Pubblicato il 23/04/17 - aggiornato il  | Nessun commento :

5 tool per misurare la velocità di caricamento di un sito da più località.

Come ottimizzare la velocità di caricamento di siti e blog con 5 tool che analizzano tale il tempo di caricamento per ciascun elemento e da varie località.
Uno dei più di 200 fattori di ranking di Google per determinare il posizionamento nei risultati di ricerca di una pagina web è quello della sua velocità di caricamento. A parità di qualità di contenuti, di backlink e di condivisioni sociali una pagina che si carica più velocemente di un'altra viene privilegiata nell'elenco dei risultati di ricerca per una data parola chiave.

È quindi fondamentale cercare di alleggerire il più possibile il sito eliminando le cose inutili o superflue. Google non ci offre però strumenti adeguati in tal senso. Il Tool Page Speed analizza le versioni desktop e mobile di un sito dando un punteggio rispetto alla ottimizzazione che si è già effettuata.

Molti dei suggerimenti del tool di Google non sono attuabili in un sito su Blogger visto che non possiamo accedere ai server di Google per modificare i javascript o altri elementi. Tale tool non rileva neppure in maniera corretta l'ottimizzazione delle immagini.

Per alleggerire il sito da inutili orpelli ci vogliono dei tool che diano dei valori quantitativi prima e dopo le modifiche apportate per verificarne l'efficacia e la portata. In sostanza se modifico un elemento del layout devo sapere se e di quanto si riduce il tempo di caricamento della pagina. Inoltre è importante conoscere questi dati anche in funzione della località da cui si apre la stessa pagina, specie per i siti che abbiano un respiro internazionale.






1) LOAD SPEED TEST


Load Speed Test permette di controllare il tempo di caricamento di un sito da sei diverse località: New York, Singapore, Sidney, Amsterdam, Seattle e Los Angeles. Si apre il tool quindi si incolla l'URL della pagina da monitorare. Si va su Test Now e si attende la fine del processo di misura

load-speed-test

Si visualizzeranno i dati per ciascuna località e in modo disaggregato:
  1. DNS Lookup time: è il tempo richiesto al server remoto per rilevare i record DNS
  2. Connection: è il tempo richiesto per creare una connessione
  3. First Byte: è il tempo che impiega la richiesta di un utente virtuale per il primo byte della pagina
In basso vengono mostrati i dati Average response time cioè il tempo medio di risposta di tutte le località. Con questo tool non si possono selezionare particolari browser o User Agent. 






2) DOTCOM MONITOR


Dotcom Monitor è un altro sito gratuito in cui testare la velocità di caricamento di una pagina web. Con questo tool si possono fare test anche in funzione del browser utilizzato e della località

browser-dotcom-monitor

Tra i browser si possono selezionare Internet Explorer, Firefox, Chrome, iOS, Android, Windows Phone e Balckberry. Le località europee supportate sono Londra, Francoforte, Amsterdam, Tel-Aviv, Parigi e Varsavia. Anche in questo caso si incolla l'indirizzo della pagina web e si va su Start Test

dotcom-monitor-risultati

Un dato interessante che offre questo sito è anche quello della visita ripetuta. La prima visita a un sito è sempre molto più lenta perché dovrà essere caricato tutto mentre nella seconda visita il browser avrà salvato cookie, script e altri elementi che velocizzeranno il caricamento.






3) MONITIS


Monitis è un altro sito con cui testare gratis il tempo di caricamento di una pagina. Si possono testare le prestazioni e il tempo di caricamento di un sito da più di 20 luoghi diversi come Stati Uniti, Regno Unito, Cina, India, Sud Africa, Europa, ecc. È possibile testare il sito da una particolare località o dalle località tutte insieme. Si incolla l'URL del blog e si va su Start Test per poi superare il controllo visivo della captcha

monitis

Si possono selezionare i browser da utilizzare e questo tool offre una panoramica completa del tempo di caricamento di ciascun elemento del layout per prendere delle valutazioni più analitiche.

4) GTMETRIX


GTmetrix calcola il tempo di caricamento di una singola località. Per averlo di altre città occorrerà ripetere la misura. Si incolla l'URL del sito e si va su Analyze.

gtmetrix

Oltre ai dati del tool vengono mostrate le rilevazioni di altri strumenti quali Page Speed di Google e Yslow di Yahoo. Si può creare un account gratuito e comparare le performance di due siti contemporaneamente.

5) PINGODOM TOOLS


Pingdom Tools è l'ultimo strumento che presento per testare la velocità di un sito. Chi mi segue lo conosce già perché l'ho utilizzato per monitorare le performance dei nuovi Temi di Blogger. Sono supportate solo 4 località: San Josè, Dallas, Melbourne, Stoccolma. Anche in questo caso si incolla l'URL e si va su Start Test

pingdom

In basso si possono visualizzare i risultati analitici per ogni componente della pagina come script, immagini, CSS, ecc. Ci sono anche le percentuali delle richieste per contenuti (HTML, Immagini, Script, CSS, ecc). Quando si fanno dei test con questo tool è opportuno scegliere la stessa località.

CONCLUSIONE


Come potete verificare anche dagli screenshot i dati sul tempo di caricamento della pagina con i vari tool sono diversi anche per la stessa città. Il mio consiglio è quello di monitorare un sito prima della modifica che volete apportare per poi farlo nuovamente a modifica ultimata per controllare il guadagno in termini di tempo. I test debbono essere omogenei cioè vanno paragonati test fatti con lo stesso strumento, dalla stessa località e con lo stesso browser. Non sono strumenti di precisione assoluta ma sono essenziali per l'ottimizzazione del sito.




Nessun commento :

Posta un commento

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti. Se ti ho aiutato con il post o con le risposte ai commenti condividi su Facebook o su Twitter. Grazie.