23 settembre 2014

Come creare e gestire infiniti alias GMail e Google Apps.

Il servizio di posta della Microsoft che da Hotmail è stato rinominato Outlook permette di creare fino a 5 alias email e la stessa funzione è presente anche nella posta elettronica di Yahoo!. Gli alias su Gmail sono stati introdotti in modo completamente diverso. In Outlook come accadeva anche in Live si possono creare dei nuovi indirizzi di posta completamente diversi da quello principale. In GMail invece se per esempio avete un account nomeaccount@gmail.com tutta la posta inviata agli indirizzi del tipo

nomeaccount+aliasxy@gmail.com oppure
nomeaccount+aliasz.t@gmail.com 

sarà ricevuta nella casella di posta elettronica iniziale. In sostanza basta aggiungere un + e una qualunque stringa per creare un alias GMail. Questa funzione è attiva anche negli account di posta elettronica creati con Google Apps per esempio quando acquistando un sito da Blogger si aveva anche un account gratuito con il nome del sito come dominio. Vale a dire che gli indirizzi

22 settembre 2014

38 Temi Wordpress Responsive gratuiti.

Qualche anno fa quando si andava in Google Analitycs a controllare la provenienza del traffico la percentuale di quelli che ci raggiungevano con dispositivi mobili era inferiore all'1% e quindi non ci si faceva neppure caso. Il grande sviluppo degli smartphone e dei tablet ha però reso questa percentuale sempre più elevata. Per taluni siti il numero dei visitatori provenienti da cellulare sono addirittura la maggioranza. Questo sta inevitabilmente portando a un ripensamento del layout del sito per renderlo più adatto a dispositivi che hanno una risoluzione molto più bassa di quella di uno schermo di un PC.

La piattaforma Blogger ha creato da tempo una versione mobile dei suoi siti che può essere anche personalizzata sia pure in modo limitato. Da qualche tempo abbiamo anche imparato un nuovo termine, il cosiddetto Responsive Design che è una tecnica per realizzare dei siti web in modo da adattarsi automaticamente al dispositivo con cui vengono visualizzati. Questa accessibilità dei siti sembra che venga premiata da Google con un migliore posizionamento dei domini che la adottano.

21 settembre 2014

Le 32 migliori estensioni e applicazioni per Google Chrome.

Nonostante adesso usi più spesso Firefox di Chrome il browser di casa Google rimane comunque insostituibile per un sacco di funzionalità in gran parte non supportate dal browser di Mozilla. Sono proprio queste numerose funzioni aggiuntive che hanno fatto di Chrome qualcosa più di un semplice browser e ad averlo però reso troppo un po' troppo lento.
 
In Google Chrome ci sono almeno due tipi di componenti aggiuntivi, le Estensioni e le Applicazioni. Queste ultime possono venire avviate cliccando sulla icona App (o Mostra App) posta a sinistra del browser oppure direttamente dal desktop addirittura senza aprire Chrome. Le applicazioni possono funzionare anche senza connessione a internet e vengono aggiornate periodicamente e silenziosamente. Inoltre se avete effettuato l'accesso al vostro account di Google potrete continuare il vostro lavoro da un'altra postazione di computer visto che tutto sarà sincronizzato.
 

20 settembre 2014

Le 10 migliori estensioni di Firefox.

Da qualche tempo ho ripreso a utilizzare Firefox molto di più di quanto non lo facessi prima. La ragione è che Google Chrome ha inserito così tante funzionalità da farlo diventare decisamente lento quando si aprano più pagine contemporaneamente. Molte estensioni hanno una loro versione per entrambi i browser e quindi si può passare da uno all'altro senza particolari problemi ma ce ne sono alcune che sono specifiche o di Chrome o di Firefox e che quindi nel caso le utilizzassimo con profitto c'è l'esigenza di trovarne una che faccia un lavoro simile per l'altro browser.

Dopo tre mesi di uso quotidiano di Firefox mi sono fatto una idea di quelle che sono gli addon più interessanti per chi abbia un blog e che si diletti a pubblicare articoli in modo dilettantistico o semiprofessionale. Ho pensato quindi di elencarle tralasciando quelle più specifiche e quelle che ritengo inutili visto che appesantiscono il browser senza offrire un servizio effettivamente utile. Il discorso è ovviamente soggettivo ma per esempio le estensioni per avere risultati di calcio o di altri sport possono essere sostituiti da opportune applicazioni per smartphone molto più efficienti così come le estensioni per le previsioni del tempo a cui tra l'altro si può accedere con immediatezza digitando su Google la semplice query "Meteo Nome Città" che funziona anche con nomi di piccole cittadine.

19 settembre 2014

Come avere lo stesso livello di volume in tutti i brani di una playlist di file audio con MP3Gain.

È mia abitudine realizzare periodicamente un disco con i brani musicali che mi piace ascoltare in quel momento da usare nel lettore CD dell'auto per riprodurre la mia musica preferita quando guido. La stessa playlist la copio anche in una chiavetta MP3 da usare in altre circostanze. Ritengo che questo modo di procedere sia molto comune. La sorgente dei singoli pezzi musicali può essere molto diversa. Di alcuni magari non ne conoscevo neppure il nome che ho scoperto con SoundHound, altri li ho estratti rippando un vecchio CD perché mi andava di riascoltarli, altri ancora mi possono essere stati inviati da un amico o essere stati registrati in una radio online e questo limitandosi ai soli canali leciti di acquisizione musicale.

La difficoltà di Playlist realizzate in questo modo sta nella diversa qualità dell'audio e soprattutto nel livello di volume che varia sensibilmente da pezzo a pezzo. Quando si guida non si può stare continuamente a regolare il volume quando si passa da una canzone all'altra. Mi sono già occupato di come aumentare o diminuire il volume di un file audio con Audacity ma evidente che operare su ogni singolo brano quando se ne abbiano decine rappresenta una perdita di tempo difficilmente accettabile. 

17 settembre 2014

Come pubblicare un post su Wordpress con Office 2013.

Dopo aver visto come sia complicato pubblicare un articolo di un blog sulla piattaforma Blogger con Word 2013 adesso vediamo come nel caso di Wordpress la cosa sia decisamente più fattibile anche se personalmente preferisco editare i posto con Windows Live Writer, programma gratuito che fa parte della suite Microsoft Live Essentials.

Contrariamente a quello che avviene con Blogger se si possiede un dominio su cui abbiamo installato Wordpress si possono pubblicare articoli corredati anche da immagini, forme, tabelle, grafici, equazioni, formule chimiche di struttura e altri oggetti grafici. Dopo aver aperto Word 2013 si va su File > Nuovo e si sceglie il modello Post di Blog

16 settembre 2014

Come pubblicare un post su Blogger con Office (Word) 2013.

Il titolo del post in realtà avrebbe dovuto essere come non pubblicare un post su Blogger usando Word 2013 perché gli svantaggi di questo procedimento sono sicuramente superiori ai vantaggi. Può risultare utile solo in casi eccezionali in cui si pubblichino dei post molto formattati senza nessuna immagine perché contrariamente a Windows Live Writer, programma gratuito sempre della Microsoft, Word 2013 non è in grado di caricare le immagini sul nostro account Blogger

In questo modo vengono depotenziati tutti gli altri vantaggi di usare Word come l'introduzione di grafici, forme, ClipArt, equazioni e espressioni matematiche nonché formule chimiche di struttura visto che tutti questi oggetti vengono gestiti da Word come fossero immagini e che quindi non vengono pubblicati. Il discorso è diverso se si utilizza Wordpress ma solo nella sua versione self-hosted con un dominio acquistato e non quando si abbia un blog gratuito con indirizzo mioblog.wordpress.com. A mero titolo informativo ritengo sia comunque utile mostrare come si deve procedere per associare uno o più blog di Blogger a Office 2013 per pubblicare post o bozze direttamente da Word. Questa funzionalità in effetti non è esclusiva di Office 2013 perché era già presente su Office 2007 e Office 2010.

15 settembre 2014

Come aggiungere un link della pagina quando ci copiano del testo o delle immagini del blog.

Chi ha un blog che crea contenuti originali si sarà certo scontrato con la piaga dei "colleghi" che copiano i post immagini comprese. Mi sono già occupato diverse volte di come comportarsi quando qualcuno copia i nostri articoli e di come disabilitare le opzioni per copiare le immagini sempre nell'ottica che si tratta comunque di una battaglia lunga e difficile in cui le armi che si possiedono sono spesso spuntate.

Vi sarà probabilmente anche capitato di copiare un paragrafo di un sito e dopo averlo incollato di visualizzare un testo con l'URL della pagina da cui proviene. Questo non è certo fondamentale per fermare i copiatori ma può servire da deterrente e qualche volta le informazioni aggiunte al testo copiato rimangono.

Tynt è un sito che offre un servizio di questo tipo. Basta andare sul bottone Get CopyPaste e riempire il modulo con indirizzo email, URL del sito con .com, e non con il localizzato .it, e con la password