Pubblicato il 28/11/14e aggiornato il

7Zip per creare e criptare file ZIP e aprire file RAR.

7Zip per comprimere e decomprimere file ZIP, RAR, GZIP, BZIP2, TAR, CAB, ISO, ARJ, LZH, CHM, Z, CPIO, RPM, DEB e NSIS e come proteggerli con una password.
7Zip è un programma di compressione e decompressione per file originariamente creato per Windows che adesso però è multipiattaforma visto che esistono dei package seppure non ufficiali anche per Linux e Mac. Inoltre esistono versioni di 7Zip per 32bit e per 64bit. 7Zip è uno di quei programmi gratuiti che al pari di Gimp, VLC e Open Office che non possono mancare in un computer. 

La cosa difficile da comprendere è che quando si accede alla pagina ufficiale di 7Zip ci si accorge che è tradotto in 18 lingue compreso l'Esperanto ma che ancora non è presente una traduzione ufficiale in italiano. Si può scaricare il programma dal sito 7Zip Italia ma in questo caso non è possibile installare la versione a 64bit. Il formato di default di 7Zip è 7z ma il programma supporta la compressione e la decompressione nei seguenti formati 7z, ZIP, GZIP, BZIP2 e TAR. Riguardo alla sola decompressione supporta questi altri formati RAR, CAB, ISO, ARJ, LZH, CHM, Z, CPIO, RPM, DEB e NSIS. In sostanza per fare un paio di esempi il software è in grado di creare e aprire file ZIP e di aprire ma non creare file RAR. Relativamente al formato ZIP che è il più comune 7Zip riesce a comprimere file in questo formato con un risparmio di spazio che va dal 2% al 10%.

7Zip è anche in grado di aggiungere una password al file o alla cartella compressa ma non è in grado di criptarne il contenuto come invece si può fare con Zip Genius di cui parleremo in un prossimo post. Nella pagina di download di 7Zip dobbiamo selezionare la versione adatta al nostro sistema operativo 

7zip-download

Dopo l'installazione se andiamo con il destro del mouse su un file o su una cartella si visualizzerà il menù contestuale in cui selezionare le operazioni da compiere con 7Zip

7zip-menu-contestuale

Per zippare un file o una cartella si clicca su Add to archive e si aprirà una finestra come questa

zippare-file 

Si sceglie il formato tra quelli supportati e opzionalmente possiamo aggiungere una password per proteggere il file o la cartella compressa. Si clicca su OK per procedere. Viceversa per aprire un file compresso in un formato di quelli supportati si va sempre sul destro del mouse per aprire il menù contestuale ma stavolta si sceglie un'altra opzione

7zip-estrarre-file

Con Extract files… si aprirà una finestra in cui selezionare la cartella di destinazione dei file
 
selezionare-cartella-destinazione-file

mentre se si opta per Extract to "nome del file compresso" la decompressione dei file sarà immediata e verrà creata una cartella con lo stesso nome del file e posizionata nella stesso path.

CREARE ARCHIVI AUTOESTRAENTI CON 7ZIP


Se volete inviare un file compresso a un conoscente che non è molto pratico di computer potete creare un file autoestraente in formato 7z. Questo serve non solo per diminuire lo spazio anche per ottenere un solo file da una cartella. Si clicca sempre con il destro del mouse sul file o sulla cartella in questione e si sceglie 7Zip > Add to archive…. Nella finestra che si apre si seleziona il formato 7z e, nella parte destra della finestra sotto Opzioni si mette la spunta a 

creare-archivi-autoestraenti-7z

Create SFX archive. L'estensione del file muterà da .7z in .exe e a quel punto non resterà che andare su OK per creare il file 7z autoestraente. Quando il destinatario riceverà il file basterà che che ci faccia sopra un doppio click per aprirlo 

file-7z-autoestraente

Il destinatario potrà aprire il file 7z anche nel caso in cui non abbia alcun programma per la gestione di file compressi e potrà ovviamente decidere in quale cartella posizionare i file estratti.




Nessun commento :

Posta un commento

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti. Se ti ho aiutato con il post o con le risposte ai commenti condividi su Facebook o su Twitter. Grazie.