Pubblicato il 06/07/17 - aggiornato il  | 6 commenti :

Adsense introduci gli annunci nativi InArticle e InFeed.

Adsense introduce gli annunci nativi per contenuti corrispondenti, annunci inarticle e annunci infeed. Come incorporarli nel sito o blog.
Che qualcosa si stava muovendo in Adsense era abbastanza chiaro da alcuni segnali indiretti, d'altra parte il business della pubblicità online si sta evolvendo a una velocità sorprendente e stare fermi significa perdere quote di mercato.

Da qualche mese è stato rimosso il limite di tre unità pubblicitarie per pagina. La ragione era non solo quella di aumentare il CTR delle pagine ma anche dovuta al progressivo aumento della lunghezza dei post sfornati dai publisher per rispondere meglio a delle precise indicazioni SEO.

Giusto ieri con un post su Inside Adsense i publisher sono stati stati informati dell'introduzione degli Annunci Nativi. La prima tipologia di tali annunci era già nota ai publisher e sono i cosiddetti Annunci Corrispondenti.


Gli annunci nativi introdotti oltre a quelli Corrispondenti sono stati chiamati InArticle e InFeed nel post in inglese. Tale denominazione è per adesso rimasta anche in italiano.





Tali tipologie di annunci sono state pensate per essere usate singolarmente o contemporaneamente. La loro particolarità è quella di adattarsi in modo naturale al layout del sito in cui vengono inseriti. Inoltre utilizzano immagini di grande qualità per essere più attrattivi.

Il codice di tali annunci fa in modo di adattarli in modo automatico ai dispositivi con cui vengono aperte le pagine siano essi computer desktop, tablet o smartphone.






ANNUNCI INFEED


Gli annunci InFeed possono essere inseriti all'interno dei feed dei siti. A coloro che sono publisher Adsense da non molto ricordo che attraverso il defunto Google Reader, Adsense aveva già introdotto la pubblicità nei feed da inserire automaticamente per quello che riguarda gli utenti di Blogger.

L'esperienza però non fu positiva e tali annunci furono presto ritirati anche perché i feed sembravano diventare uno strumento obsoleto di fronte alle condivisioni sociali dei post. Per quello che riguarda gli utenti di Blogger al momento non vedo il modo di come si possano implementare tali annunci. Lo si potrebbe fare solo incollandoli per esempio nel piè di pagina ma non so se il codice venga accettato e se la procedura sia regolamentare.

ANNUNCI INARTICLE


Gli annunci InArticle sono invece molto più interessanti. Si adattano automaticamente al layout del sito e alla risoluzione del dispositivo con cui viene aperta la pagina web.

Google suggerisce di aggiungere gli annunci InArticle tra i paragrafi della pagina. Evidentemente questo può essere fatto per i post futuri ma anche per quelli del passato. Non entro nel merito di come si possa usare il javascript per inserire automaticamente un annuncio all'interno di un post di Blogger perché ancora non si sono dette delle parole chiare riguardo alla liceità di tale procedura.

Il sistema più semplice ma nello stesso tempo anche meno automatizzato è quello di salvare il codice in un file di testo e quindi incollarlo in Modalità HTML tra un paragrafo e l'altro del post vale a dire tra un tag </p> e un tag <p> oppure tra un tag </div> e un tag <div>.

COME IMPLENTARE GLI ANNUNCI NATIVI INARTICLE


Si accede al nostro account Adsense quindi si clicca su I miei annunci -> +Nuova unità pubblicitaria

annunci-inarticle

Nella pagina che si apre si potranno scegliere tra quattro tipi di annunci: di testo e display, contenuti corrispondenti, infeed e inarticle. Solo i primi annunci sono quelli classici, gli altri sono da oggi chiamati annunci nativi. Ho già parlato degli annunci per contenuti corrispondenti nel post linkato precedentemente mentre al momento quelli InFeed sono ancora un punto interrogativo.

Invece è già possibile creare annunci InArticle e implementarli nel sito. Si clicca su Seleziona.

configurazione-annunci-inarticle

Nella finestra di configurazione si deve digitare il nome della unità pubblicitaria. Google consiglia di aggiungere anche l'aggettivo nativo per rendere più semplice il monitoraggio degli annunci. Per esempio per questo sito potrei usare il nome IpCeI nativo 1 dove il numero serve per distinguere l'annuncio nel caso ne creassi altri simili.

Sulla destra possiamo scegliere i codici dei colori di Titolo, Descrizione e Sfondo. Si può anche lasciare la spunta su Siti ottimizzati da Google. Con questa scelta sarà lo stesso Google a ottimizzare colori e caratteri dell'annuncio. Si va quindi in basso su Salva e ottieni il codice.

COME AGGIUNGERE IL CODICE SU BLOGGER


Il blocco di codice sarà simile a quelli che già conosciamo. Google ci dà dei consigli su come incorporare il codice dell'annuncio nel nostro sito. La posizione migliore secondo Google è dopo il secondo paragrafo. La mia modesta opinione è che si debba andare anche più in basso se un annuncio fosse già presente subito sotto il titolo del post. Il codice non va parsato però è opportuno inserirlo tra due div in questo modo

<div class="inarticle1">
Codice dell'annuncio ottenuto da Adsense
</div>

In questo modo avremo sempre il controllo di tale annuncio e potremo per esempio nasconderlo da tutti i post in cui è stato inserito inserendo questa semplice riga di codice

.inarticle1 {display:none;}

subito sopra alla riga ]]></b:skin> . Dopo aver creato il post si individua il punto in cui inserire l'annuncio InArticle e vi si incolla il codice. NON INSERIRLO IN MEZZO A UN PARAGRAFO.

implementare-annuncio

Dopo aver pubblicato il post dovremo aspettare circa venti minuti per visualizzare l'annuncio. Questo però solo la prima volta che lo utilizziamo. Per i post successivi la visualizzazione sarà immediata.

È interessante notare come Google ci faccia sapere che si possono inserire anche più annunci InArticle in uno stesso post. Non è dato sapere se ci sia un numero limite che probabilmente sarà anche in funzione della lunghezza dell'articolo.  Il consiglio di Google è quello di avere dei contenuti testuali a sufficienza tra un annuncio e l'altro per ridurre al minimo le interruzioni di lettura.

CONTROLLARE LA VISUALIZZAZIONE DA DESKTOP E DA MOBILE


Un codice inserito in questo modo all'interno di un post mostrerà l'annuncio sia nella versione desktop sia nella versione mobile ed è bene controllare almeno le prime volte come viene visto quest'annuncio.

annunci-inarticle-desktop-smartphone

Qualora gli annunci InArticle non fossero disponibili saranno mostrati annunci di altro tipo. Dopo qualche giorno di assestamento potremo renderci conto se aumenteranno o meno la redditività dei siti che li utilizzano.




6 commenti :

  1. Umm ma Java non è una delle tecnologie sempre meno supportata dai browser, come adobe flash?!
    Comunque io già inserivo gli annunci adsense in post blogger, anche senza contenuti. Pubblicandoli poi venivano automaticamente condivisi su G+ ed erano perfettamente funzionanti.

    RispondiElimina
  2. Stai confondendo Java e JavaScript che sono diversi anni luce.
    Può essere che a breve nella Bacheca di Blogger compariranno dei tool per automatizzare questi nuovi annunci
    @#

    RispondiElimina
  3. Volevo inserire gli "Annunci Corrispondenti" nel blog che mi è stato approvato. Il problema è che la modifica al template non viene salvata. Non ho un template di Blogger, ma uno scaricato dal web.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi parsare il codice per inserirlo nel modello. Segui questo post
      http://www.ideepercomputeredinternet.com/2015/09/contenuti-corrispondenza-adsense-blogger-modello.html
      @#

      Elimina
    2. Il codice l'avevo già "parsato". Non vorrei che Blogger abbia cambiato qualcosa nell'editor quando ha introdotto i nuovi template.

      Elimina
    3. Alla fine ho scoperto dove era il problema. Dovevo selezionare un'icona nel widget "BloggerButton". Ora le modifiche al template vengono salvate.

      Elimina

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti. Se ti ho aiutato con il post o con le risposte ai commenti condividi su Facebook o su Twitter. Grazie.