Pubblicato il 12/09/16e aggiornato il

Come registrare le chiamate con WhatsApp su Android e in quale cartella trovare i file audio.

Come registrare le chiamate vocali effettuate con WhatsApp, dove trovare i file audio, come trasferirli in un computer e come aprirli per ascoltarli.
Le chiamate vocali sono state attivate da WhatsApp da più di un anno e nella più usata applicazione di messaggistica istantanea c'è anche la scheda Chiamate dedicata a questa funzionalità. Per chiamare una persona con WhatsApp si va appunto nella scheda Chiamate e si tocca l'icona del contatto da chiamare. Se questo non fosse presente si tocca l'icona del telefono posta in alto accanto a quella dei tre puntini verticali del menù.

La prima volta che si utilizza questa funzionalità, WhatsApp ci chiederà il consenso per la registrazione dell'audio. Questo ci fa chiaramente comprendere come le chiamate vengano registrate e i file delle registrazioni rimangano all'interno del nostro telefonino.

Contrariamente alle normali telefonate effettuate con lo smartphone Android, con quelle fatte di WhatsApp non occorre quindi installare alcuna applicazione per registrare le telefonate perché la cosa è automatica. Mi risulta inoltre che i file delle chiamate registrate non siano criptati come avviene invece per i messaggi della chat che vengono protetti dalla crittografia end-to-end

chiamate-whatsapp 

I file delle chiamate si trovano in una specifica cartella di WhatsApp. Lo si può fare con un File Manager come Astro. Per trasferire i file delle registrazioni delle chiamate dallo smartphone al computer ci sono varie opzioni. Con la prima vanno copiati i file su applicazioni cloud come Dropbox o Google Drive che poi verranno sincronizzati nell'account per accedervi da postazioni con il computer. Un'altra opzione prevede l'utilizzo di una applicazione come AirDroid che consente la connessione tra telefonino e computer. Infine si può collegare lo smartphone con un cavo USB dopo aver installato il driver specifico per il telefonino in oggetto.

chiamate-whatsapp-file






Per trovare i file registrati delle chiamate effettuate su WhatsApp si apre il File Manager quindi si accede alle cartelle della Memoria Interna e si tocca la cartella WhatsApp quindi si va su Media. La cartella Media contiene delle sottocartelle in cui sono organizzati tutti i contenuti di WhatsApp. Si tratta delle cartelle WhatsApp Animated Gifs, WhatsApp Audio, WhatsApp Documents, WhatsApp Images, WhatsApp Profile Photos, WhatsApp Video, WhatsApp Voice Notes e WhatsApp Calls. In ciascuna di queste cartelle si possono trovare i relativi elementi e in questo modo per esempio si possono cancellare foto e video condivise da noi o da altri tramite WhatsApp.
Nella cartella WhatsApp Calls si trovano i file registrati delle chiamate. Per ciascuna chiamata verranno creati tre file denominati  in questo modo:
  1. data_ora.captured.processed.wav.gz
  2. data_ora.captured.raw.wav.gz
  3. data_ora.received.wav.gz
Si tratta di 3 file di archivio creati a partire da file wav che sono file audio. Al posto di data_ora verrà visualizzato la data e l'ora della chiamata in modo da trovare quella giusta se ne abbiamo fatte più di una. Basterà aprire uno qualsiasi dei tre file in oggetto. Per ascoltare la telefonata registrata direttamente dal telefonino si dovrà aprire il file archivio .gz con una applicazione quale RAR per Android. Per aprire invece tale file dal computer dovremo prima trasferirlo con uno dei tre sistemi illustrati sopra per poi usare una applicazione gratuita per aprire i file .gz come 7ZIP.

aprire-file-gz

Ricordo che per registrare le telefonate dovremmo avere l'autorizzazione dell'interlocutore quindi quando si fa una chiamata con WhatsApp dovrebbe essere già noto a chi si chiama che la telefonata sarà registrata automaticamente nel nostro e nel suo telefonino.




Nessun commento :

Posta un commento

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti. Se ti ho aiutato con il post o con le risposte ai commenti condividi su Facebook o su Twitter. Grazie.