Pubblicato il 03/02/17 - aggiornato il  | Nessun commento :

Come avere e usare Android su PC o Mac con BlueStacks.

Come installare BlueStacks su PC Windows o Mac per avere Android in un computer desktop per utilizzarvi le app di Google Play.
Il mondo del mobile ha indubbiamente un grande fascino ma in molti preferiscono interagire nei social o giocare online comodamente seduti con davanti una tastiera e a un mouse. Ecco quindi che sono nati degli emulatori di Android da installarsi nei PC Windows e su Mac che ci permettono di accedere al mondo Android come se lo facessimo da un dispositivo mobile.

Si potranno cioè utilizzare tutte le applicazioni direttamente da computer. Ci sono poi quelli che per scelta ideologica non lo vogliono proprio possedere uno smartphone che però parimenti non vogliono rinunciare a averne tutti i vantaggi di navigazione e di funzionalità.

Tra gli emulatori di Android il più conosciuto e usato è certamente BlueStacks che si può scaricare in italiano e che ci consente di avere nel nostro computer un emulatore del tablet Samsung Galaxy Note 3. Si tratta di un software rilasciato dalla omonima azienda americana che pur essendo ancora in Beta ha comunque un funzionamento molto stabile. Si va sul pulsante Download BlueStacks in alto a destra per aprire un'altra pagina e per iniziare automaticamente lo scaricamento del software.







Nel caso di un OS Windows verrà effettuato il download di un file .exe del peso di 316MB. Si fa doppio click su tale file per iniziare la installazione. All'inizio verranno estratti i contenuti quindi bisognerà cliccare sul quando il sistema ci chiederà se installare BlueStacks. Nella prima schermata del wizard si clicca su Avanti così come nella seconda in cui viene selezionata la cartella in cui depositare i file.

bluestacks






Nella schermata successiva si lasciano le spunte a Accesso all'app store e a Notifiche delle app quindi si clicca su Installa. Inizierà l'installazione il cui progresso potrà essere seguito in un cursore. Quando il processo sarà terminato si vedrà la scritta Fine con la spunta su Avvia BlueStacks.

accedere-google-bluestacks

Come in tutti i dispositivi Android si clicca su Accedi con Google per poi digitare indirizzo email e password dell'account con cui accedere. Se abbiamo abilitato la verifica in due passaggi con messaggio dovremo toccare sul quando ci apparirà il messaggio nel cellulare collegato al nostro account. Si potrà anche scegliere la lingua e eventualmente creare un nuovo account Google sul momento.

termini-servizio-google

Si può lasciare la spunta a Backup e Ripristino per ripristinare eventualmente i dati delle applicazioni di Google Play già salvati nel nostro account. Dopo aver immesso nome e cognome del proprietario del tablet finalmente si visualizzerà una finestra nello schermo che altro non è che una emulazione di un Samsung Galaxy Note 3. Sulla sinistra e sulla parte alta della finestra ci saranno però dei pulsanti

bluestacks-emulatore-android

Andando in alto sulla ruota dentata si apriranno le Impostazioni in cui scegliere Preferenze.

preferenze-bluestacks 
Nella scheda Generale è opportuno lasciare la risoluzione raccomandata e la lingua prescelta oltre a mettere la spunta su Non avviare BlueStackcs TV all'avvio. Nella scheda Notifiche si può scegliere se e quali attivare. Cliccando sulla ben nota icona delle app che si trova sempre al centro dei dispositivi Android e che è l'unica che non può essere spostata né eliminata si visualizzano le app già installate

applicazioni-bluestacks

Si possono installare le applicazioni andando su Google Play oppure su Search Apps. Se abbiamo effettuato l'accesso con lo stesso account Google del nostro cellulare visualizzeremo

bluestacks-google-play

tutte le nostre app, anche quelle eventualmente acquistate. Per installarle ci si clicca sopra e si va su Installa. Alternativamente si possono cercare con la icona della lente in alto a destra per poi andare sempre su Installa. Si può per esempio installare Chrome per controllare come si vede da tablet il nostro sito

chrome-bluestacks

anche se per questa funzionalità è più pratico usare il tool Screenfly. Le schede aperte verranno visualizzate una accanto all'altra in alto e si potrà passare da una all'altra con un click. La forza dell'emulatore di Android rispetto a un dispositivo mobile sta nella interazione di Android con il computer. Nella colonna di sinistra ci sono le icone per passare da una visualizzazione orizzontale a una verticale, per Scuotere il tablet, per acquisire uno screenshot, per impostare la posizione, per installare una app da un file apk, per copiare un file da Windows, per copiare testo, per incollare testo e per accedere alla Guida.

Come abbiamo visto nel post precedente si possono scegliere foto dal computer per postarle nel nostro account Instagram. Si possono anche installare applicazioni non presenti su Google Play quando si abbia nel PC il rispettivo il file .apk. Come succede nei dispositivi mobili Android

gestire-applicazioni-android

tenendo premuto il mouse su una applicazione ci permette di spostarla, di aggiungerla alla schermata Home oppure di disinstallarla. Non lo si può però fare nella prima pagina ma solo nelle successive.

Le due icone in alto a sinistra sono specifiche di BlueStacks e servono per guardare i video di BlueStacks TV e per unirsi alla chat per cui dobbiamo scegliere un nostro username già in fase di installazione. Cliccando sulla icona della freccia che punta in alto si potrà iniziare a usare BlueStacks Premium al costo di 2 euro al mese per averlo senza pubblicità.
Le frecce direzionali accanto alla icona della freccia che punta in alto servono per spostarsi in un ambiente di gioco funzionando come Mappature del Controller e della Tastiera. Infine le tre icone in alto a destra sono quelle classiche delle finestre di Windows per minimizzare, mettere a tutto schermo e per chiudere l'emulatore di Android BlueStacks.

Concludo questo post ricordando che è possibile anche installare un emulatore Android SDK AppInventor che potrà servirci anche per creare e pubblicare delle app Android su Google Play.  I due post linkati si riferiscono però alla prima versione mentre è già stata rilasciato AppInventor 2.




Nessun commento :

Posta un commento

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti. Se ti ho aiutato con il post o con le risposte ai commenti condividi su Facebook o su Twitter. Grazie.