Pubblicato il 13/11/09 - aggiornato il  | 1 commento :

Google aggiunge le funzioni Follow e Unfollow in Google Wave.

Ripercorro alcune tappe del mio avvicinamento a Google Wave attraverso gli articoli che gli ho dedicato

  1. Come inviare la richiesta per essere selezionati per testare Google Wave -
  2. Ho ricevuto un invito a provare Google Wave, altri sono a disposizione dei lettori del blog -

Il fatto è che per testare tutte le funzionalità di questa ultima creatura di Google che promette meraviglie dobbiamo avere una rete di contatti i quali a loro volta hanno la possibilità di accedervi.

Per il momento le mie schermate sono una vera desolazione perché quasi vuote. Naturalmente Google pensa al futuro e a quando questo strumento sarà diventato un servizio di massa tipo GMail.

Ecco quindi che ha introdotto le funzioni Follow e UnFollow per condividere con gli altri utenti conversazioni, musica, video, documenti. Il concetto è che si può scegliere se seguire una "wave" oppure non seguirla. Una wave è una condivisione generica arricchita da conversazioni tra vari utenti che nel momento in cui avevi deciso di seguirla la ritrovavi sempre nelle tue schermate. Adesso c'è la possibilità di eliminarla o di congelarla e di riprenderla in un secondo tempo.

Forse non mi sono spiegato bene e questo dipende dal fatto che neppure io so perfettamente dove si andrà a parare. Se voi usate GMail sapete che eventuali risposte e contro-risposte ai vostri messaggi andranno ad annidarsi una di sotto all'altra in Posta in arrivo. In Google Wave questo succederà in modo immediato in stile chat con relativi avatar.

Ai messaggi potranno essere aggiunti anche documenti, immagini, audio e video. Se si ha uno scambio di email con un contatto per poter farle leggere ad una terza persona bisogna inoltrarle; con Google Wave se si vuole far partecipare un'altra persona ad una wave è sufficiente trascinarne l'icona dentro la finestra con il drag & drop.

Altra diversità è che si possono iniziare wave pubbliche come una specie di lettera aperta alle quali tutti possono partecipare e anche noi possiamo partecipare alle wave pubbliche degli altri. Può essere interessante in ambito didattico quando alcuni studenti iniziano un lavoro di gruppo e altri possono aggregarsi in seguito venendo a conoscenza di tutto quello che è stato fatto, oppure in una azienda che ha dei collaboratori non fisicamente nella stessa stanza

google_wave

La precedente è un esempio di una schermata di una wave appena iniziata.





1 commento :

  1. ho avuto ieri l'invito a wave :D sembra davvero un bel progetto e ora lo testerò al meglio.. ma non appesantisce un pò il browser?? Ho già dovuto refreshare due volte durante una conversazione con amici di chat!

    RispondiElimina

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti.
Info sulla Privacy