Pubblicato il 11/05/15e aggiornato il

Come abilitare la modalità provvisoria in Windows 8 e 10.

Come attivare la modalità provvisoria o Safe Mode con il tasto F8 durante l'avvio di Windows 8 e Windows 10.
Fino a Windows 7 quando non si riusciva a aprire correttamente un PC Windows era pratica comune tenere premuto il tasto F8 durante l'avvio del computer per poi selezionare la Modalità Provvisoria nel menù che si apriva. In alcuni prodotti il tasto F8 era sostituito da F2 ma in ogni caso esisteva questa funzione fondamentale utile per esempio per disinstallare l'ultimo programma se come spesso capitava era proprio quello l'origine dei problemi.

Con Windows 8 e Windows 8.1 questa funzione non esiste più o meglio si può accedere alla modalità provvisoria ma solo dopo che si è accesso Windows rendendo quindi pressoché inutile questa funzione. La ragione di questa scelta è che alla chiusura di Windows negli OS più recenti il computer non viene totalmente spento ma viene attivata quella che in passato veniva chiamata Ibernazione.

COME PASSARE ALLA MODALITÀ PROVVISORIA CON WINDOWS ACCESO


Si apre la cosiddetta Charm Bar digitando Win+C oppure spostando il mouse prima in alto a sinistra per poi scendere verso il basso. Si clicca su Impostazioni per poi andare sulla icona Arresta e scegliere Riavvia il sistema tenendo premuto Shift.

modalità-provvisoria-windows

Con il tasto Shift premuto non ci sarà il riavvio immediato ma questa schermata intermedia

riavvio-windows-8

Si clicca su Risoluzione dei problemi per visualizzare quest'altra schermata

risoluzione-problemi

in cui andare su Opzioni avanzate che aprirà un'altra schermata dove selezionare Impostazioni di avvio in basso a destra. A questo punto si  clicca su Riavvia sempre in basso a destra.  Il computer si riavvierà permettendovi di scegliere tra le seguenti opzioni:
  1. Abilita Debug
  2. Abilita Registrazione Avvio
  3. Abilita Video a Bassa Risoluzione
  4. Abilita Modalità Provvisoria
  5. Abilita Modalità Provvisoria con Rete
  6. Abilita Modalità Provvisoria con Prompt dei comandi
  7. Disabilita Imposizione firma driver
  8. Disabilita Protezione Antimalware e Esecuzione Anticipata
  9. Disabilita Riavvio automatico dopo un errore
  10. Premere f10 per altre opzioni.
Se non si sa come procedere sono consigliabili le opzioni 4) o 5) per provare a risolvere il problema con delle disinstallazioni degli ultimi programmi installati.

RIPRISTINARE LA MODALITÀ PROVVISORIA E IL TASTO F8


Nei PC di fascia alta sono presenti dei sistemi di recupero che prescindono da Windows. Per un PC che non abbia queste procedure di recovery inserite direttamente dal produttore può essere utile ripristinare la funzionalità del tasto F8 all'avvio in modo da riuscire a entrare in Modalità Provvisoria anche quando Windows non si avvia.  Si va alla schermata iniziale di Windows e si cerca Prompt dei comandi,

prompt-comandi-windows

ci si clicca sopra e si aprirà la finestra nera del DOS simile a questa

prompt-comandi-windows[5] 

Si incolla questa stringa di comando 

bcdedit /set {default} bootmenupolicy legacy

e si va su Invio in questo modo 

modalità provvisoria windows

Se avete copiato bene la stringa il sistema vi avvertirà che l'operazione è stata eseguita con successo. Alla successiva apertura di Windows potete quindi utilizzare l'avvio in modalità provvisoria tenendo premuto F8. Questo sistema ha la controindicazione che rende un po' più lento l'avvio del computer. Si può comunque tornare alla configurazione originale entrando sempre nel Prompt dei comandi e digitando quest'altra stringa

bcdedit /set {default} bootmenupolicy standard

La scelta della abilitazione della Modalità Provvisoria con F8 è da consigliare quando il computer ha già iniziato a riavviarsi in modo automatico per degli errori di sistema.




Nessun commento :

Posta un commento

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti. Se ti ho aiutato con il post o con le risposte ai commenti condividi su Facebook o su Twitter. Grazie.