25 giugno 2016 Ultimo aggiornamento:

I 12 migliori siti dove trovare musica senza copyright per video.

Molti youtuber sono soliti aggiungere una musica di sottofondo alle loro creazioni prima di pubblicarle su Youtube. Questo porta quasi sempre a una possibile violazione del copyright perché la musica commerciale che si ascolta dalle radio o da servizi come Spotify o Google Music è di proprietà degli artisti e delle società editoriali e quindi non può essere usata senza autorizzazione.

Il risultato è che Youtube potrebbe rilevare tale violazione e penalizzare lo youtuber fino alla disattivazione dell'account. Lo stesso Youtube però permette di aggiungere una musica ai video. Si clicca sulla scheda Audio di Creator Studio di Youtube, che ha una icona a forma di nota,  per aggiungere una musica scelta tra le categorie proposte: Alternative e Punk, Ambient, Classica, Country e Folk, Dance e Elettronica, Hip-hop e Rap, Jazz e Blues, Musica Cinematografica, Musica Natalizia, Musica per Bambini, Musica Pop, R&B e Soul, Reggae e Rock.


24 giugno 2016 Ultimo aggiornamento:

Cosa è l'indirizzo IP e come cambiarlo.

L'indirizzo IP ovvero Internet Protocol Address identifica univocamente un dispositivo collegato a una rete informatica. Serve per identificare un percorso di rete per essere raggiunto da un altro terminale o dispositivo di rete in una comunicazione di dati. L'indirizzo IP viene assegnato a una interfaccia che può essere un personal computer, un router o anche un elettrodomestico.

A causa della mancanza di spazio del protocollo IPv4 si è deciso di passare al protocollo IPv6 basato su indirizzi a 128 bit invece che a 32 bit. Gli indirizzi a 32 bit contenevano quattro numeri compresi tra 0 e 255, separati da punti (ad es., "82.57.143.241"). Su internet ogni computer deve avere un IP registrato per evitare duplicazioni.


Come inserire audio di sottofondo in autoplay.

La tecnologia HTML5 ha introdotto nuovi tag che permettono di fare cose che prima erano molto difficili da configurare. Mi ricordo di quando dovevamo utilizzare il player di Yahoo per riprodurre un file audio o un file video in una pagina web.

Adesso non è più necessario avere un player perché in HTML5 sono stati introdotti i tag <audio> e <video> che servono proprio a questo scopo. La sintassi con cui utilizzare questi tag viene definita dal W3C e l'ho riportata in post precedente.


23 giugno 2016 Ultimo aggiornamento:

Come monitorare l'indicizzazione di un sito da parte di Google.

Leggendo i commenti che giornalmente ricevo su questo sito emerge il timore, da parte soprattutto di chi gestisce un blog da pochi mesi, di non avere indicizzati tutti i post che ha pubblicato, che le pagine non siano state rilevate e che le immagini pubblicate siano sostanzialmente ignote a Google.
Con questo articolo spero di fare chiarezza e di togliere qualche preoccupazione a chi si sente vittima della onnipotenza di Google. Se avete un blog su Blogger sarà la stessa piattaforma a creare una sitemap per il vostro sito. È comunque consigliabile in certi casi integrare manualmente questa sitemap andando su Search Console dove dovrebbe essere già stato rilevato il vostro blog su Blogger.

SITEMAP


Se avete un sito su Wordpress dovrete invece aggiungerlo e verificarlo manualmente. La sitemap di un sito su Blogger potrà essere aperta accedendo a questo URL generico

Come testare la velocità di connessione a internet.

Come certo saprete la società di produzione e distribuzione multimediale Netflix è sbarcata in Italia da qualche mese offrendo contenuti a pagamento. Si può sottoscrivere un abbonamento gratis per un mese per poi decidere se continuare o meno a usufruire del servizio ovviamente pagando il corrispettivo.

L'abbonamento base è di 7,99€ al mese che diventano 8,99€ per un abbonamento con risoluzione Full HD con la possibilità di vedere due programmi in due diverse televisioni. C'è poi l'abbonamento che costa 11,99€ al mese che permette di collegare fino a 4 televisori e di visualizzare anche i contenuti in 4K


22 giugno 2016 Ultimo aggiornamento:

Le 10 migliori app per prenotare gli hotel più convenienti.

Le applicazioni per cellulare e tablet stanno rivoluzionando il modello di business di molti importanti settori della economia. Con l'uso delle app viene introdotta una maggiore concorrenza che inevitabilmente porta a penalizzare i beni e servizi che abbiano un cattivo rapporto qualità prezzo ma vengono anche date agli imprenditori nuove opportunità di guadagno. Più che spendere soldi in pubblicità di tipo classico molti operatori stanno cercando di ottenere più popolarità nelle applicazioni che si occupano del loro settore produttivo.

Fino a pochissimi anni fa quando si doveva pernottare in una città in cui non eravamo mai stati o si doveva programmare un viaggio o una vacanza all'ultimo momento non si poteva far altro che rivolgerci alle agenzie di viaggio che spesso non riuscivano a venire incontro a tutte le nostre esigenze e che naturalmente si facevano pagare per il loro servizio. Adesso con un semplice cellulare collegato a internet e con una adeguata applicazione possiamo scegliere tra gli hotel di una certa zona geografica quello più conveniente in relazione alla qualità del servizio che richiediamo.


Come creare una suoneria per cellulari Android o iOS.

Le suonerie personalizzate sono da sempre una delle funzionalità più ricercate nei cellulari. In questo post non mi occuperò direttamente delle applicazioni utilizzabili a questo scopo sia per Android sia per iPhone ma illustrerò il procedimento generale che può essere usato per ricavare una suoneria da una canzone ma anche da un semplice file audio presente nel PC o nel dispositivo mobile.

La cosa più ovvia da fare è quella di tagliare il brano o la registrazione audio per estrarre una clip della durata di qualche secondo visto che le suonerie che durano 3 minuti sono indubbiamente fastidiose. Questa operazione non è sufficiente perché dovremo caricare la clip audio nella giusta cartella del cellulare.

APPLICAZIONI DA USARE PER CREARE SUONERIE DAL CELLULARE


Se non volete perdere troppo tempo dietro la creazione di una suoneria potete usare una delle tante applicazioni presenti su Google Play o su AppStore.

21 giugno 2016 Ultimo aggiornamento:

Come mostrare in una pagina web dei contenuti divisi in schede cliccabili.

Al blogger mancano due cose sopra alle altre: il tempo e lo spazio. Non si riesce mai ad avere quei minuti di tempo necessari per scrivere un nuovo post o per rispondere ai commenti e d'altra parte non si riesce a concentrare nel layout tutti quei contenuti che si vorrebbero.

Con questo articolo non ho la presunzione di dare delle dritte per ottimizzare il tempo ma di dare un modesto contributo a quegli amministratori di siti su Blogger, Wordpress, o qualsiasi altra piattaforma che consenta l'utilizzo di HTML, CSS e javascript, di organizzare i contenuti suddivisi in schede con relativi pulsanti. In questo modo il lettore potrà cliccare sul nome del bottone per visualizzare il contenuto relativo e potranno essere mostrati molti più contenuti nello stesso spazio di layout.