Pubblicato il 26/07/10 - aggiornato il  | 5 commenti :

Nel Ddl Intercettazioni rimane la norma che obbliga i blog alla rettifica entro 48 ore. Niente paura c'è sempre la possibilità di emigrare in Islanda!

Non voglio tediarvi con un excursus di quello che è il Disegno di Legge sulle Intercettazioni. Ricordo alcuni punti essenziali

  1. Il Ddl era nato per tutelare la privacy ma di fatto era diventato una limitazione alla libertà di stampa
  2. Con questa legge si rendono meno efficaci alcuni strumenti dei magistrati nella lotta al crimine. Penso soprattutto a quello considerato piccolo (donne molestate telefonicamente per esempio)
  3. La Presidente della Commissione Giustizia, Giulia Bongiorno, ha apportato delle modifiche che rendono meno rigida la censura: "Le intercettazioni possono essere pubblicate se hanno rilevanza sociale
  4. Permane l'eliminazione della cosiddetta "Norma Falcone" con conseguenti problemi nell'intercettazione delle associazioni a delinquere non mafiose

La cosa che riguarda più direttamente internet e i blog è però un'altra che in questi giorni, potrei dire anche in questo momento, viene dibattuta in rete con grande passione e grande impegno.

Una norma introdotta riguarda infatti proprio il mondo del web e non si capisce cosa c'entri con le intercettazioni telefoniche. E' infatti fatto obbligo a qualsiasi blog e quindi a qualsiasi blogger di rettificare nello spazio di 48 ore una notizia o un articolo che possa contenere una informazione non corretta.

In sostanza, se la norma venisse approvata, tutti i blogger dovrebbero stare all'erta per pubblicare una eventuale rettifica che gli sia richiesta pena una multa di 12.500 euro. Non c'è verso di fare neppure una settimana di vacanza tranquilli! E' evidente che questo porterà molti siti a una scelta drastica. O si chiude o si smette di occuparci di argomenti su cui i potenti, e i loro agguerriti avvocati, sono particolarmente sensibili.

Non si tratta di diffamazione perché questa è già ovviamente prevista dalla legge. Se con un articolo di un blog si diffama un cittadino si è già adesso giustamente passibili di azioni penali. Riguarderebbe per esempio anche una notizia non riportata in modo perfettamente corretto perché si è sbagliato un nome o una data o una citazione. Cosa ovviamente sempre possibile in siti gestiti da non professionisti.

A legislazione attuale succedono già cose come questa raccontata da Guido Scorza figuriamoci cosa può accadere se passa questa norma.

Mentre in Italia si va verso la censura del web, altri Paesi, per loro fortuna, vanno in tutt'altra direzione. E' notizia di poco fa che l'Islanda ha approvato all'unanimità una legge che potremmo definire "Senza Bavaglio". "Nessuno potrà in alcun modo impedire la divulgazione di documenti, la visione di siti e tutto il materiale che sarà immesso nei server islandesi."

Ma c'è di più (riporto da Repubblica):

Se uno Stato o un privato si ritenesse diffamato e ricorresse davanti ad una corte straniera, la società islandese proprietaria del computer (il server) che ha immesso in Rete carte segrete non solo non potrà essere intimidita con la minaccia di quei processi dai costi esorbitanti che stanno costringendo all'autocensura molto giornalismo occidentale, ma sarà autorizzata a rispondere con una contro-citazione davanti ad una corte dell'isola, dichiarandosi vittima di una minaccia alla libertà d'espressione.

Con questa norma l'Islanda potrebbe diventare il bunker del giornalismo investigativo. Si potrebbe sempre acquistare un dominio in quel Paese e postare notizie che potrebbero essere censurate altrove. Già adesso chi volesse divulgare intercettazioni dal contenuto significativo non dovrebbe fare altro che mandare le fotocopie del documento originale ad un sito specializzato nella divulgazione di segreti.

Wikileaks.org è un'organizzazione, con base ufficiale in Islanda, che verificherebbe l'autenticità del contenuto attraverso i suoi collaboratori in Italia quindi lo metterebbe in rete. Attraverso questo sito sono stati nelle ultime ore divulgati documenti riservati del Pentagono che illustrano la disastrosa situazione militare in Afghanistan e il doppio gioco del Pakistan. La Casa Bianca ha immediatamente protestato contro la diffusione di segreti militari. Da manuale la risposta del responsabile di Wikileaks: "Ci accusano? Allora buon giornalismo?"

Nei Paesi totalitari hanno da sempre tentato di mettere un freno alla libertà di stampa. Questo ha funzionato e funziona solo in quei paesi in cui queste norme sono accompagnate da una situazione istituzionale non democratica (Cuba, Iran, Birmania, Corea del Nord, ecc.). Quando si tenta di fare queste operazioni in Paesi in cui esistono comunque la libertà di pensiero e di associazione e, in linea di massima, non si rischia di finire in galera per le proprie idee si riesce solo a fare una figura meschina, addirittura controproducente all'obbiettivo che ci si prefigge.

Le intercettazioni della D'Addario sarebbero finite nei server di qualche altro Paese, così come quelle di Verdini, della P3 e del comitato d'affari della Protezione Civile. Chi avesse voluto ascoltarle o leggerne la trascrizione lo avrebbe fatto comunque collegandosi a un sito estero che le avrebbe accolte senza timori perché fuori dalla nostra giurisdizione.

Il problema semmai è quello della presenza di una doppia opinione pubblica: gli informatissimi che accedono alle notizie attraverso internet e i "meno informati" che continuano a conoscere solo quello che passa in televisione. Questi ultimi sono brillantemente rappresentati dalle straordinarie e ormai celeberrime Ragazze Coatte di Ostia. Forse il vero obbiettivo è proprio quello di mantenere una parte dell'opinione pubblica uniformata a tale eccelso valore intellettuale.

Aggiornamento: Le notizie riservate sulla guerra in Afghanistan sono state immediatamente riprese dal New York Times, dal Guardian e dal tedesco Der Spiegel nelle loro edizioni online. Non si sono limitati a linkare i documenti presenti su Wikileaks ma li hanno ripubblicati e integrati. Non si sono certo preoccupati delle conseguenze, hanno fatto solo il loro lavoro di giornalisti. Per noi italiani alle prese con questo dibattito di retroguardia non rimane che l'invidia e la mortificazione.  




5 commenti :

  1. Mi stanno facendo passare la voglia di creare... diventeremo un popolo grigio... senza colori?
    Che tristezza.

    RispondiElimina
  2. In un paese come L'Italia dove esite il monopolio televisvo in mano a una persona (e qualche suo amico) è normale che la rete spavanti.

    In un paese come L'italia dove il 75% delle persone esprime il propio voto sulla base di quello che dicono i telegiornali è normale che la rete spaventi

    Lo scopo è chiaro, si cerca di affossare la rete per impedire che la conoscenza dei fatti diventi libera. Per impedire che la gente possa informarsi in modo plurale e prendere coscenza di fatti che fino ad oggi venivano oscurati dalla censura.

    Un cittadino è libero solo quando ha la possibilità di informarsi e conoscere la realtà

    Internet è in grado di fare questo. La rete è in grado di offrire diversi punti di vista e di accelerare il motore della conoscenza

    Ogni ditattura che si rispetti ha come primo obiettivo di controllare l'informazione.

    Oggi nel 2000 no si può controllare internet, ma si può tentare di ucciderlo.

    Il DLL intercettazione è l'arma del delitto

    RispondiElimina
  3. Ciao parsifal32, mi congratulo con te, ma questa volta non per i servigi che hai messo a disposizione di tutti, ma semplicemente per il coraggio e la franchezza che dimostri nel pubblicare questo genere di articolo, ora se è così che un blogger si sente di essere e se è giusto quello che dici, a quando un convegno dei Blogger italiani ?

    RispondiElimina
  4. Completo l'informazione con altre modeste considerazioni
    1)Per autorizzare un'intercettazione adesso ci vorranno tre giudici e non più solo uno, così come per il rinnovo di 15 giorni in 15 giorni. Considerata la cronica mancanza di organici nella magistratura sarà difficilissimo intercettare come adesso. Saranno probabilmente privilegiati i delitti che non coinvolgono la casta
    2)E' ovvio che le intercettazioni sono aumentate considerevolmente in questi anni. C'è stato un vero e proprio boom dei telefonini. Ci sono più cellulari che abitanti. Poi chi vuole commettere dei crimini o comunque delle cose non proprio legali se ne fa una vera e propria scorta. Basta pensare a Moggi...
    3)Le persone intercettate in Italia sono tra le 8000 e la 12000. I telefoni intercettati, fissi e mobili, sono ovviamente molti di più per le ragioni appena dette
    4)Chi non frequenta pregiudicati o ambienti criminali ha probabilità di essere intercettato pari a zero

    @Rone63
    Io sono solo un modesto blogger e non ho dato il via a nessuna iniziativa; ho solo aggiunto la mia a altre più autorevoli voci. Questo argomento è sentitissimo da "colleghi" molto più influenti di me che hanno già fatto dei passi molto importanti. Per esempio hanno consegnato una petizione al Presidente della Camera Gianfranco Fini come puoi leggere in questa notizia
    http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/politica/201007articoli/56987girata.asp
    Si può firmare la petizione aderendo alla pagina fan di Facebook che si trova qui
    http://www.facebook.com/pages/No-Legge-Bavaglio-alla-Rete/139341459420035
    oppure firmare online qui
    http://www.valigiablu.it/doc/162/no-legge-bavaglio-alla-rete.htm
    nel blog Valigia Blu.
    Attualmente i blogger che hanno firmato la petizione sono quasi 6000 sulla pagina fan e quasi 4000 sul sito.
    Per quanto riguarda un congresso si può dire che per i blogger neppure è necessario, basta una iniziativa nella rete che è meno pletorica e a costo zero.
    Vorrei dire che questo post non è coraggioso e neppure di parte. Risponde solo a delle esigenze di tipo volterriano. Tutti alle superiori abbiamo studiato la celebre massima del filosofo francese
    "Anche se non sono d'accordo con te, darò la mia vita perché ti sia concesso il diritto di parola".
    C'è poi una amara storiella ambientata all'epoca del nazismo, certamente un po' eccessiva, ma che spiega perché anche i blog che si occupano di informatica, a mio parere, hanno il diritto-dovere di far sentire la propria voce quando si tratta di libertà di informazione.
    "Quando hanno portato via gli ebrei io sono rimasto alla finestra perché non ero ebreo, quando hanno preso gli zingari sono stato zitto perché non lo ero, hanno preso gli omosessuali e non ho detto niente perché mi piacciono le donne. Poi hanno preso me e non c'era rimasto più nessuno per protestare..."

    RispondiElimina

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti.
Info sulla Privacy