Pubblicato il 18/11/15e aggiornato il

Il traffico di spam rilevato dalle Statistiche di Blogger.

Come comportarsi quando nelle Statistiche di Blogger in Origini del Traffico sono visualizzati dei link che riportano a siti di spam di gioco online o per adulti.
A seguito di un commento ricevuto un paio di giorni fa e poi ripostato mi sono deciso a pubblicare un articolo sul traffico di spam che viene rilevato dalle Statistiche di Blogger. Sono sicuro che molti di voi accedendo alla scheda Statistiche della Bacheca si sono preoccupati nel vedere che le principali fonti di traffico del loro blog sono dei siti con estensioni russe o ucraine. In realtà non c'è da preoccuparsi troppo ma andiamo con ordine.

Perché vengono realizzati dei siti che generano questo traffico virtuale di spam? Per la solita e unica ragione che è il guadagno. Questi siti o queste semplici pagine web sono definiti referrer spam (o log spam o referrer bombing). La tecnica consiste nel fare ripetute richieste HTTP utilizzando un falso URL Referrer che lo spammer vuole pubblicizzare. Lo spammer con questa tecnica migliora tra l'altro anche il posizionamento nei motori di ricerca che conteggiano il numero dei link al sito in oggetto.

Nella sostanza il nostro sito su Blogger non riceve nessuna visita reale ma i server di Blogger rilevando le richieste HTTP le conteggiano nel report presente nelle Statistiche. I dati di Google Analytics sono più affidabili perché essendo stato inserito un javascript nel modello c'è una maggiore possibilità che vengono rilevate le richieste di spam HTTP. Questa è la ragione per cui il numero delle visite nelle Statistiche di Blogger è superiore a quello di Google Analytics.

Google dopo qualche tempo riesce a rilevare lo spam e a bloccare la fonte però è come giocare al gatto col topo. Lo spammer creerà un nuovo referrer a cui collegare il sito da pubblicizzare e tutto inizierà da capo. Ma come fa lo spammer a guadagnare con questi sistemi?

Il guadagno deriva dagli ignari webmaster dei vari blog su Blogger che vedono queste strane fonti di traffico e quindi ci cliccano sopra anche solo per curiosità. Considerando la mole di spam inviata, anche se solo una piccola percentuale di blogger apre i siti referrer, verrà generato traffico al sito pubblicizzato in modo truffaldino con un conseguente guadagno per lo spammer.

origini-del-traffico-blogger

Se voi andate su Statistiche > Origini del traffico e se visualizzate come fonti principali dei link a dei siti con URL che terminano con .ru o con .ua vale a dire con visite che provengono da Russia e da Ucraina è praticamente certo che si tratta di traffico (virtuale) di spam. L'unica cosa che non si deve fare è quella di cliccare sui link di questi siti di spam.

NON CLICCARE NEI LINK DI SPAM IN ORIGINI DEL TRAFFICO


Cliccandoci sopra aprirete il sito pubblicizzato con lo spam e farete guadagnare lo spammer. Per il resto bisogna solo aspettare che Google rilevi questi siti come spam e che li blocchi. Contestualmente ci sarà un repentino crollo delle visite nelle Statistiche, più apprezzato nei siti con pochi visitatori. Successivamente verranno creati altri referer spam e tutto inizierà di nuovo.

Ricapitolando ecco quali sono le cose essenziali da tenere a mente:
  1. I referer spam sono dei siti che tramite delle richieste HTTP virtuali riescono a farsi registrare nelle Statistiche del sito come traffico reale
  2. Google proprietario di Blogger è perfettamente consapevole della cosa e ogni tanto effettua una rimozione dei referer spam che riesce a individuare
  3. Le Statistiche di Blogger sono spesso inquinate da questo traffico che esiste solo sulla carta.
  4. Eventuali grossi sbalzi del numero delle pagine viste è spesso dovuto alla rimozione di referrer spam che sono stati individuati. Meglio fare riferimento ai dati di Google Analytics
  5. Il guadagno dello spammer è dovuto esclusivamente ai click che riceve dagli amministratori dei siti presi di mira fatti sui link presenti nelle Origini del Traffico
  6. Blogger è più esposto a questo tipo di spam perché le sue Statistiche non si basano su un javascript aggiunto al modello ma vengono soltanto conteggiate le richieste HTTP
  7. Non cliccare sui link per non far guadagnare gli spammer
  8. Avere pazienza e aspettare che Google rilevi i referrer spam come tali.
  9. Nel Forum di Blogger si possono trovare informazioni sullo spam russo e su quello ucraino.




9 commenti :

  1. Anche su Google+ ogni tanto si nota un crollo nel numero di visualizzazioni che corrisponde all'identificazione di un nuovo bot.

    So di essere tremendamente OT: hai visto il nuovo pulsante di condivisione su Skype? Sulla falsa riga di quello per WhatsApp.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non uso mai Skype :) Magari li darò un'occhiata
      @#

      Elimina
  2. lo sapevo ma mene dimentico sempre. Grazie

    RispondiElimina
  3. Ciao, Ernesto!

    Volevo chiederti a proposito di spam: ma non è che questi link da siti strani portano alla chiusura dei nostri blog, che magari vengono classificati dal bot come spammer anche loro?

    Sto leggendo di parecchi casi in cui, per un errore del bot anti-spam automatico, alcuni blog sono stati contrassegnati come spammer e cancellati (ma poi ripristinati). Hai mai avuto esperienze di questo tipo? Non che io faccia spam, ovviamente, ma inizio ad avere l'angoscia con tutte queste cose che si scoprono giorno dopo giorno: immagina se dovessero cancellarmi il sito per errore! O___O

    Come sempre grazie,
    Mik

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è capitato molti anni fa con un sito che poi mi fu ripristinato dopo 24 ore. L'algoritmo che avevano però era ancora grezzo, può darsi però che qualche falso positivo venga segnalato tuttora. Non mi preoccuperei eccessivamente. Google su un blog non ha solo quei dati ma anche quelli di Google Analitycs, di Google Adsense, di Search Console, ecc quindi è in grado di capire se un sito è genuino. L'errore però ci può sempre essere
      @#

      Elimina
  4. Ciao Ernesto mi fai un favore? Siccome io voglio evitare che i siti malevoli/spam visitano il mio sito volevo sapere se esisteva un modo per bloccarli anche su blogger! Mi sono informato è l'unica risorsa che ho trovato è la seguente:

    http://astrogeomanzia.org/Anti-spam-list.txt

    Volevo chiederti se per te questa list e quanto indicato da questo ragazzo è veritiero e funziona realmente per bloccare lo spam dai siti malevoli o è una cavolata... te cosa ne pensi? aspetto una tua risposta. grazie mille Ernesto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non serve a nulla. Al limite può indicare un nofollow per i siti di spam ma solo se tu li linkassi e sicuramente non lo fai. L'importante è non cliccare sui link delle statistiche come illustrato nel post
      @#

      Elimina
  5. Ciao Ernesto e se per caso avessi cliccato sui link... che succede? come si può rimediare per bloccare queste continue intrusioni?

    RispondiElimina
  6. Se hai cliccato sul link hai aumentato il traffico del sito in questione. Non succede nulla. Le visite che provengono da questi siti improbabili non sono reali ma virtuali. Infatti vengono rilevate da Blogger ma non da Google Analytics.
    @#

    RispondiElimina

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti. Se ti ho aiutato con il post o con le risposte ai commenti condividi su Facebook o su Twitter. Grazie.