Pubblicato il 26/04/10 - aggiornato il  | 9 commenti :

Come scrivere un post perfetto.

Il blogging ha rivoluzionato il nostro stile di vita e il modo in cui i cittadini attingono alle informazioni. Scrivere un articolo per un blog non è esattamente la stessa cosa che farlo per un quotidiano, per un'agenzia di stampa o addirittura scrivere un libro. Le caratteristiche che portano un post ai primi posti dei motori di ricerca o che attraggono annunci pertinenti di Adsense sono parecchie e non ho la pretesa di elencarle tutte. Gli obbiettivi di un articolo sono però essenzialmente due:

   1) Attrarre traffico - I visitatori sono il sangue di un blog il cui successo dipende da quante persone ne leggono gli articoli che vi si pubblicano

   2)Generare guadagno - per i blog che hanno a cuore anche l'aspetto economico occorre scrivere articoli molto visti ma che portino anche ad annunci pertinenti atti a generare molti click da parte degli utenti. Non è detto che i post più letti di un blog siano anche quelli più cliccati e quelli che portano i maggiori introiti.
La mia esperienza di oltre due anni di blogger mi ha insegnato alcune cose che ritengo essenziali per il raggiungimento di questi risultati
  1. L'importanza del contenuto in senso lato - Prima di affrontare la stesura di un post bisogna concentrarsi sulla ricerca di cosa è già stato scritto sull'argomento e su come possiamo aggiungere nuove idee e nuove conoscenze. E' sempre auspicabile scrivere articoli svincolati dall'attualità perché non invecchieranno mai e potranno essere linkati anche a distanza di molto tempo
  2. Scrivere altri articoli sul medesimo argomento - Se un post ha avuto una buona accoglienza tra i lettori che lo hanno commentato e linkato occorre dare un seguito e riaffrontare il tema magari partendo da un'altra prospettiva. Questo è positivo anche per i motori di ricerca. Se si scrive un solo post su un singolo tema, Google lo ignorerà mentre, se si affronta più volte, i nostri post saranno tenuti in maggiore considerazione.
  3. Leggere attentamente i commenti - Molti miei post nascono da spunti che mi vengono offerti da commenti ad altri articoli o da email inviatemi da qualche lettore. Occorre conoscere quello che interessa di più per poter migliorare l'offerta di articoli
  4. Dedicare molta attenzione al titolo - Il blog non è un quotidiano in cui i giochi di parole, i titoli enigmatici, i paradossi sono ampiamente usati da redattori e direzione. Il titolo deve necessariamente contenere delle parole chiave che aiuteranno i motori di ricerca a indicizzarlo correttamente. Il titolo dovrà anche essere comprensivo di tutte le più importanti keyword, essere descrittivo quel tanto che basta per invogliare il lettore a cliccarci sopra, ma non deve essere troppo prolisso. Nella piattaforma Blogger si può utilizzare un metodo di ottimizzazione dell'URL del post attraverso il titolo.
  5. L'importanza di citare le fonti - Se apprendete delle informazioni da un altro sito linkatelo senza problemi e senza invidie. Può essere che in futuro sarete ricambiati; aggiungerete comunque un ulteriore valore all'articolo, non solo agli occhi dei lettori, ma anche a quelli dei motori di ricerca
  6. Rimanere sempre in tema - Fare delle divagazioni personali può anche essere utile per illustrare meglio un passaggio del vostro articolo ma, in linea di massima, può portare a generare delle keyword fuori tema rispetto al post che a loro volta porteranno ad annunci Adsense completamente svincolati dal contenuto che non saranno cliccati o, se lo saranno, genereranno pochi centesimi di guadagno.
  7. L'incipit del post come il trailer di un film - Già dalle prime righe dell'articolo bisogna saper essere coinvolgenti con i lettori in modo da fargli venire la voglia di continuare a leggere. Questa è una vera e propria arte che non ha regole precise. Ricordo la tecnica di Salvatore Aranzulla che usa le prime righe per dare delle emozioni più che per delle informazioni. Altro metodo sempre vincente è quello di iniziare il post con delle domande. Chi interrompe la lettura dopo un punto interrogativo?
  8. La lunghezza del post commisurata all'argomento - Un articolo non deve essere troppo lungo perché affatica il lettore d'altra parte non può neppure essere troppo breve perché in questo caso non sarà visto come un post compiuto ma solo come una pillola di informazione da approfondire altrove. La lunghezza perfetta non esiste e dipende molto dal genere di blog e di articolo che si vuol pubblicare. Occorre essere esaurienti senza essere pedanti. Gli americani hanno inventato la regola del KISS  (Keep it short and simple) come acronimo per un post perfetto
  9. Mettere sempre dei link ai post che hai già scritto sul tema - L'autolinkare i nostri stessi articoli ha una grande importanza per aiutare il lettore a trovare articoli su argomenti correlati. E' anche ottimo per posizionare meglio il post specie se si linkano articoli con un buon Page Rank. Se si utilizza Windows Live Writer può essere fatto in modo automatico attraverso il glossario
  10. Eliminare i commenti offensivi - Nei blog di argomento estremamente controverso come la politica o il calcio non è raro leggere commenti insultanti. In questo caso non bisogna metterci a rispondere sullo stesso tono. L'unica strada è quella di cancellarli senza problemi, se sono anonimi, di eliminarli mandando eventualmente una email al suo autore nel caso ci fosse un recapito
  11. Scrivere in modo semplice e rileggere i post - Un articolo non è un trattato e può essere letto da persone superesperte dell'argomento o da perfetti neofiti. Bisogna quindi cercare di essere più chiari possibili e evitare un linguaggio troppo tecnico. Quando non se ne può fare a meno, inserire sempre dei link a pagine che possono servire come supporto  sul tipo delle voci di Wikipedia. La  rilettura è importante anche per evitare errori di battitura e rendere più fluido l'articolo
  12. Scindere le informazioni dalle opinioni - Non bisogna aver paura di schierarsi e manifestare le proprie opinioni. E' importante però saper tenere distinti quelli che sono fatti acclarati da quelle che sono invece delle nostre deduzioni o idee.
  13. Riconoscere gli errori - E' capitato a tutti di farli. Non c'è ragione per non ammetterli. Non solo non si perderà la stima dei lettori ma ci si guadagnerà in autorevolezza perché si creerà un rapporto di maggior fiducia
  14. Pensa sempre alla seconda parte di un articolo - Per ogni post che si scrive bisogna prendere in esame la possibilità che possa avere un seguito nel caso venga ben accolto. Riprendere quindi i temi dei vecchi post di successo per creare nuovi articoli di sicuro appeal e per mantenere sempre vitali quelli datati
  15. Aggiornare gli articoli più letti - Ci sono post che a distanza di due anni continuano a portarmi traffico. I motori di ricerca tendono a dimenticarsi piano piano di tutte le vecchie pagine. Occorre quindi rinfrescarli ogni tanto anche con cambiamenti poco significativi ma che saranno comunque rilevati da Google 
  16. Crearsi uno stile e una personalità - Durante la stesura dei post occorre cercare di essere coinvolgenti e fare in modo che il lettore ti riconosca. Occorre quindi aggiungere un tocco personale e darsi un tono il più originale possibile. Si possono fare esempi e inserire fatti di contorno, l'importante però è essere diretti, trasmettere i fatti in modo rettilineo e non distrarre troppo il lettore
  17. Usare paragrafi e elenchi - Per non appesantire la trattazione è auspicabile dividere l'articolo in paragrafi e fare largo uso di elenchi per non presentarlo come un unico malloppo di lettura poco agevole
  18. Non avere fretta di pubblicare - Cercare, nei limiti di tempo che ci sono concessi, di limare il più possibile il contenuto. Non saranno due minuti in più a renderlo meno attuale. Prima di cliccare su Pubblica verificare che ci siano tutti i link al posto giusto, che non si sia dimenticato nulla e che non ci siano errori di nessun genere.




9 commenti :

  1. e....tanto per restare in tema..questo sì che è un post interessante e ben fatto!

    RispondiElimina
  2. questo e parsifal32 che mi piace grazie molto per la tua correttezza e semplicità nel trattare gli argomenti
    io personalmente sono in attesa di un tuo libro in libreria ciao

    RispondiElimina
  3. @Rone63
    grazie tante. Per il libro purtroppo non ho molto tempo ^_^
    Tra qualche mese forse.
    Ciao

    RispondiElimina
  4. Come i giudizi sportivi di Controcampo: 9 VADEMECUM. Finalmente oltre ai contenuti eccellenti qualcuno che in rete scrive in un italiano corretto e scorrevole. E' un piacere...

    RispondiElimina
  5. Ciao ernesto,non commento quasi mai ma ti seguo dalla nascita dei tuoi blog,volevo farti i complimenti anche per la costanza con cui scrivi oltre che per la qualità dei contenuti,bravo! :)

    RispondiElimina
  6. @controtango
    @elisabetta
    Siete stati entrambi molto gentili, grazie di cuore ^_^

    RispondiElimina
  7. Salve,ho letto il suo post e lo trovato interessante.
    Le volevo chiedere un consiglio quando si fa un post è consigliabile inserire l'etichetta?

    RispondiElimina
  8. @Raffaele
    Non solo è consigliabile inserire l'etichetta ma è assolutamente necessario. Anche più di una, naturalmente tutte pertinenti al contenuto dell'articolo.
    Ciao

    RispondiElimina

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti.
Info sulla Privacy