Pubblicato il 21/06/19 - aggiornato il  | Nessun commento :

Come creare un hotspot con Android

Come attivare un Hotspot con il Tethering di Android per creare una rete Wi-Fi e condividere la connessione a internet liberamente o con password
Chi ha il computer collegato a internet mediante il cavo ethernet, e ha uno Wi-Fi poco performante, con la velocità di connessione piuttosto bassa, può creare un hotspot mobile con il computer, in modo usarlo come Wi-Fi per il cellulare o il tablet che si trovano nelle vicinanze.

Su Windows 10 la procedura è particolarmente semplice visto che basta cliccare sulla icona delle notifiche in basso a destra nella Barra delle Applicazioni per poi illuminare l'opzione Hotspot mobile. La prima volta che si utilizza questa funzionalità, si dovrà andare su Impostazioni -> Rete e internet ->  Hotspot mobile per dare un nome alla rete, scegliere una password e la banda di rete (2,4GHz o 5GHz).

Dopo che si è salvata la password nel dispositivo collegato, non sarà più necessario digitarla un'altra volta. Quello che si può fare con un computer, lo si può fare anche con un dispositivo mobile Android. Poniamo che un vostro amico non possa accedere a internet perché ha consumato tutto il traffico dati. Potete condividere la vostra connessione per permettergli comunque di navigare in rete. Si può usare questa funzionalità anche con dispositivi che non abbiano campo perché il loro provider ancora non copre l'area in cui vi trovate o  quando ci sia un guasto in una rete mentre quella del provider di un altro dispositivo funzioni regolarmente.






Evidentemente per una tale eventualità deve essere attiva la connessione dati del tuo telefono. Si può controllare facilmente andando su Impostazioni -> Wi-Fi & internet ->  SIM e Rete e verificare che sia attivo il cursore su Dati Mobili. In modo molto più semplice si può aprire il menù a tendina di Android, che si visualizza scorrendo il dito dall'alto e in basso, per poi controllare che sia illuminata l'icona Dati Mobili.

abilitare-dati-mobili-android


Dopo questa verifica si può passare a configurare l'hotspot mobile. Si va ancora su Impostazioni -> Wi-Fi & Internet -> Hotspot e Tethering. Ci sono tre opzioni per abilitare l'hotspot: Wi-Fi, Bluetooth e USB.

tethering-android

In questo post mi occuperò solo dell'hotspot creato con il Wi-Fi. Una tale funzionalità consumerà parecchia batteria quindi, prima di attivarla, bisogna collegare il cellulare alla rete domestica o alla batteria dell'auto o al limite usarla per breve tempo. Dopo aver spostato verso destra il cursore si dà un nome all'hotspot e ne imposta la sicurezza.






Si può scegliere Nessuna per creare un Open Hotspot a cui possa connettersi chiunque oppure selezionare WPA2 PSK. In questo caso si crea una password che può essere modificata. Più in basso si sceglie la Banda a 2,4GHz o a 5GHz. Dopo l'attivazione, si visualizzerà anche la sezione Gestione dispositivi collegati.

I dispositivi presenti nelle vicinanze potranno visualizzare il nome della connessione e vi si potranno anche connettere. Lo si potrà fare anche con un computer.

connessione-hotspot

Nello screenshot precedente è mostrato come mi sia connesso con il computer allo hotspot creato con il cellulare. In quest'ultimo, quando si tocca su Gestione dispositivi collegati si visualizzano tutti i nomi dei dispositivi che stanno usufruendo della connessione che abbiamo creato. Accanto a ciascuno di essi c'è il pulsante Disconnetti per interrompere la connessione con dispositivi indesiderati. Per terminare è molto utile attivare l'opzione Disattiva Hotspot automaticamente dopo che siano passati 5 minuti in assenza di dispositivi collegati.




Nessun commento :

Posta un commento

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti.
Info sulla Privacy