22 novembre 2010

Come scoprire e proteggerci da chi ci copia articoli o immagini dal blog.

Dai commenti che leggo quotidianamente su questo blog o altri siti e da alcune discussioni che sono state aperte sui forum o su Facebook, ho potuto constatare che quello del subire furti di contenuti o di interi articoli del blog sia un tema molto sentito. C'è chi pensa che bloggare sia una cosa semplice e che sia legittimo, anzi da furbi, fare il copia-incolla di post creati da altri. E' invece evidente che non è così e che la cosa, non solo è proibita dalla legge, ma è anche passibile di sanzioni che vengono direttamente dal web sotto forma di penalizzazione da parte dei motori di ricerca, esclusione da parte di servizi gratuiti di blogging e disattivazione di account di affiliazione pubblicitaria. Mi era già occupato dell'argomento plagio ma un ulteriore post penso possa essere cosa gradita.
Andiamo con ordine e cerchiamo di fissare quali sono i comportamenti illeciti, o presunti tali, più comuni:
  1. Articoli che riprendono le idee che hai espresso in un tuo post, ne ricalcano lo sviluppo ma non hanno periodi o intere frasi copiate dal tuo articolo
  2. Immagini o video che hai creato tu che vengono copiati e inseriti in altri articoli senza la tua autorizzazione.
  3. Interi post che con il copia-incolla vengono ripubblicati pari pari da un altro sito senza inserire un link attivo di attribuzione
  4. Tutti gli articoli del blog vengono ripubblicati automaticamente attraverso l'acquisizione dei feed
Il primo punto, in linea di massima, non è plagio perché non si può avere il monopolio delle idee o delle intuizioni. Se anche fossi il primo a recensire un sito o un servizio non potrei pretendere di essere linkato da tutti coloro che lo facessero in futuro anche se esprimessero le mie stesse opinioni. Questo vale anche, in linea di massima, se dovessi spiegare un particolare procedimento per la gestione di una funzionalità specifica. Un eventuale link sarebbe sintomo di buona educazione da parte del blogger che riprendesse la mia idea, ma non sarebbe obbligatorio se il testo del suo post fosse diverso, sebbene illustrasse lo stesso concetto.  
Un discorso diverso e più articolato lo merita il secondo punto che affligge molti blogger che impiegano un sacco di tempo a editare le proprie immagini e che poi si vedono copiate in altri siti. Il sistema più semplice e più usato è quello di inserire un watermark per dimostrare la paternità delle foto. Per questioni estetiche, questi segni identificativi sono spesso piccoli e inseriti in zone periferiche e quindi possono essere facilmente rimossi mediante un semplice ritaglio. Per i video bisogna distinguere se sono stati postati su un servizio tipo Youtube o se sono stati effettivamente scippati. Quando si posta un video su un sito di sharing si può consentire o non consentire il suo incorporamento. Se non si disabilita questa opzione chiunque può acquisirne il codice e postarlo sul suo sito. L'attribuzione viene data dallo stesso link che punta a Youtube e dal quale si può accedere al tuo canale. Quindi se non si vuole che i nostri video vengano ripubblicati su altri siti occorre configurarli in modo da impedirne l'implementazione. Anche in questo caso, se si trattasse di per esempio di un tutorial che ha richiesto lavoro e impegno, un link sarebbe comunque opportuno, se non altro come ringraziamento verso chi ha realizzato il video.
La pratica del terzo punto è forse quella più antipatica. Ci sono persone che stanno tre ore a scrivere un post, poi arriva il furbo di turno, lo copia tutto e lo ripubblica sul suo blog come fosse opera sua. In taluni casi si tratta di ingenuità, di persone che si sono avvicinate al web da poco ma spesso c'è anche malafede.
Il quarto punto è andato molto di moda fino a qualche mese fa, adesso mi pare che sia in ribasso. Saprete certo che esistono degli aggregatori che ripubblicano la prima parte del vostro post inserendo il link per visionarlo interamente. In genere questi servizi svolgono un compito positivo, specialmente per i blog appena nati perché consentono di moltiplicare i backlink e di attrarre un certo numero di visitatori.
Cavalcando questa moda alcuni webmaster hanno creato dei siti specializzati nella ripubblicazione automatica dei feed e non chiedono neppure il consenso dell'autore. Semplicemente inseriscono l'URL dei feed dei blog che gli piacciono e sperano di attrarre visitatori senza praticamente spendere un minuto di tempo. Ci sono i plugin WP-O-Matic o FeedWordPress che svolgono il lavoro in automatico per siti su Wordpress.
Dopo aver elencato i problemi passiamo alla ricerca di possibili soluzioni. Per le immagini sarebbe opportuno mettere gli watermark in posizioni più centrali per evitare che vengano eliminati, questo va a scapito della estetica ma certo rappresenta un forte deterrente. Un'altra possibilità, più draconiana, è quella di disabilitare il destro del mouse per impedire di copiare i contenuti degli articoli. Si tratta però solo di un palliativo perché sono numerosi i metodi per scaricare ugualmente materiale da siti con il destro del mouse bloccato.
Prima di parlare di ulteriori metodi di protezione dei nostri contenuti forse è il caso di spendere due parole sulla licenza Creative Commons. Si tratta di una semplificazione che tende a illustrare graficamente ai navigatori in che modo possono eventualmente riutilizzare i contenuti del blog. Ottenere una licenza di questo tipo non è che ti pone legalmente al riparo da plagi o copiature; non aggiunge nulla in termini giuridici alla protezione che già hai dalle leggi sulla proprietà intellettuale del codice civile.

Analisi del plagio dal punto di vista dei motori di ricerca
I plagiatori di professione non sanno che a volte aiutano i blog che hanno copiato e penalizzano pesantemente il proprio sito. E' noto che Google riesce a stabilire molto facilmente se un contenuto è originale o copiato in tutto o in parte da un'altra pagina web. I siti che hanno già pubblicato diversi articoli non hanno molto di cui preoccuparsi perché i motori indicizzano i nuovi articoli dopo pochi minuti dalla loro pubblicazione e i copiatori saranno immediatamente smascherati dagli algoritmi. Per i blog nuovi che vengono scannerizzati più raramente, si può aiutare Google a scoprire le copie inserendo in automatico alla fine dei feed un collegamento al blog in Blogger o all'articolo in Wordpress.
Si tratta in sostanza di inserire dei link al nostro sito che saranno un ulteriore prova, agli occhi dei motori di ricerca, che siamo gli autori dell'articolo. La presenza di questi collegamenti porterà anzi dei backlink in più al sito che, anche se di bassa qualità, certamente lo aiuteranno in ambito SEO. Un altro accorgimento che consiglio è quello di inserire sistematicamente almeno due o tre link a altri articoli del nostro blog. Se lo copiano in automatico ecco che avremo altri link a ritroso a costo zero.

Come scoprire chi ti copia gli articoli con FairShare
In tre anni di blogging ho testato diversi metodi per scoprire chi ci copia i post. FairShare, a mio parere, è nettamente il migliore. Si deve accedere a FairShare e incollare l'URL del feed magari ottenuto da FeedBurner. Si clicca su Next e si sceglie, opzionalmente, la licenza Creative Commons che vogliamo utilizzare. Creeremo un nostro account e ci verrà spedita una email per l'attivazione. L'URL che ci verrà inviato dovremo incollarlo nel nostro lettore di feed. Quando nel web apparirà una pagina che ha contenuti simili a una delle nostre, ci arriverà nel reader un post con tutte le notizie in merito. Spesso si tratta di aggregatori che hanno il nostro consenso per la ripubblicazione dei feed (Wikio, Il Bloggatore, Liquida, Fai Informazione, ecc) ma si riesce a beccare anche numerosi plagiatori. Mi è capitato di scoprire anche qualche amico che mi aveva copiato per intero dei post e allora ho lasciato perdere ma, se la cosa disturba, si possono mettere in atto tutte le azioni a tutela del nostro blog.

fairshare-copiare-articoli

Come vedete dallo screenshot precedente, da FairShare vengono comunicati diversi dati sull'articolo incriminato. Si può aprire andando sull'intestazione del feed, viene visualizzato il titolo dell'articolo copiato, con relativo collegamento. E' inoltre mostrata la percentuale del post che è stata copiata e il numero delle parole. Cosa particolarmente importante, ci viene anche detto se è presente o meno il link al post originale e se nel sito ci sono banner pubblicitari.

Azioni da intraprendere contro il plagio
La mia esperienza personale mi porta a consigliare che il primo approccio con chi ti ha copiato un post deve essere dettato da calma, cortesia e buone maniere. Qualche volta si tratta solo di un ragazzino che ha iniziato a giocare col computer da poco e basta un commento sul blog o una email per interrompere le operazioni di plagio con tante scuse da parte dell'autore che dichiarerà che non credeva di fare nulla di illecito. Anzi vi consiglio di accludere al messaggio anche un link a questo post per fargli capire cosa rischia perché in molti non ne sono consapevoli altrimenti non metterebbero a repentaglio la sopravvivenza stessa del loro sito o di un loro account.
Nel caso in cui si ha a che fare con siti in cui non è presente nessuna email di contatto, i commenti sono moderati e non si riesce a capire chi sia il proprietario neppure con il Whois allora è giusto passare a azioni più pesanti.
Nei termini e condizioni di Blogger c'è scritto che non possono essere inseriti contenuti protetti da copyright. Se quindi un sito su questa piattaforma ci ruba i post, possiamo rivolgerci al Forum di assistenza di Blogger per farlo presente. Visto che è prevista la cancellazione pura e semplice del blog, prima di procedere, è bene avvertire il plagiatore di quello che potrebbe succedergli.
Queste condizioni sono previste anche per altri servizi gratuiti di blogging come Wordpress.com e quindi anche in questo caso possiamo usare la stessa tecnica di persuasione minacciosa. Se il copiatore ha un sito di sua proprietà o se ha acquistato un dominio personalizzato, non è che sia al riparo da queste sanzioni.
La legge sul copyright digitale o Digital Millennium Copyright Act indica quali sono le disposizioni internazionali su questa materia. E' possibile fare una notifica a Mountain View sulla presunta violazione a cui l'accusato potrà rispondere con una contronotifica. Google avrà facoltà, nel caso in cui le accuse venissero provate, di procedere anche alla disattivazione dell'account incriminato oltre che all'oscuramento della pagina o del sito responsabile del plagio.
Se poi, chi ti ha copiato, ha pure intenzione di guadagnare con i tuoi articoli, gli si può ricordare che Google Adsense prevede che i contenuti dei siti su cui vengono visualizzati gli annunci debbano essere originali e conformi al DMCA. Si può prima minacciare e poi procedere alla notifica della violazione mediante l'apposito modulo
Non sono però mai dovuto arrivare a questa extrema ratio per proteggere i post dai siti copiatori. Sono benvenuti commenti, suggerimenti o integrazioni a un articolo che non ha potuto certo enumerare tutte le casistiche possibili.
Aggiornamento: Il servizio FairShare ha purtroppo cessato la sua attività.



34 commenti:

  1. argomento abbastanza spinoso... certo che ridursi a fare il copia e incolla degli articoli per intero e senza fare manco il nome della fonte o si è stupidi per davvero o si è consapevoli di fare qualcosa di sbagliato!!

    RispondiElimina
  2. ti voglio ringraziare per tutti i consigli sempre utili che dai,anche spiegati in modo chiaro e semplice anche per una babbiona come me,ma soprattutto per quello sul link ai feed del proprio articolo,ci sono incredibilmente riuscita e ora,alla fine dei feed appare l'autore del post e il richiamo alla licenza creative commons.Ancora grazie,ciao,Giulia

    RispondiElimina
  3. Questo articolo è davvero geniale,porchè ioho appena aperto un blog,privato e ho messo l'opzione non trovare dai motori di ricerca(almeno,è così o si trova lo stesso?)però in giro per il web si trovano miriadi di cose e qualcuna può interesare,così chiedendo autorizazione e mettendo la fonte posso metterlo nel blog,ma solo come fonte per certi articoli creati da me. quello che non ho capito è se posso usare immagini prese dal web,non posso mettere foto da me,non sono neanche bravo a farle e la domanda è se è scorreto..e per i video di youtube?

    RispondiElimina
  4. @La Rosa della Pioggia
    In linea di massima non si può copiare niente di testuale dal web. Al massimo si può riportare un passaggio come citazione e linkare la pagina da cui si è estratto.
    Le immagini possono essere pubblicate solo se sono di dominio pubblico o hanno la licenza free
    http://www.ideepercomputeredinternet.com/2009/07/google-immagini-introduce-la.html
    http://www.ideepercomputeredinternet.com/2009/08/i-migliori-5-servizi-online-per-trovare.html
    I video di youtube possono essere incorporati nel sito perché è implicita l'autorizzazione dell'autore nel momento in cui lo condivide senza limiti all'incorporamento

    RispondiElimina
  5. Prima di tutto è ormai evidente la tua maturità! Questo, e mi fa molto piacere, l'ho capito quando hai consigliato vivamente di intraprendere un azione iniziale quieta contro i plagiatori. Infatti, te lo dico chiaramente, il 95% almeno dei ragazzi, appena entra in questo mondo, verte a copiare, ma senza malizia. Lo dico perchè sono ancora un bamboccio di sedici anni, anche se ho già passato quel periodo.
    Vorrei chiederti per favore di prendere questo articolo e metterlo nel mio blog, però, ovviamente, vorrei chiederti come fare per ricambiare i link senza errare. Infatti, non vorrei assolutamente modellare questo post, in quanto completo e chiaro. E vorrei che anche quelli che visitano il mio blog lo leggessero. Grazie
    Corvo Michele

    RispondiElimina
  6. @Corvo Michele
    Puoi riportarlo sul tuo blog. Basta che alla fine o all'inizio, come pare a te, scriva una riga in cui dicessi da dove lo hai preso e mettessi il link a questo post.

    Per l'indicizzazione delle immagini e il tag Alt leggi qui
    http://www.ideepercomputeredinternet.com/2010/11/come-farsi-indicizzare-foto-e-immagini.html

    Quando un commentatore prende troppo il "sopravvento", in senso scherzoso, il widget diventa brutto, quindi sono costretto a malincuore a toglierlo.

    Spero che continui a seguirmi lo stesso quando e se succederà ^_^

    RispondiElimina
  7. Un articolo meraviglioso e utilissimo, però, leggendolo, semba tutto semplice, però al momento di metterlo in pratica... un disastro, non riesco a capire cos fare (si tratta dei FEED)... Non è prevista, per caso, la pubblicazione di ulteriori speùiegazioni per quelli che non capiscano ? ;)

    RispondiElimina
  8. @Cocorita Giuliva
    Se qualcuno ti ruba i feed senza consenso in realtà non ti fa un gran danno. Se metti nei tuoi articoli dei link interni anzi ti aiuta nel posizionamento. Comunque puoi inviare una email al sito copiatore o farlo presente in un commento che non sei disposta a lasciar perdere.

    RispondiElimina
  9. Salve, grazie mille per consigli, cerchero di inserire dei link nei testi, però in alcuni casi non riesco farlo, in quanto si tratta di rapporti... Il problema vero ho con le foto, le trovo in giro per la rete senza alcun accenno all'autore. Spesso, ladri se ne fregano delle richieste di osservare la legge e le regole di Free Commons, tanto la giustizia non funziona e lo sanno perfettamente, il che crea situazioni di illegalità mostruosa. Ho ricevuto anche brutti insulti e minacce da alcuni ladri, al posto delle scuse. Perciò speravo di imparare a difendermi da sola...

    RispondiElimina
  10. @Cocorita Giuliva
    Puoi pensare di inserire degli watermark. Se non altro sono un deterrente ;)

    RispondiElimina
  11. Ciao Ernesto.
    Poco tempo fa ho trovato un blog (tramite le visite viste attraverso Feedjit) e con mia grande sorpresa vi ho trovato all'interno tutto o quasi il mio blog!
    C'era anche altra roba non mia, comunque.
    È stato come guardare una persona e vedere la tua faccia, insomma incredibile. Non mi era mai capitato. Allora ho postato un commento chiedendo semplicemente "e questo che significa?".
    Nei giorni seguenti è tornato a farmi visita. Ma non ha tolto nulla dei miei contenuti e foto. A tutt'oggi sono ancora lì.
    Solo che proprio adesso che ho controllato, mi sono accorta che una serie di mie immagini sono oscurate. Questo solo per una ragione ben precisa: ultimamente ho avuto uno strano problema sul mio blog. Pian piano tutte le foto si sono oscurate e però erano tutte presenti nell'album Picasa. Non ho mai capito cosa è successo, sta di fatto che dopo una settimana di attesa ho dovuto reinserire le foto in tutti i post (prelevando sempre le stesse da picasa). Beh, adesso su quel blog continuano ad essere oscurate, anche se solo una parte.
    Riproverò a commentare, con calma e gentilezza.
    A parte questo, volevo dirti che non mi è chiaro in che modo si può ripubblicare un intero blog attraverso l'acquisizione dei feed. Ti è possibile fare un esempio?
    Grazie per l'interessante articolo.
    Ciao.
    Loryan

    RispondiElimina
  12. @Loryan
    Ci sono aggregatori ufficiali come Liquida Wikio che lo fanno con il consenso dell'autore e limitandosi a postare solo l'incipit dell'articolo con il link verso la fonte originale.
    Un semplice webmaster anche con modesta esperienza lo può fare usando Wordpress e i plugin che ho indicato nell'articolo. Con Blogger si può fare con un espediente utilizzando Mail2Blogger
    http://www.ideepercomputeredinternet.com/2011/09/come-creare-una-aggregatore-di-siti-con.html
    però è una soluzione che credo sia poco usata.
    Per risolvere il tuo problema puoi comunicare al copiatore che, se non elimina gli articoli copiati, ti rivolgerai a Blogger chiedendo il ban del suo sito. Il link lo puoi trovare sempre nel post.
    Vedrai che allora si impaurirà e smetterà di copiare.

    RispondiElimina
  13. Allora deve aver utilizzato Mail2Blogger perchè la piattaforma sulla quale è presente il blog è proprio quella di Blogger.
    Per il resto ho già scritto un commento all'autore, chiedendo gentilmente di rimuovere il contenuto copiato.
    Vedremo cosa deciderà di fare.
    Daltronde, se la situazione dovesse rimanere invariata dovrò fargli presente che mi toccherà rivolgermi a Blogger.
    Grazie di tutto, Ernesto!

    Buona serata :)

    Loryan

    RispondiElimina
  14. @Loryan
    Non credo che usi Mail2Blogger. Dovrebbe essere uno in gamba e quelli in gamba non copiano gli articoli degli altri :P
    No, credo che faccia semplicemente il copia incolla tutte le volte che pubblichi un post perché gli piace il tuo blog.

    RispondiElimina
  15. Certo che tutta questa faccenda è strana!
    Poi ho notato che i titoli che dà ai suoi post sono diversi, non sono tradotti, sono proprio stravolti! Va bene che non capisco l'inglese, ma non fino a questo punto.
    Se lasciassi il link qua, potrebbe esserti utile?... farei qualcosa di controproducente o fastidioso per te?
    Insomma, se può servire dimmelo.
    Grazie ancora!
    Ciao.

    RispondiElimina
  16. @Loryan
    Guarda che anche a me capitano le stesse cose ... Purtroppo è normale. Il fatto che cambi i titoli significa che fa tutto manualmente come avevo sospettato. Tu segui le indicazioni di questo post se non risolvi non le buone maniere. In ogni caso Google riesce a capire chi copia e paradossalmente il sito di colui che viene copiato aumenta in autorità perché significa che i suoi contenuti sono validi.
    L'ingegnere capo del Team Antispam di Google, Matt Cutts, ripete sempre, non preoccupatevi troppo di chi vi copia, fa il vostro gioco :D
    P.S. Speriamo ^_^

    RispondiElimina
  17. Ciao, ho appena finito di leggere il tuo articolo, molto esplicativo e ben scritto, grazie a Loryan che me lo ha linkato e che mi ha avvisata, poiché a quanto pare, questo signore ha copiato persino dal mio piccolissimo blog, che praticamente è sconosciuto! Il signore in questione ha fatto una traduzione di un mio post ( e io ho editato il mio articolo inserendo proprio questo fatto, con la sua traduzione, che però modificherò).
    Ho scoperto poi che addirittura vengono copiati link musicali che posto da Youtube con titoli completamente fuori senso sul blog copiatore. Bah!
    Per qualsiasi articolo che io abbia mai copiatoincollato dalla mia comparsa sul web (gestico anche un sito di medicina che è linkato permanentemnte nel mio blog) ho sempre citato la fonte, come è doveroso. Evidentemente qualcuno non capisce che è il minimo che occorra fare se si 'prelevano' contenuti altrui, e che il non farlo comporta conseguenze.
    Mi permetto anche io di copiare il tuo post, naturalmente con ampia citazione e link originale. Di sicuro appena ho il tempo che ci vuole per creare un bell'articolo!
    Grazie per la spiegazione e grazie a Loryan che mi ha fatto arrivare qui, in più il sito mi pare proprio una miniera di info utilissime ^__^ complimenti!
    A presto,
    Aida

    RispondiElimina
  18. Sai qual'è il mio vero scopo? in questo momento solo quello di capire un po’ di cose su questo argomento.
    Per il resto, hai ragione e sono d’accordo con te. Certo, dipende anche da cosa viene copiato, come, quanto e perché, e le conseguenze che ne possono derivare, soprattutto quando il progetto del vero autore non è quello di scrivere un blog formato “diario personale”.

    Ciao Aida!

    Grazie ancora, Ernesto!

    RispondiElimina
  19. @Aida
    @Loryan
    C'è una sottile differenza tra prendere spunto e copiare. Se viene fatta la traduzione integrale o anche solo parziale di un articolo è evidente che si tratta di plagio ma se qualcuno riprende i vostri temi e li ripubblica in un'altra lingua non è obbligato a mettere il link di attribuzione. Si tratta solo di buona creanza e di rispetto per il lavoro altrui. Succede anche nella carta stampata. Non sempre viene citato il nome dell'agenzia che per prima ha dato una notizia. Viene fatto solo quando il testo è riportato integralmente. Se invece si copiano le immagini allora non ci sono dubbi che si tratta di furto di proprietà intellettuale.
    Anch'io non è che sono esperto di questi temi che sfociano anche nel "legalese" più pedante. Mi sento di poter dire è che quelli che copiano vanno però poco avanti. Vengono penalizzati dai lettori e dai motori di ricerca quindi, per la mia esperienza, si tratta quasi sempre di blog che non superano i tre mesi di vita. Poi il copione vede che i risultati non arrivano e lascia perdere ;)

    RispondiElimina
  20. Certamente! Se qualcuno riprende gli stessi temi e pubblica articoli basati su questi nel suo spazio, non sta facendo altro che affrontare degli argomenti dal suo punto di vista: le "idee" in questo senso non sono di proprietà.

    Invece, pubblicare lo stesso tema con la stessa impostazione strutturale del testo, in una parola "uguale", con l'unica differenza di averla tradotta... è un altro paio di maniche.
    Infatti, non è che la sola traduzione in lingua diversa comporta il diritto di copiare. Sarebbe troppo comodo: basterebbe infatti navigare alla ricerca di siti basati su un dato argomento ed in lingua straniera e poi copiare l'intero mondo!

    Nel caso che mi riguarda in questo momento, avviene che il tizio copia tutto tale e quale, lo traduce, inserisce pure le mie foto, e pubblica. Oltretutto si tratta di tutorial.
    E... se anche fosse stato in buona fede, c'è da notare il fatto che dopo due mesi dal mio primo commento, non ha fatto nulla se non entrare ancora nel mio sito.
    Quindi, neanche la scusa dell'assenza forzata (per motivi suoi) dal web, potrebbe addurre come motivo per non avere ancora cancellato alcunchè!
    È proprio questo che fa cambiare aspetto a tutta la faccenda ;)

    RispondiElimina
  21. @Loryan
    L'aspetto che copia anche le tue immagini è decisivo. Prova a mettere degli watermark in posizione centrale per vedere se desiste, se non lo fa rivolgiti a Blogger
    http://www.google.com/support/forum/p/blogger?hl=it
    oppure direttamente a Google
    http://www.google.it/dmca.html#notification

    RispondiElimina
  22. Adesso Fairshare sembra non funzionare ma Ce n'è un altro sito utile allo stesso scopo: Copyscape

    RispondiElimina
  23. buongiorno,

    è possibile sapere come tutelare un video corso e con quale pisattaforma è possibile venderlo?

    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @EmanueleCorbelli
      Per venderlo non ti so dire nulla. Per la tutela esiste quella del codice civile però bisogna andare in mano agli avvocati. Puoi pubblicarlo su Youtube e se qualcuno te lo copia e lo ricarica puoi farlo cancellare. Certo che la cosa migliore sarebbe quella di caricarlo su un sito di tua proprietà ma non so se è il tuo caso.

      Elimina
  24. Grazie per il tuo bel articolo.

    Anche se si bloccano le foto si possono fotografare dallo schermo e bloccati non possono essere ripresi da alcuni siti che inseriscono foto dei migliori blogger (utile per farsi pubblicizzare).

    Con Google Immagine di possono trovare in un attimo le foto copiate e chi ha copiato. Non tutti i siti ma molti.

    Alcuni siti commerciali e turistici, non blogger, per ora, copiano le mie foto e questo mi irrita molto anche perché oltre a non avere chiesto il mio permesso non mettono neanche il link del mio blog. Ho già scritto a due siti che hanno preferito levare le foto che mettere il link, scusandosi dando la colpa al grafico o all'agenzia. La cosa si presenta lunga e noiosa e non vorrei perdere tempo in queste cose. Potrei non controllare più ma non mi sembra giusto perché i studi grafici che mettono le nostre foto rubate si fanno pagare il lavoro, foto incluse che altrimenti dovrebbero andare a farle.

    Avevo pensato allora di fare un'altra cosa....pubblicare ogni tanto foto dei siti con le mie foto, farne una raccolta di tre o quattro per volta e pubblicarle in un post del mio blog.
    E' un idea senza rischi secondo te? Sarebbe il colmo se avessi io dei problemi! Se lo facessimo tutti sarebbe un modo per farli smettere, un deterrente, mi rifersco solo ai siti turistici e commerciali in genere, per i blogger è un'altra cosa, è un privato e ci si mette d'accordo.

    Insomma si deve trovare un modo per bloccare questi continui furti! Gli avvocati costano e non credo che un blogger abbia tempo e denaro per farlo!
    Non voglio far chiudere i siti ma far passare la voglia di questa bruttissima abitudine.
    Invece a me sta passando la voglia di continuare con il blog! Sto solo che foraggiando i siti commerciali e nessuno mi paga.

    Grazie, Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Cristina
      Se prendi degli screenshot di siti che ti hanno copiato le immagini senza permesso e le pubblichi sul tuo blog puoi avere il vantaggio di aumentare la tua autorevolezza di fronte ai lettori, visto che copiano solo chi è bravo, e di agire come deterrente per eventuali copie future, visto che essere beccati in flagranza di plagio non fa certo piacere a nessuno.

      Elimina
    2. Grazie Ernesto.....per ora ho avvertito in un post della possibilità della notifica come tu hai indicato.
      Buona giornata! : ) Cri

      Elimina
  25. Salve ernesto, siccome sono nuova del web, vorrei chiederti gentilmente una cosa.. vorrei aprire un account google adsense, ma mi chiede di finire il sito prima ke l account venga accettato.. come devo fare? quanti articoli devo scrivere più o meno? avevo avuto mezza idea di fare una specie di ricerca per le ultime notizie e modificare piu o meno il testo e il titolo solo per farmi accettare l account al piuù presto... ma a quanto ho capito rischio di essere bannata prima di cominciare? dammi qualche dritta tu per favore. saluti. Maria Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @MariaChiaraTafa
      Non sono esperto sulle norme di Adsense. So che ci sono due passaggi da fare. Dopo la richiesta di ammissione al programma viene visualizzato il sito da un dipendente Google per vedere se è tutto in ordine e se sei in grado di inserire correttamente la pubblicità. Se è così allora ti danno l'OK. Forse non hanno ancora ritenuto che fosse tutto a posto. Altro non so dirti.

      Elimina
    2. Non riesco ad entrare nella home page di Fairshare dal link del tuo post.
      mentre dal link di google invece è solo per il login, mentre io vorrei registrarmi? Mi sa che non funziona più, ci sono alternative per vedere chi ti copia?

      Elimina
    3. @AndreaSapuppo
      Fairshare ha chiuso. Era il servizio migliore. A breve pubblicherò un post su possibili alternative ma si tratta di seconde scelte.

      Elimina
  26. Ciao,sono una blogger di moda e consulenza d'immagine. Di recente ho trovato un famoso sito exite.it che ha pubblicato un articolo che sembra la brutta copia del mio. Molte frasi ed esempi (a dir la verità quasi tutti)sono una rielaborazione poco pensata dei concetti da me espressi.

    Tanto per farti un esempio:
    Mio:
    "Poco seno: per dare l’effetto ottico del volume puoi giocare con le righe di paillettes (non importa se verticali o orizzontali) o usare tessuti lucidi. I materiali lucidi riflettono la luce e danno l’effetto ottico del volume."


    Exite:
    "Se invece il tuo problema è che hai poco seno una soluzione potrebbe essere un capo con righe oblique solo all’altezza del seno, oppure righe in paillettes che riflettendo la luce creano l’effetto del volume."

    Ho contattato exite ma loro non mi hanno risposto. Sono molto arrabbiata quindi non voglio lasciare perdere. Ho deciso di scrivere un post sul mio blog denunciando la cosa. Però leggendo il tuo articolo al punto 1 sembra, che io non possa obbligarli a cancellare il post visto che non è un vero copia incolla.

    A questo punto vorrei un consiglio da te visto che non capisco se posso far valere il mio diritto d'autore oppure no. Che devo fare? Volevo ricontattarli ancora ma vorrei essere sicura di essere dalla parte della ragione. Se fossi del giusto potrei anche denunciarli? o eventualmente minacciarli di farlo?

    Questa storia è molto ingiusta in quanto ho studiato per giorni per poter scrivere un buon post e poi arrivano questi e si fanno un sacco di traffico alla facccia mia! Vorrei un po' di giustizia in quest'Italia dimenticata da Dio. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @# Capisco benissimo la tua frustrazione che è la stessa che provano tutti i giorni molti nostri colleghi. Se l'articolo riporta gli stressi tuoi concetti ma non ha interi periodi copiati e ha immagini diverse temo che ci sia poco da fare dal punto di vista del diritto d'autore però puoi sempre sentire il parere di persone più esperte di me in merito. Ci sono avvocati che sono anche blogger e che si occupano proprio di questi temi. Il più conosciuto tra questi è
      http://www.guidoscorza.it/
      Puoi eventualmente provare a contattarlo

      Elimina
  27. Grazie del consiglio. Chiederò un opinione al blog da te indicato. Grazie per avermi risposto :)

    RispondiElimina

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti al post.