrontare quella data query con quelle già digitate e su Cerca su Google per vedere i siti che attualmente sono ai primi posti nelle SERP dei risultati di ricerca per quella data parola chiave.

Questi dati sono delle informazioni fondamentali. che possono essere condivise, incorporate in una pagina web o scaricate cliccando sulle relative icone. Se si procede al download, scaricheremo un file in formato CSV che potrà essere aperto con Excel o con Libre Office. Accanto a ciascuna query, verrà mostrato anche il numero proporzionale delle ricerche che parte da 100 per la ricerca correlata più popolare.

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE


Credo sia inutile soffermarci sulla grande utilità per un blogger, anche alle prime armi, di tutte le informazioni che possono essere ottenute da Google Trends. Se siete amministratori di un sito che sta sul pezzo 24 ore su 24, vi conviene consultare anche quelle che sono le Ricerche in Tempo Reale che vengono fatte in Italia. Per la cronaca le ricerche su IMU e TASI stanno battendo quelle sull'Esame di Maturità.

Dai dati di Trends vengono esclusi i termini con un volume basso che avranno il risultato zero. Inoltre Trends elimina le ricerche ripetute effettuate da uno stesso utente e quelle con apostrofi e caratteri speciali. Potete affinare le ricerche su Google effettuando delle Ricerche Avanzate sia nel web sia per le Immagini. Un utente medio però penso si possa limitare a inserire il termine + tra due parole chiave, quando vuole che queste siano presenti entrambi nei risultati di ricerca. Deve invece inserire il carattere - prima della parola chiave che non vuole compaia nei risultati di ricerca. Per esempio con ricetta + parmigiana + melanzane si avranno risultati di ricerca che conterranno tutti e tre i termini digitati mentre con ricetta + parmigiana + melanzane - fritto - fritte verranno eliminati risultati di ricerca che prevedono di friggere le melanzane.




Nessun commento :

Posta un commento

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti.
Info sulla Privacy