Pubblicato il 24/06/14e aggiornato il

Nasce Google Domini per acquistare e trasferire siti web.

Come ottenere un invito per Google Doomains il nuovo servizio di Google in Beta per cercare, trovare, acquistare o trasferire un dominio a beneficio delle piccole imprese e non solo.
Quando nel 2012 Google non rinnovò l'accordo con GoGaddy e eNom per l'acquisto direttamente da Blogger di un dominio personalizzato credetti che alla base ci fosse un profondo ripensamento della sua strategia. Nei mesi successivi non ho però trovato niente che potesse suffragare questa ipotesi.

Qualcosa però comincia a muoversi. Poche ore fa è stato infatti pubblicato da parte di Google+ Your Business un post in cui ci informano che è stato creato il servizio Google Domains che però è ancora in Beta su inviti. Il ragionamento dei manager di Google è semplice. Con il grande sviluppo di internet le prime informazioni di cui veniamo a conoscenza su una attività commerciale, su un progetto o su una associazione le otteniamo dopo aver fatto una ricerca sul web

Le piccole imprese non hanno ancora preso atto di questa grande richiesta di informazioni visto che il 55% di loro non ha ancora un sito web. In futuro probabilmente la realizzazione di un sito web non sarà la naturale evoluzione di un investimento economico ma probabilmente il suo inizio. Prima ancora di fare un business plan sarà già online un sito per illustrare il progetto a tutti coloro che fossero interessati.

Google Domini nasce quindi per offrire alle imprese un luogo dove cercare, trovare, acquistare e trasferire il proprio dominio. Come detto si tratta ancora di un servizio in Beta con inviti. Se si è interessati si può cercare il nome di un dominio e richiedere un invito con un nostro account Google

google-domini

Le funzionalità di questo servizio a prima vista paiono molto interessanti. Google infatti non addebiterà degli extra per registrare il dominio. Si potranno creare fino a 100 indirizzi di posta elettronica e ben 100 sottodomini personalizzati. Google Domini utilizzerà anche i propri DNS e questo sarà una garanzia per affidabilità e velocità di apertura dei siti.

Google non offrirà un CMS per la costruzione del sito. Sarà il cliente a sceglierlo. Ci sono hosting quali Squarespace, Wix, Weebly e Shopify che sono stati già selezionati come partner.


IPOTESI FUTURE RIGUARDO A BLOGGER

 

Visto che Google non offrirà una piattaforma di default per questo nuovo servizio è però altamente probabile che ci sarà per i clienti la possibilità di utilizzare Blogger per la creazione dei domini acquistati tramite questo servizio. Quello che dovrebbe preoccupare gli utenti di Blogger è il cambio di strategia di Google. Non si punta più su una piattaforma proprietaria e questo potrebbe portare a un ridimensionamento degli investimenti per Blogger. Di una mancanza di nuove funzionalità ce ne eravamo già accorti ma adesso sembra più chiara la strategia. In ogni caso non credo ci si debba preoccupare per la chiusura di Blogger che è altamente improbabile visti gli introiti pubblicitari che genera quanto per un progressivo disimpegno di Google da questo prodotto.




2 commenti :

  1. Secondo te, a livello di tempistiche, come siamo messi?
    Perché io sono lì lì per acquistare un nuovo dominio. Magari, prenderlo direttamente da Google è anche meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È ancora a inviti. Io ho chiesto un invito a Google Domini lo stesso giorno che ho scritto il post e ancora non mi è arrivato nulla :(
      Fai un po' te
      @#

      Elimina

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti. Se ti ho aiutato con il post o con le risposte ai commenti condividi su Facebook o su Twitter. Grazie.