Pubblicato il 08/06/18 - aggiornato il  | 2 commenti :

Come creare un link secondo le regole SEO

Come creare dei link secondo le regole guida SEO di Google e come arricchire i collegamenti con informazioni sulle pagine linkate
Quando si edita una pagina web di un sito, per poi pubblicarla in rete, occorre tenere a mente quelle che sono le regole della cosiddetta SEO, acronimo di Search Engine Optimization, per fare diventare tale pagina la più autorevole possibile, quando viene scansionata dai crawler dei motori di ricerca.

Il primo contributo al buon posizionamento di un sito lo dà quello che è il contenuto, cioè il testo del corpo della pagina che può essere più o meno coinvolgente per i lettori. Google, il motore di ricerca per antonomasia, riesce a capire il livello di qualità di un post dalla percentuale di click ricevuta nei risultati di ricerca, dalla frequenza di rimbalzo, dal numero di condivisioni nei social, dal numero di persone che inseriscono quella pagina nei Segnalibri di Chrome e da altri fattori dell'algoritmo che sono ignoti ai più.

Se Content is King secondo la filosofia di Google, un altro parametro fondamentale per il successo o meno di una pagina, è il titolo che deve essere descrittivo, pertinente e con le giuste parole chiave. Una grande importanza le rivestono pure le immagini, ce ne deve essere almeno una in tutte le pagine, che devono avere obbligatoriamente il tag Alt e, opzionalmente, pure il tag Title, per mostrare una descrizione della stessa immagine in un tooltip, quando un lettore ci passa sopra con il cursore.

In questo post mi occuperò si quelle che sono le regole SEO da seguire per inserire dei collegamenti. I link più importanti per una pagina web sono i cosiddetti backlink, cioè i link che riceve da altri siti e che ne attestano la qualità e l'autorevolezza. Però anche i link inseriti nella pagina hanno una loro importanza fondamentale.





Partiamo innanzitutto da quella che è la sintassi minimalista per inserire un collegamento:

<a href="#"> Testo di ancoraggio </a>

dove al posto del cancelletto (#) va incollato l'URL della pagina collegata al link. Il Testo di ancoraggio, o Anchor Text, è la parte fondamentale di un link. Si tratta di quello che viene effettivamente visto dal lettore, che prende una colorazione diversa rispetto all'altro testo della pagina, che spesso è sottolineato, che muta di colore se ci si passa sopra con il mouse e che cambia colorazione se ci si è cliccato sopra almeno una volta (link visitati).

Secondo la Guida di Google il Testo di ancoraggio deve seguire questi accorgimenti di base:
  1. Il testo deve essere descrittivo - il lettore deve avere una idea di cosa ci sia nella pagina di destinazione del collegamento. Sono quindi da evitare anchor text del tipo clicca qui oppure leggi questo post
  2. Il testo deve essere breve - Non si possono cioè creare degli anchor text troppo lunghi
  3. Evidenziare bene i link - Il Testo di ancoraggio deve essere ben distinguibile dal resto della pagina per evitare che vengano cliccati link per sbaglio o che non possano essere visti perché dello stesso colore.
  4. Ottimizzare il Testo di ancoraggio anche per i link interni - Si deve prestare attenzione all'anchor text anche per i link interni al sito e non solo per quelli esterni.






Iniziamo con un esempio pratico.

STRATEGIE PER OTTIMIZZARE IL TESTO DI ANCORAGGIO


Poniamo che nel nostro sito si voglia spingere in alto nei risultati di ricerca una pagina che parla di Guide per Blogger. Tale pagina dovrà essere linkata in altri post e con un testo di ancoraggio che vari da post a post:
  1. Corrispondenza query di ricerca - Se vogliamo che questa pagina venga trovata con la parola di ricerca "Guide per Blogger", dobbiamo usare proprio questo Testo di ancoraggio come prima scelta.
  2. Aggiunta di termini correlati- Quella pagina si può linkare con un Testo di ancoraggio che usi delle parole aggiuntive rispetto alla query scelta come prioritaria. P.e. "Guide di Blogger per principianti"
  3. Usare dei sinonimi - L'italiano è una delle lingue più ricche del mondo e praticamente non esiste vocabolo che non abbia un sinonimo. Un altro Testo di ancoraggio può essere quindi "Tutorial per Blogger".
  4. Usare il proprio sito - Se avete un blog o sito che ha una certa notorietà in rete, potete usarlo come brand per posizionare la pagina. P.e. Guide di Idee per Computer ed Internet oppure Guide di IpCeI.





È però inevitabile che, per non appesantire troppo il post, si debbano creare dei link con Testo di Ancoraggio come Leggi il post, Segui queste istruzioni, Clicca qui o Apri questa pagina.

COME ARRICCHIRE I LINK INTERNI E ESTERNI


I tag HTML ci danno la possibilità di arricchire il collegamento con altre informazioni, che vengono recepite dai motori di ricerca, e che fanno capire a Google di cosa si tratta, anche nei casi di anchor text generici.

Non mi riferisco al classico target="_blank" che viene usato per far aprire la pagina del collegamento in un'altra scheda. Questo attributo va aggiunto prevalentemente ai collegamenti esterni e non abusato in quelli interni. Non mi riferisco neppure al tag rel=nofollow, di cui ho già parlato in un articolo appena pubblicato.

Un attributo dei link, spesso negletto nelle pagine web, è quello Title, che funziona più o meno come nelle immagini. Se voi passate con il mouse sopra al link precedente, vedrete un tooltip con questo testo: "come trovare i link nofollow in una pagina web". Aggiungere il tag Title a un link aiuta quindi molto anche il lettore, che ha subito una idea molto precisa di cosa tratti la pagina di destinazione del collegamento.

Tale tag però è rilevato pure dai motori di ricerca, che avranno molte più informazioni sul collegamento che è stato creato. Se quindi si crea un link del tipo Clicca qui, occorre inserire anche un tag Title con al suo interno una breve spiegazione su cosa verta l'argomento della pagina linkata. La sintassi da usare è la seguente:

<a title="descrizione del link" href="#"> Testo di ancoraggio </a>

In questo modo sia i lettori, sia i motori di ricerca, sapranno di cosa tratta la pagina, anche se ha un anchor text generico del tipo Leggi il Post. Con l'Editor di Blogger non è possibile inserire il tag Title direttamente da Scrivi, ma si deve andare su HTML per aggiungerlo manualmente

La cosa invece è fattibile con Open Live Writer cliccando su Advanced per poi incollare il testo nel campo.

tag-title-testo-ancoraggio




Si va su Insert per creare il collegamento. Aggiungere un tag Title descrittivo del link, è sempre positivo per illustrare ai lettori e ai motori di ricerca la pagina di destinazione del collegamento. Diventa necessario quando siamo costretti  a creare dei link generici che non danno informazioni sulla pagina linkata. Concludo ricordando che con Open Live Writer si possono creare anche dei collegamenti automatici  digitandone l'anchor text. Tali link vanno però modificati ogni tanto inserendo Testi di Ancoraggio diversi.




2 commenti :

  1. Ciao Ernesto complimenti per il post prima di tutto... analizzavo con attenzione con la console del browser (firefox e Chrome) che i testi in grassetto presenti sui tuoi posto sono attivatio tutti con un tag "strong" mentre in blogger se provi a mettere lo stesso tag su un testo ti viene "trasformato" in "b"....Perchè? Usi forse un editor differente rispetto a blogger nonostante utilizzi la stessa piattaforma (blogger)? Oppure dipende dal codice condizionale nel template? Grazie ciao

    RispondiElimina
  2. Uso Open Live Writer da quando hanno ritirato Windows Live Writer
    @#

    RispondiElimina

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti.
Info sulla Privacy