Pubblicato il 23/07/15e aggiornato il

Come attivare e usare gratis la PEC o Posta Elettronica Certificata.

Come attivare gratis la Posta Elettronica Certificata o PEC per un anno con i servizi PosteCert, Aruba e Infocert.
L'idea alla base della Posta Elettronica Certificata è quella di validare delle email scambiate da coloro che la usano. In questo modo i messaggi che si sono scambiati tramite Posta Elettronica Certificata o PEC avranno la stessa validità di una raccomandata.

La PEC è attiva in Italia a partire dall'Aprile del 2010 e dalla metà del 2013 tutte le aziende devono avere un proprio account di Posta Elettronica. Questo della PEC è diventato un business per molte aziende informatiche che offrono questo servizio in abbonamento annuale. Se come me vi siete registrati alla PEC da un Ufficio Postale lo avete fatto gratis. Adesso però il portale della Posta Certificata sarà progressivamente disattivato. Non vengono più accettati nuovi account a partire da 18 Dicembre del 2014 e dal 18 Luglio 2015 le caselle di posta non sono più abilitate alla ricezione dei messaggi.  Dal 18 Settembre 2015 non sarà inoltre più possibile entrare nel nostro account.

Dal 13 Marzo 2015 fino al 18 Settembre 2015 tutti i cittadini che hanno una PEC attiva potranno però richiedere una casella PEC gratuita per un anno ai seguenti servizi
  1. Aruba PEC S.p.A.
  2. Infocert S.p.A.
  3. Postecom S.p.A.
Bisogna aprire la pagina della Agenzia Digitale per conoscere i dettagli della fornitura di ciascun servizio. Ricordo però che sarà comunque gratuito per un anno. Personalmente ho scelto Postecom che dopo il primo anno permetterà di avere una casella di posta certificata per 5,50€ l'anno.

posta-certificata

Gli utenti che hanno già una casella di Posta Certificata creata anni fa con il servizio gratuito delle Poste Italiane dovranno innanzitutto loggarsi al sito MyPoste con il solito account che poi non è altro che quello utilizzato anche per le Postepay. Nella pagina del precedente screenshot si clicca su Acquista online quindi su Promozione riservata ai soli utenti di Posta Certificata

posta-certificata[4]

Nel campo successivo si digita la prima parte di quello che è l'indirizzo della nostra PEC attuale

pec-posta-elettronica-certificata

quindi si va su Verifica. Nella pagina successiva dovremo andare su Attiva

posta-elettronica-certificata

Nella schermata successiva visualizzeremo i campi precompilati con i nostri dati anagrafici
posta-certificata[6]
L'indirizzo email sarà del tipo nome.cognome@ecp.postecert.it e dovremo scegliere la password di accesso. In basso sarà necessario caricare un file PDF con la scansione di un nostro documento di identità valido.  È importante anche inserire un indirizzo email a cui ci verranno inviate le credenziali e le istruzioni di accesso. Si mettono le flag ad Accetto e si va su Continua.

Si potrà accedere alla nostra Posta Elettronica Certificata digitando le nostre credenziali di accesso mentre lo stato del nostro contratto potremo consultarlo in questa pagina cliccando sull'indirizzo della PEC se ne abbiamo attivati più di uno.
 
inviare-messaggi-posta-certificata

Per inviare una email basterà andare su Nuovo Messaggio, inserire indirizzo del destinatario, Oggetto e Testo quindi cliccare su Invia. La email sarà accettata dal sistema e quindi inoltrata

invio-messaggio-posta-certificata

L'uso della Posta Certificata è ovviamente consigliato quando si voglia appunto certificare l'invio di un messaggio con la stessa validità di una raccomandata. L'indirizzario della Posta Certificata della Pubblica Amministrazione è in fase di completamento ma se si va nella Homepage di un Comune, di un ASL, di una Provincia o di un Ministero si può facilmente trovare l'indirizzo PEC di ciascuno. Chi non abbia a suo tempo attivato la Posta Elettronica Certificata gratuitamente può sempre farlo a pagamento con una spesa che parte da 5-6 euro all'anno con
  1. PosteCert delle Poste Italiane
  2. Libero PEC a 25 euro l'anno
  3. Legal Mail gratis per 6 mesi.




1 commento :

  1. ahhhh guarda Ernesto, te lo dico a titolo informativo .. a me fanno impazzire questi signori. Ho sempre avuto, si dai tempi in cui (ovviamente) manco i dipendenti della posta sapevano un tubo, la prima e forse unica pec era quella .gov.it ...si doveva andare in posta e spararsi la coda per certificare, timbrare, autenticare tutti i documenti e scartoffie richiesti per poterla attivare, alla fine della faticaccia eri connesso all'inps e poco più, qualche struttura pubblica (non faccio altra polemica che non è la sede) il punto è che: postacertificata.gov molto solertemente mi ha avvisata più e più volte che la stessa chiudeva i battenti, ho dunque aperto un'altra casella di posta su PosteCert ....e tah dah non funzona, Ovvero: ho variato il contatto sul mio profilo dell'inps ad esempio ma nada, nisba, niet non arriva un fico secco. In compenso continuano ad avvisami che tra -30... -29.. -28.... ecc la casella blablabla chiuderà. Eh l'ho capito! Ecco l'ho detto, Italy docet

    Aruba ce l'ho per lavoro, funziona bene MA alcuni uffici della pubblica amministrazione non l'accettano: come fare impazzire un/una poveraccia che deve lavorare con quei geni, ciao grazie!

    RispondiElimina

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti. Se ti ho aiutato con il post o con le risposte ai commenti condividi su Facebook o su Twitter. Grazie.