Pubblicato il 11/07/12e aggiornato il

E' migliore Blogger o Wordpress?

Non si può dire chi è migliore tra Blogger e Wordpress perché la risposta dipende dagli obiettivi dell'autore del sito, dal tipo di budget. Per un autore singolo meglio Blogger mentre per uno staff di persone è consigliabile Wordpress.
Aggiornamento: Dopo diverso tempo mi sono deciso a pubblicare un articolo su Come migrare da Blogger a Wordpress dopo aver acquistato un dominio personalizzato e come impostare un redirect da post a post senza perdere traffico organico da Google. 

La domanda se sia meglio usare Blogger o Wordpress per il proprio sito è una delle più ricorrenti che si sentono ripetere nel web. Si tratta di un quesito mal posto che come risposta obiettiva dovrebbe avere tutta un'altra serie di altre domande.

A cosa ti serve il blog? 
Quali sono le tue conoscenze di linguaggi di programmazione?
A quanto ammonta il tuo budget annuale?
Hai intenzione di rivolgerti a dei professionisti del settore o vuoi fare tutto da solo?

La scelta tra una o l'altra piattaforma deve essere fatta proprio in funzione di quelle che sono le nostre capacità, i nostri obiettivi e le nostre aspettative. Facciamo una breve introduzione storica. La piattaforma Blogspot nacque il 23 Agosto del 1999 dalla società Pyra Labs di San Francisco. Google la acquistò nel 2003 e, specialmente a partire dal 2006, ha avuto un grande sviluppo ed è stata progressivamente integrata in tutti gli altri servizi Google. Si stima che i blog su Blogger siano al momento più di venti milioni in tutto il mondo.
Wordpress nasce invece il 27 Maggio del 2003 dalla geniale idea di Matt Mullenweg, è in linguaggio PHP, usa il database MySQL e viene distribuita sotto licenza GNU ovvero si tratta di un software libero da contrapporre ai software proprietari. Si fa spesso confusione tra i blog ospitati nella piattaforma Wordpress.com e quelli che hanno invece wordpress installato in un dominio di proprietà (Wordpress.org). I primi sono gratuiti e danno poche possibilità di personalizzazione agli utenti mentre i secondi presuppongono l'acquisto di un dominio e l'installazione del CMS Wordpress

CHI DEVE USARE WORDPRESS

Come detto Wordpress è un software libero che può essere usato con temi sia gratuiti sia a pagamento. Wordpress è quindi la primissima scelta dei programmatori che si accingono alla creazione di un sito web. Se si dispone di un buon budget ci si può avvalere della consulenza di Web Designer e di professionisti di linguaggio di programmazione.

Se si mastica a malapena un po' di HTML e si ha intenzione di creare un blog che si amministrerà da soli, forse ci conviene riflettere prima di imbarcarci nella impresa di installare Wordpress. Se fosse la prima volta che lo facciamo è sicuro che ci porterà un sacco di mal di testa. I "blogger solitari" possono comunque creare siti con Blogger e Wordpress contemporaneamente. Personalmente oltre a questo blog su Blogger condito da tutta una serie di blog di test, ho anche un paio di altri siti su Wordpress anche se adesso li sto trascurando un po'. E' comunque fonte di conoscenza e sicura soddisfazione personale provare a installare Wordpress su un dominio, scegliere il tema, attivare e impostare i plugin.

CHI DEVE USARE BLOGGER

Se non siamo professionisti del settore e se non abbiamo in mente obiettivi precisi per il nostro sito né tantomeno dei soldi da spendere, allora Blogger è la scelta più oculata. L'accesso alla configurazione di Blogger è limitato al modello in XML e ai gadget HTML. Questa è la ragione per cui molte imprese preferiscono usare il più versatile Wordpress per i loro siti aziendali. Ci sono però anche delle importanti eccezioni. Per esempio il Blog Ufficiale di Twitter è su Blogger con tanto di navbar in bella evidenza.

LE LIMITAZIONI DI BLOGGER

In realtà le limitazioni di Blogger non sono poi così stringenti e per esempio nel caso della larghezza di banda ci sono delle prestazioni superiori a quelle di un qualsiasi sito su Wordpress visto che è illimitata essendo i contenuti caricati sui server di Google. Si possono creare fino a 100 blog per ogni account e non ci sono limiti per numero di articoli e per numero di commenti. Altri limiti riguardano:
  1. Immagini fino a 1600 pixel di larghezza
  2. Spazio di 1024MB per le immagini. Vengono però conteggiate solo quelle superiori a 800 pixel
  3. Si possono creare fino a 20 pagine statiche per ogni blog
  4. La dimensione massima di una pagina è di 1MB
E' evidente che anche grossi siti potrebbero usare Blogger per la loro attività. Su Blogger si può inserire javascript, CSS3 e HTML4, il problema casomai è quello che non tutti i browser supportano questi linguaggi (leggi IE). In definitiva Blogger è comunque una ottima scelta e credo debba essere la prima per coloro che iniziano l'avventura del blogging. C'è da dire che chi usa Wordpress ha spesso un po' di puzza sotto al naso e guarda gli utenti di Blogger come se fossero parenti poveri.

I FALSI MITI SU BLOGGER

Nella blogosfera e su internet in generale vengono a sedimentarsi delle convinzioni che spesso sono senza fondamento. Anche su Blogger ce ne sono diverse

1) I blog gratuiti su Blogger non sono di tua proprietà ma sono di Google.
Si tratta di una affermazione falsa. E' vero che tutti i contenuti sono ospitati nei server di Google ma questo vale per qualsiasi hosting. Tali contenuti sono comunque tutelati dalle leggi del copyright esattamente come quelli caricati su un qualsiasi dominio. Si può fare il backup del blog quando vogliamo e spostare tale materiale da qualsiasi altra parte.

2) I blog su Blogger possono essere cancellati in qualsiasi momento.
Questo è vero ma solo se si pubblicano contenuti per adulti senza aver contrassegnato il blog come tale, se incitiamo alla violenza o all'odio razziale o se nei nostri post ci sono palesi violazioni dei diritti di autore. I Termini di servizio di Blogger (e di Google) sono simili a quelli di altri hosting. Certo che se uno vuole pubblicare contenuti al limite deve rivolgersi da qualche altra parte.

3) I blog su Blogger non sono molto amati dagli sponsor
Per la mia esperienza posso dire che agli sponsor e a eventuali inserzionisti interessa solo che il tuo sito sia organico al tipo di campagna che stanno lanciando, che abbia autorevolezza, che insomma sia funzionale ai loro interessi. La piattaforma che utilizza il sito è cosa irrilevante dal loro punto di vista.

4) I blog su Blogger sono scarsi dal punto di vista SEO.
Ma vi pare possibile che una piattaforma di proprietà di Google non sia ottimizzata al meglio per il loro stesso motore di ricerca? E' vero esattamente il contrario. Su Blogger è lo stesso Google che si occupa della attività SEO mentre sui siti Wordpress ci perdiamo in innumerevoli e inconcludenti test per scegliere il plugin più efficiente per gestire il file robots.txt o per creare e inviare le sitemap.

Inoltre recentemente su Blogger sono state introdotte le Preferenze di Ricerca per inserire una Metadescrizione nei singoli post, per fare il Redirect 302 delle pagine web, per personalizzare il file robots.txt e per la modifica del Permalink del post che prima invece veniva generato automaticamente. Si tratta di funzionalità che rendono Blogger SEO-friendly più o meno come Wordpress. 

5) I blog su Blogger hanno un aspetto poco professionale
Fermo restando che attraverso il Designer Modelli si possono creare dei temi unici anche senza essere esperti di web designer, si può sempre attingere alle migliaia di modelli presenti in rete.


E' SCONSIGLIATO MIGRARE DA BLOGGER A WORDPRESS

Dopo che hanno creato un blog su Blogger molti utenti si pongono il problema se non sia il caso di migrare verso Wordpress. Forse è perché dopo qualche mese di blogging si sentono più sicuri e vogliono sperimentare nuove vie. Molto spesso pensano erroneamente che il loro sito sia penalizzato dallo stare su Blogger e che passando a Wordpress avranno una impennata di visitatori e un sensibile aumento delle entrate pubblicitarie

In rete esiste da anni un ottimo tutorial di Labnol.org per passare da Blogger a Wordpress senza perdere iscritti ai feed e flusso di Page Rank. Non ho ancora pensato a riproporlo perché ritengo la migrazione  verso Wordpress un atto sbagliato. Non è detto però che non mi decida a presentare il tutorial in italiano giusto così per una sorta di dovere informativo.

Passare da Blogger a Wordpress porta a una tale quantità di problemi da sconsigliare assolutamente coloro che hanno in mente una tale soluzione. Questo non significa che non si debba usare Wordpress ma è il passaggio che è estremamente complicato e non porta alcun beneficio a chi lo effettua. Ricordo brevemente alcuni problemi con cui dovranno convivere coloro che faranno questa scelta.

1) Wordpress è più vulnerabile agli attacchi e allo spam
In Wordpress c'è il plugin Akismet che consente di limitare i commenti di spam ma i rischi sono sempre dietro l'angolo. Mi ricordo che, dopo aver effettuato un aggiornamento del plugin un po' di fretta e non completando la riattivazione, mi sono arrivati sul blog duemila commenti di spam in una settimana e il mio blog non aveva certo una grande visibilità. Se si ha un certo successo ci può anche essere la possibilità di essere colpiti dagli hacker come è successo a Digital Inspiration che si è visto eliminare le immagini dalle tabelle del suo database MySQL.

2) Wordpress è più difficile da personalizzare
Se pensate che il modello di Blogger, il linguaggio HTML e CSS siano per voi troppo ostici allora non vi consiglio di provare a mettere le mani nei codici di Wordpress che sono in PHP, nel database MySQL e nei vari file di configurazione del vostro sito. Se una modifica su Blogger non funziona non viene salvato il modello ma su Wordpress gli errori, piccoli o grandi che siano, non vengono rilevati automaticamente e possono inficiare tutta l'usabilità del sito.

3) Il problema del supporto
Il supporto di Blogger è quello che è e si basa essenzialmente su ragazzi di buona volontà ma di non eccelse conoscenze che rispondono alle domande degli utenti postate sul forum. Se siete delusi dal Forum di Blogger è perché non avete ancora provato quello di Wordpress. Se non sei un esperto di linguaggio di programmazione le risposte che ti daranno non saranno neppure utilizzabili. Sono talmente tecniche da sembrare come l'arabo per chi non lo conosce.

4) Il problema dei plugin
E' vero che su Wordpress ci sono una quantità infinita di plugin ma la maggior parte di questi non è aggiornata all'ultima versione di Wordpress. Alcuni smettono di funzionare quando si aggiorna la versione e un plugin non funzionante può disastrare tutto il sito. Se poi pensi di avere tutti i menù, gli slideshow e i modelli (o temi) che vuoi mi dispiace di deluderti perché i migliori raramente sono gratuiti.

5) La quantità di spazio nel dominio self-hosted è invece un falso problema
Le immagini e i video di un blog su Wordpress possono essere caricati sulle apposite cartelle del sito. Si può però anche utilizzare Picasa o qualche altro hosting gratuito per caricarvi le foto senza occupare minimamente spazio. I video possono ovviamente essere caricati su Youtube o sito analogo.


OSSERVAZIONI CONCLUSIVE SU BLOGGER E WORDPRESS

Non prendo posizione su chi sia meglio tra Blogger e Wordpress, l'intento di questo post è solo quello di dire che l'erba del vicino non è sempre più verde. Si tratta di due eccellenti CMS che svolgono entrambi benissimo il loro compito. Blogger è più adatto a un singolo autore che si deve occupare prevalentemente della sola creazione di contenuti e che lasci tutto il resto nelle mani di Google.

Wordpress è invece indispensabile quando si vogliono creare dei siti con più autori e si vogliano anche suddividere eventuali introiti. Nei blog così concepiti è sempre meglio che ci siano delle professionalità specifiche per la gestione del blog e altri che invece si occupino dei contenuti da pubblicare.

In conclusione è importante ricordare che il successo di un sito non dipenderà tanto dalla piattaforma utilizzata quanto dalla bontà dei contenuti che vi vengono pubblicati.




33 commenti :

  1. Ottima analisi, complimenti. Personalmente scelgo sempre il carro dei vincitori... Quindi essendo blogger un prodotto google...

    RispondiElimina
  2. molto utile grazie!!! Secondo me Blogger rimane il migliore !

    RispondiElimina
  3. @LorenzoBaraldo
    @MarcoParrilla
    @Siboney2046
    @Valeria
    Il mio intento non era quello di dire quale fosse il migliore. Si tratta di due CMS che si completano a vicenda visto che sono piuttosto diversi concettualmente e praticamente. Credo sia comunque utile per chi ha Wordpress anche avere un blog su Blogger. Se non altro può caricare le immagini su Picasa. E' altrettanto utile per chi ha un blog su Blogger avere anche un dominio personalizzato con un blog Wordpress per caricare eventualmente file javascript o altre cose che non si possono hostare su Blogger.

    RispondiElimina
  4. Complimenti, articolo molto equilibrato e che non cerca il solito "flame" tra pro e contro. Anche io personalmente preferisco Blogger, lo trovo più facile nell'uso.
    Se ne hai conoscenza, sarebbe interessante anche un tuo parere sull'altro diffusissimo CSM: Joomla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ChristianGiordano
      Joomla e Drupal proprio non li conosco :(

      Elimina
  5. siccome hanno arrestato un omonimo
    http://www.repubblica.it/tecnologia/sicurezza/2012/07/11/news/salerno_arrestato_tex_willer_super_hacker_nullatenente-38884017/
    sarà il caso di cambiare nick? ;-)
    dov'è che si poteva accorpare il nick di google e il profilo G+?
    che gli do una studiata .. help me

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @TexWiller
      Quando ieri ho letto l'articolo ho pensato subito a te. L'hanno beccato ahahahahaah. Per passare al profilo di Google Plus leggi qua
      http://www.ideepercomputeredinternet.com/2011/10/come-passare-al-profilo-di-google-plus.html

      Elimina
  6. Bellissimo articolo, che nel mio caso risulta molto utile dato che una mezza idea di migrare su Wordpress ce l'avevo. Mi era già parzialmente passata, ma con questo post hai chiarito anche gli ultimi dubbi che avevo, grazie :)

    RispondiElimina
  7. infatti mi hanno scritto diversi amici preoccupati per la mia sorte .. ;-))
    ma a parte gli scherzi dimmi qualcosa, se hai tempo naturalmente, circa vantaggi e no del passaggio e al limite come evitare se possibile la firma ai post sui miei blog che adottano le dynamic view
    grazie

    RispondiElimina
  8. Meglio blogger, il forum di wordpress mi ha fatto aspettare 15 giorni per una loro risposta e anzihcé rispondermi per aiutarmi mi hanno detto soltanto non uppare il post se non ricevi risposta xD

    RispondiElimina
  9. Uso poco Blogger, non avendo molti tempo; Wordpress lo uso molto di rado e solo perchè lo usa un mio amico. Questa spiegazione mi è piaciuta moltissimo, anche perchè sono un 'vecchietto' che usa il pc da quasi 50 anni, ma senza avere mai imparato nulla o poco, sui 'linguaggi' usati.

    RispondiElimina
  10. 4) I blog su Blogger sono scarsi dal punto di vista SEO.

    In effetti era quello che pensavo. Il mio blog http://infettivi.blogspot.it (a dire il vero non ancora molto frequentato) si trova con estrema difficoltà nelle ricerche google, anche cercando specificamente il titolo del blog o le parole chiave dei post. Viceversa un amico che ha appena aperto un blog personale su Wordpress è già in cima alle ricerche di google.
    Io non me lo spiego... forse sbaglio qualche settaggio? Eppure l'unica cosa che mi è concesso scegliere e se far indicizzare i contenuti su google (cosa che ovviamente ho fatto)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @GiuseppeLapadula
      Il problema non penso sia Blogger visto che si potrebbero fare degli esempi opposti a quello che hai fatto tu. Google come motore di ricerca spesso non riesce a privilegiare i siti di qualità nonostante tutti gli aggiornamenti che vengono fatti mensilmente. Il trovarsi nelle prime posizioni o in quelle di rincalzo rispetto a una certa parola chiave è spesso dettato dalla casualità. Ci sono siti che pur essendo dei semplici aggregatori di contenuti altrui continuano a essere ben posizionati. Anche con questo blog mi trovo nelle prime pagine su argomenti che ho trattato poco e male mentre non sono adeguatamente premiato su temi che ho invece affrontato con efficacia.

      Elimina
  11. sei un grande... anche solo per i contenuti del tuo sito.

    RispondiElimina
  12. Ciao Ernesto!
    ti volevo fare mille sentiti complimenti sul tuo pazzesco sito attraverso cui sono arrivato a questo profilo... esteticamente non fa urlare... ma cacchio quanta roba importantissima per uno alle prime armi come me (ma che usava dreamweaver quando aveva 14 anni... ormai 18 anni fa).
    volevo chiederti un consiglio...
    sono come puoi vedere da alcune foto (poche per ora perchè non lo usavo a quello scopo) presenti sul profilo FB, un concept designer e scultore.
    mi occupo di entertainment e per lo più voglio rivolgermi al pubblico estero, ma anche italiano.
    volevo realizzare finalmente un profilo online forte, efficace che mi permettesse attraverso più social network e piattaforme web (siti personali o profili su gruppi in rete) di arrivare nel mercato per quello che valgo e so che raggiungerò nei prossimi anni di impegno.
    per questa ragione mi ero fatto un film che non so se realizzerò nelle modalità sopra esposte. realizzare i siti con wordpress (3 per l'esattezza: uno portfolio e professionale, uno per l'e-shop, l'altro per i tutorial in cui spiego come realizzare alcune delle cose che faccio digitalmente o con materie reali scolpendo o modellando)
    poi ho trovato il sito... avevo già preso uno spazio su Blogger due giorni fa ma mi sembrava di legno... invece, meraviglia. il tuo post mi ha aperto un mondo davvero interessante e come dici tu molto più user friendly.
    scusa la pappardella di scritto. tutto per chiederti: tu faresti 3 siti o creerebbe più confusione che se invece creo aree distinte e cerco di essere il più sintetico possibile in ognuna di loro e piuttosto uso servizi di vendita online a cui rimando e youtube per caricare i video e postarli semplicemente etc ?!
    oltretutto stavo pensando che comunque un sito a nome personale me lo farò comunque anche per una questione di indicizzazione (o lo ritieni inutile?!)
    grazie davvero sentitamente del gran lavoro svolto per noi utenti, ma sopratutto se mi aiuterai con altre domande nella realizzazione della mia carriera.
    un abbraccio,
    Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @stefanomazza
      Il tuo non è un commento è un romanzo ;)
      Questo sito si occupa principalmente della piattaforma Blogger mentre le tue domande spaziono su temi più generali. In linea di massima su Blogger non si possono fare più sezioni di un sito ma si possono creare delle pagine statiche a tema, fino a 20. Mentre se sei interessato a creare degli spazi di vendita con Blogger è piuttosto complesso e allora ti consiglierei qualche tema specifico di Wordpress con i relativi plugin.

      Elimina
    2. ciao stefano, io mi occupo di marketing e web marketing... se ti va possiamo parlarne in privato... ti lascio la mia mail fedver88@live.it
      saluti, Federica

      Elimina
  13. Veramente ottimo articolo degno di essere preso in considerazione, ti ringrazio per avere messo insieme le principali caratteristiche di entrambe le piattaforme.
    Per quanto mi riguarda blogger rimane la migliore al momento.

    RispondiElimina
  14. A dire il vero, credo sia un bellissimo articolo, anche se di tali dubbi ne avevo pure io, e cioè che pensavo che wordpress sia molto meglio di blogger.

    In materia sono un po' ignorante. Ma come te, ho provato a creare alcuni blog su wordpress.org (non wordpress.com che è diverso per alcune cose)... e ho notato alcuni problemi:
    la formattazione con i tag: div, span, quote che su wordpress a causa del WYSWYG che usavo su blogger dava problemi, il php e mysql (che conosco malissimo) - è un problema mio ovviamente e dei poco esperti.
    Ho notato però bellissimi temi che si possono personalizzare con meno problemi che su blogger ed i widget si inseriscono più in fretta senza problemi.

    Pensavo di migrare a wordpress, ma poi ho un po' cambiato idea perchè ormai mi sono abituato con blogger. I motivi erano che blogger non mi piaceva perchè: ci sono molti widget di default nel menu di installazione non funzionanti e vecchi, con troppi link del creatore, non si può accedere alle cartelle del sito, non si può caricare file.

    Saluti!

    RispondiElimina
  15. Ernesto,
    vorrei chiederti un consiglio.
    Vorrei creare un blog su Wordpress, usando un template molto bello già pronto e impostato.
    La domanda è questa: per quanto riguarda alcune funzioni che ho imparato a usare su Blogger (tipo l'invio delle sitemaps, il monitoraggio delle visite tramite Google Analytics, il caricamento di widgets, l'inserimento di javascripts e metatags, ecc), la gestione di un blog su Wordpress è molto differente da quella di un blog su Blogger?
    Cioè, avendo un template già bello pronto, pensi che posso essere in grado di gestire tranquillamente la parte seo e statistica così come facevo su Blogger?
    Ti ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Google Analytics funziona nello stesso modo, c'è solo da aggiungere un codice nel Tema. Tutto l'aspetto SEO comprese sitemap e backup può essere gestito da un unico plugin tipo questo
      http://www.wpqueen.com/it/wordpress-plugins/yet-another-wordpress-seo-plugin/
      I temi è più difficile modificarli rispetto ai template di Blogger. Ci sono però miglaia di plugin per tutte le esigenze (menù, widget, ecc)
      @#

      Elimina
    2. Grazie, io mi butto allora :)
      Posso chiederti se sai quanti indirizzi e-mail possono essere creati per ogni dominio Wordpress e se sono preimpostati o se possono essere chiamati come uno desidera?
      Grazie ancora

      Elimina
  16. Il numero di indirizzi email configurabili c'è scritto nel prodotto che acquisti. Ci sono quelli meno cari che ne hanno pochi e quelli più cari che ne possono avere anche infiniti. Ti devi informare prima di acquistare.
    @#

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu intendi l'acquisto del template o quello del dominio?
      Pensavo che l'acquisto di domini su Wordpress fosse qualcosa di standard già preimpostato.

      Elimina
  17. È evidente che mi riferisco all'acquisto del dominio. Molti template (o meglio i Temi) sono gratuiti e non costano nulla come su Blogger mentre i domini costano cifre piccole (Tophost, 1&1) oppure più elevate a prescindere dall'URL prescelto ma in funzione della azienda e del prodotto.
    @#

    RispondiElimina
  18. Su un articolo di Dario V qual è migliore blogger o wordpress l'autore asserisce questa cosa: Blogger è destinato a scomparire. Ma mi lascia perplesso. Poi dopo la tua analisi continua a tenere blogger!

    RispondiElimina
  19. Ottimo articolo Ernesto. Dico solo "content is the king" and not "Wordpress is the king". Tra blogger e wordpress guerra inutile.

    RispondiElimina
  20. Salve Ernesto, sono arrivata al tuo post dopo giorni di elucubrazioni sulla opportunità o meno di migrare da Blogger a WP. Ho creato un mio blog tre anni fa, da autodidatta ( a 60 anni!) e, volevo dargli un'immagine più professionale: tutti (altri blogger e "addetti ai lavori") mi ripetono che WP e' meglio, che non c'è paragone etc etc. Vedendo però che esistono anche blog e siti di grande successo tuttora ospitati su Blogger, mi veniva da pensare che si trattasse per lo più di una moda, ossia che in gran parte questo fosse un luogo comune dettato dalla voglia di sembrare più "fighi". Ho acquistato un mio dominio l'anno scorso e ora cambierò template installandone uno di mia scelta a pagamento. A me il blog serve come biglietto da visita, oltre che come realizzazione della mia passione di creare: ma, guarda un po', mi stanno anche contattando agenzie e aziende che vogliono inserire link e banner s. Detto questo: grazie, mi hai chiarito definitivamente le idee!

    RispondiElimina
  21. Scusa, dimenticavo :Google ha chiuso un paio di anni or sono il forum per gli utenti di Blogger. Secondo te, perché? Non sarà un segnale di disinteresse ( e prossimo abbandono) anche nei confronti della piattaforma ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai una idea di quanto soldi guadagni Google con Blogger? Prova a pensare a tutti quelli che hanno la pubblicità Adsense sui loro blog. Google ha chiuso i servizi in perdita non chiuderà certo quelli che portano soldi.
      Il disimpegno del forum italiano credo che sia dovuto non tanto a risparmi ma a altre ragioni. D'altra parte il danno è minimo. Nel forum italiano rispondeva sempre la stessa persona che era un semplice blogger che utilizzava quel forum per fare pubblicità ai suoi siti e che non era un esperto della piattaforma.
      @#

      Elimina
    2. Si, anch'io pensavo che a Google non conviene certo chiudere Blogger. Evidentemente, i detrattori che mettono in giro queste voci, tirano l'acqua al loro mulino.

      Elimina

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti. Se ti ho aiutato con il post o con le risposte ai commenti condividi su Facebook o su Twitter. Grazie.